dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 luglio 2013

Mercato auto: l'Europa affonda

A giugno le immatricolazioni sono scese del 6,3%. Tutti i marchi Fiat sono in discesa e appena 4 costruttori su 18 restano a galla

Mercato auto: l'Europa affonda

Il mercato dell'auto in Europa proprio non si riprende. Dal 2007, ultimo anno positivo, la domanda di auto nuove è sempre diminuita arrivando a perdere in 5 anni e mezzo circa 4 milioni di vetture. Il nostro è quindi l'unico mercato al mondo ad essere tecnicamente in controtendenza, visto che le altre aree del pianeta, anche quelle che erano in crisi (pensiamo agli Stati Uniti), hanno ricominciato a crescere. Solo a giugno le immatricolazioni sono calate del 6,3% con un appena quattro costruttori su 18 che hanno registrato un aumento delle immatricolazioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il Gruppo Fiat ha ceduto il 13,6% con tutti i marchi in discesa, compresi Ferrari e Maserati, mentre quello Volkswagen, che resta il primo in Europa per quota di mercato, ha immatricolato il 4,4% in meno. Vediamo di seguito la situazione in dettaglio.

PIU' DI META' EUROPA E' IN RECESSIONE
A giugno 2013 appena un terzo dell'Europa ha immatricolato più auto che nel 2012. In vetta ci sono la Danimarca, il Portogallo, la Slovenia e la Finlandia. A seguire c'è la Gran Bretagna, l'unico tra i cinque principali mercati europei a viaggiare controcorrente. Qui a giugno è stata registrata la 16esima crescita consecutiva ed in sei mesi il mercato ha ottenuto un +10%. In Spagna invece sono state immatricolate 72.766 vetture (-0,7%) che hanno portato il primo semestre dell’anno a chiudere con un volume totale di 386.353 unità e un calo del 4,9% sul gennaio-giugno 2012. Non ha fatto meglio l'Italia, che a giugno ha incassato un -5,5%, restando tuttavia un po' al di sopra della media europea (-6,3%).

TUTTI I MARCHI FIAT HANNO PERSO IMMATRICOLAZIONI
Il quadro più preoccupante emerge tuttavia dall'analisi dell'immatricolato per costruttore. Come già detto, appena quattro gruppi hanno resistito, mentre tutti gli altri a giugno hanno incassato una flessione. La perdita maggiore su base annua è di Volvo (-14,3%), ma non è andata meglio all'italiana Fiat che ha ceduto il 13,6% collocandosi tra i gruppi che hanno performato peggio. Il calo minore invece è di Mazda: -1,1%. Tra i positivi spicca il +6,9% di Ford, seguito dal +0,9% di Renault Group e Jaguar-Land Rover. Daimler ha chiuso il mese con uno 0,6% in più del 2012. Riportiamo di seguito la tabella completa.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top