dalla Home

Test

pubblicato il 13 giugno 2013

Nuova Citroen C4 Picasso: benvenuti nello spazio

Grazie al pianale modulare la monovolume mette in mostra belle doti di abitabilità, leggerezza, compattezza e sobrietà nei consumi

Nuova Citroen C4 Picasso: benvenuti nello spazio
Galleria fotografica - Nuova Citroen C4 PicassoGalleria fotografica - Nuova Citroen C4 Picasso
  • Nuova Citroen C4 Picasso - anteprima 1
  • Nuova Citroen C4 Picasso - anteprima 2
  • Nuova Citroen C4 Picasso - anteprima 3
  • Nuova Citroen C4 Picasso - anteprima 4
  • Nuova Citroen C4 Picasso - anteprima 5
  • Nuova Citroen C4 Picasso - anteprima 6

La nuova Citroen C4 Picasso è cambiata davvero e si vede. La seconda generazione della monovolume francese ha infatti abbandonato le forme tipicamente tondeggianti nate sulla vecchia Xsara Picasso per intraprendere un percorso stilistico più intrigante e decisamente futuribile. In pratica la Casa del “Double Chevron” ha sfruttato una ghiotta occasione come quella dell’esordio del nuovo pianale modulare EMP2 (lo stesso della nuova Peugeot 308) per realizzare una Citroen C4 Picasso ultramoderna e identica alla concept Technospace. Il risultato è sotto i nostri occhi, in una assolata Lisbona che ospita le prove in anteprima della nuova C4 Picasso e mette in luce i dettagli innovativi della 5 posti francese. Cinque appunto, perché per avere il modello 7 posti occorre attendere fino al prossimo mese di ottobre quando debutterà la nuova "Grand C4 Picasso”. La nuova C4 Picasso non offre però solo stile avveniristico, ma una serie di doti interessanti che vanno a migliorare l’abitabilità, il comfort di viaggio e i consumi, come abbiamo avuto modo di sperimentare nella nostra prova di quasi 300 km lungo le strade portoghesi.

UNA CONCEPT DA GUIDARE, ORA
Osservare da vicino la nuova Citroen C4 Picasso significa davvero fare un balzo nel futuro, dato che fra le monovolume non c’è nulla che sembri così proiettato in avanti, quasi fosse una concept pronta da guidare. Le luci diurne a LED sottili come la calandra, i gruppi ottici principali posti subito sotto e poco più grandi fanno da introduzione ad un corpo vettura un po’ più squadrato del solito e più corto di 40 mm, che non rinuncia ad ampie superfici vetrate divise in varie parti. L'impressione di compattezza è evidente al primo sguardo, merito anche delle ruote poste praticamente ai quattro angoli della carrozzeria. Le abbondanti cromature sottolineano le forme inusuali di questa C4 Picasso, assieme ai fari posteriori a LED con effetto 3D e ai cerchi in lega da 16” di disegno inedito, di serie sull’allestimento Seduction che abbiamo guidato.

SEMPRE AMICA DELLE FAMIGLIE
Il salto generazionale della nuova Citroen C4 Picasso permette di fare un “salto nello spazio”, sia per l’abitabilità e spaziosità dell’abitacolo che per la quantità di dotazioni tecnologiche che la rendono all’avanguardia nel segmento. L’abbondanza di spazio risulta subito evidente, un risultato ottenuto con l’allungamento di 55 mm del passo particolarmente apprezzabile nell’incremento di 40 litri del bagagliaio, ora con una volumetria di 537 litri. Insomma, pur essendo più compatta, agile e leggera la nuova C4 Picasso non teme l'assalto di una famiglia numerosa con bagagli al seguito. Una piacevole conferma viene dai tre sedili posteriori singoli e con regolazione individuale, ripiegabili separatamente per ottenere un utile piano di carico piatto. La plancia è sempre originale e ancor più moderna del passato, con finitura bicolore e una cura dei materiali che sembra aver goduto dell’esperienza “DS”. Solo qualche dettaglio dei pannelli porta e della zona cambio delude un po' per la qualità delle plastiche. Il bel Touch Pad 7” che controlla climatizzatore, navigatore e assistenza alla guida è anche facile da utilizzare, mentre il grande display panoramico 12” HD di grande impatto visivo e di utilizzo aggiunge un tocco di futuribile dalla Intensive in su.

