dalla Home

Home » Argomenti » Multe e Ricorsi

pubblicato il 18 giugno 2013

Multe e verbali: un’app trasforma i cittadini in poliziotti

In Canada SpotSquad permetterà di scattare foto e segnalare infrazioni direttamente alla Polizia

Multe e verbali: un’app trasforma i cittadini in poliziotti

Parcheggi in doppia fila, occupazione “abusiva” dei posti riservati ai disabili, sosta selvaggia a cavallo delle strisce segnaletiche: infrazioni lievi che spesso non vengono rilevate dagli agenti preposti a questo compito. Le motivazioni sono molteplici e spaziano dalla carenza di personale fino al numero elevato di violazioni che abitualmente compiono i cittadini alla guida di un mezzo. In Canada però si sta testando una nuova App per cellulari in grado di coinvolgere il cittadino nel monitoraggio delle trasgressioni . Si chiama SpotSquad e permette di fotografare le infrazioni compiute dai cittadini attraverso la fotocamera del telefonino e inviare lo scatto al comando di Polizia che - dopo un’attenta analisi dello stesso - provvederà (o meno) a mandare il verbale di contestazioone al trasgressore.

Un modo nuovo di comunicare tra forze dell’ordine e cittadino, che avrà modo di guadagnare anche qualche soldo dal suo servigio grazie ad un pagamento che riceverà dall’applicazione stessa. Per ora è stata avviata una fase di test in alcuni parcheggi privati, in attesa del lancio che avverrà sicuramente dopo l’estate. Rimane il divario tra chi pensa che SpotSquad sia un’idea intelligente e chi invece è dell’avviso che possa rivelarsi un triste modo per “arricchirsi” sulle spalle del prossimo.

SpotSquad Mobile App Demo

SpotSquad e il sistema per l'invio delle immagini alla Polizia

Autore: Davide Lonardi

Tag: Curiosità , polizia , multe , app


Top