dalla Home

Curiosità

pubblicato il 15 luglio 2013

Ron RXX

La piccola supercar messicana è una biposto in tandem che si ispira alle vetture inglesi in stile “racing”, tipo Radical o Caparo

Ron RXX
Galleria fotografica - Ron RXXGalleria fotografica - Ron RXX
  • Ron RXX - anteprima 1
  • Ron RXX - anteprima 2
  • Ron RXX - anteprima 3
  • Ron RXX - anteprima 4
  • Ron RXX - anteprima 5
  • Ron RXX - anteprima 6

I piccoli artigiani messicani dell’auto sembrano aver trovato tutti nello stesso momento l’ispirazione per proporre compatte e leggere supercar, in stile KTM X-Bow. Dopo la Vuhl 05 e la storica Mastretta MXT è infatti arrivato il turno della Ron RXX, biposto in tandem ultraleggera che sarà sviluppata, prodotta e venduta in Messico. A proporla è la neonata Automobile Ron Mexico, azienda centroamericana che si affida ad una squadra di professionisti e tecnici autoctoni. La Ron RXX ha il telaio in alluminio e traliccio d’acciaio su cui poggia una carrozzeria “peso piuma” in vetroresina e alcune componenti in fibra di carbonio.

SENSAZIONI DA PISTA, SU STRADA
L’esito di questa operazione è simile a certe supercar in miniatura della tradizione inglese, in stile Radical o Caparo. Come le citate ispiratrici la Ron RXX ha tutta l’intenzione di offrire al suo guidatore le accelerazioni e le emozioni di una Formula 1. Il baricentro radente l’asfalto promette poi di comunicare al pilota (attraverso il sedile) tutte informazioni sulla velocità di percorrenza delle curve e su una tenuta di strada definita “pura e dinamica”. Il design della carrozzeria esalta la costruzione con corpo centrale separato dalle ruote, soprattutto davanti dove due parafanghi aerodinamici con luci incorporate ricoprono a malapena gli pneumatici.

MOTORE MISTERIOSO
Il posteriore è appena più elaborato, con una serie di pannelli che potrebbero servire a dare sfogo ai bollori del motore e a migliorare l’aderenza al suolo del retrotreno. Il condizionale è d’obbligo, visto che le informazioni sul progetto Ron RXX non citano alcun dato di meccanica. Dai primi disegni disponibili risulta difficile immaginare che nel poco spazio alle spalle del passeggero possa trovare posto un motore più grande di un quattro cilindri, da piazzare in posizione trasversale. La Ron RXX è annunciata come una vettura omologata per l’utilizzo stradale e sarà disponibile in tre diverse varianti di finitura e potenza: RXX, RXX-S e RXX-R. Per chi invece desiderasse qualcosa di più tradizionale la Automobile Ron Mexico sta sviluppando la R7 Limited, ispirata alla classica Lotus Super Seven.

Autore:

Tag: Curiosità , auto americane , dall'estero


Top