VIAGGIATRICE NATA
Pur proponendo motori già noti nella gamma Citroen, la nuova C4 Picasso gode di un deciso calo di peso che favorisce consumi ed emissioni. Guidandola i 140 kg in meno si notano tutti, così come si apprezza l'abbassamento del baricentro e del motore. Quello che abbiamo provato è il 1.6 e-HDi 115 FAP Intensive che in abbinamento al cambio manuale 6 marce promette un consumo di 4,0 l/100 km, pari a 105 g/km di CO2. Durante il nostro test il computer di bordo ha registrato un dato medio di 5,2 l/100 km, decisamente buono per un percorso misto fatto senza badare troppo all'acceleratore. Il cambio mostra una discreta dolcezza di funzionamento unita ad una buona precisione, elementi che avvantaggiano il comfort di viaggio e allontanano le velleità sportive. L'insonorizzazione dell'abitacolo e la ridotta rumorosità del propulsore (pronto e piacevole con i suoi 115 CV) contribuiscono poi a rendere comodissimo ogni spostamento, lasciando al parabrezza panoramico (di serie) e al tetto vetrato (opzionale) il compito di illuminare gli interni in maniera inusuale. Fra le dotazioni che si apprezzano di più ci sono la telecamera posteriore e il portellone automatico. Provando la C4 Intensive ben fornita di optional abbiamo anche sperimentato l'utilità del cruise control attivo, dell'ASL video che segnala con una vibrazione nella cintura di sicurezza l'abbandono involontario della corsia. Bello e pratico è anche il sistema Vision 360 che amplia la visuale in parcheggio (anche dall'alto).

DA 21.600 EURO
Uno sguardo ai prezzi della nuova Citroen C4 Picasso segnala come modello di accesso alla gamma la versione a benzina 1.6 VTi 120 Attraction che ha un prezzo promozionale di lancio di 22.600 euro. La C4 Picasso e-HDi 115 FAP Intensive del nostro primo test ha invece un prezzo di 26.100 euro, comprensivo di climatizzatore automatico bizona, sensori luci e pioggia, sensori di parcheggio posteriori con telecamera, display panoramico da 12" e sistema start/stop. La nostra C4 ha in più il Pack Intensive (1.000 euro) che comprende sensori di parcheggio anteriori, cerchi in lega da 17" e sensore angolo morto, oltre al tetto in vetro panoramico (750 euro) e al Pack Drive Assist. Se a questi si somma il plus di 560 euro per il colore Rosso Rubino metallizzato il totale arriva a quota 28.410 euro. Per chi vuole la stessa motorizzazione con cambio pilotato 6 marce la spesa minima è di 25.050 euro, mentre la 1.6 e-HDi 90 FAP Airdream ETG6 parte da 22.850 euro. Per la C4 Picasso 2.0 BlueHDi 150 CV FAP occorre invece attendere la produzione di novembre 2013, quando sarà disponibile ad un prezzo base promozionato di 25.800 euro.

Scheda Versione

Citroen C4 Picasso
Nome
C4 Picasso
Anno
2013
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Fabio Gemelli

Tag: Test , Citroen , auto europee


Listino Citroen C4 Picasso

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 VTi 120 Attraction anteriore benzina 120 1.6 5 € 23.000

LISTINO

1.6 HDi 90 Attraction anteriore diesel 92 1.6 5 € 23.250

LISTINO

BlueHDi 100 S&S Attraction anteriore diesel 99 1.6 5 € 23.900

LISTINO

1.6 VTi 120 Seduction anteriore benzina 120 1.6 5 € 24.200

LISTINO

1.6 e-HDI 115 Attraction anteriore diesel 115 1.6 5 € 24.250

LISTINO

1.6 e-HDi 90 ETG6 Attraction anteriore diesel 92 1.6 5 € 24.400

LISTINO

1.6 HDi 90 Seduction anteriore diesel 92 1.6 5 € 24.450

LISTINO

BlueHDi 100 S&S Seduction anteriore diesel 99 1.6 5 € 25.100

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top