dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 7 giugno 2013

Bici e auto, il "Let’s Bike Ride Show" mette in pista i pedali

All'evento dedicato alle due ruote l'auto vuole integrarsi con idee come il porta-biciclette FlexFix delle Opel

Bici e auto, il "Let’s Bike Ride Show" mette in pista i pedali
Galleria fotografica - Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBikeGalleria fotografica - Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike
  • Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike - anteprima 1
  • Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike - anteprima 2
  • Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike - anteprima 3
  • Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike - anteprima 4
  • Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike - anteprima 5
  • Opel Zafira FlexFix - bici elettrica Bosch eBike - anteprima 6

L’anno 2012 ha fatto registrare un fenomeno nuovo nella storia della mobilità e della motorizzazione in Italia. Per la prima volta, infatti, sono state vendute più biciclette che automobili, come potete approfondire in questo articolo. È quindi naturale, in un certo senso, che su una pista nata per mettere alla prova le automobili stia per avere inizio la "prima manifestazione interamente dedicata alla bicicletta”. Si presenta con queste credenziali l’evento Let’s Bike Ride Show, un appuntamento che sabato 15 e domenica 16 giugno vedrà il circuito di Vairano di Vidigulfo riempirsi di biciclette, di professionisti e di appassionati che s’incontrano nelle aree espositive con le principali aziende del settore. E che possono provare le bici nei percorsi dedicati ai test e alle esibizioni. A partecipare come partner all’evento, inoltre, c’è anche una casa automobilistica, Opel, che con il porta-biciclette integrato FlexFix rappresenta un valido punto di vista nell’ottica di integrare auto e bici.

Lo abbiamo sperimentato di persona, come potete vedere nella nostra video-prova: con un sistema ben concepito come il FlexFix automobile e bicicletta possono essere utilizzate in un trasporto intermodale, unendo i vantaggi dei due mondi in città. Nell’utilizzo quotidiano, infatti, la bici può diventare una sorta di tender per coprire gli ultimi chilometri dei tragitti quotidiani “casa-lavoro”, che iniziano spostandosi in auto. In quest’ambito si può contare su un meccanismo azionabile senza bisogno di utilizzare utensili specifici, oltre che sui vantaggi ergonomici nelle operazioni di carico e scarico, dovuti al posizionamento più basso della bicicletta. Nei viaggi più lunghi, poi, non avere le bici sul tetto permette di migliorare l’aerodinamica e ridurre i consumi anche del 20%. Qualche controindicazione resta, come potete constatare guardando la nostra video-prova, ma in occasione della manifestazione Let’s Bike Ride Show Opel sottolinea come il FlexFix sia giunto alla seconda generazione, che può trasportare fino a quattro biciclette, ha una portata che permette anche il trasporto delle biciclette a pedalata assistita (più pesanti), adotta nuovi supporti in gomma per il fissaggio, può essere chiuso a chiave per scongiurare furti ed è inclinabile anche a pieno carico, in modo che si possa sempre aprire il portellone del bagagliaio. Il FlexFix è disponibile su 9 modelli della gamma Opel: Adam, Corsa, Mokka, Meriva, Astra, Cascada, Zafira Tourer e Antara.

Galleria fotografica - Opel Adam adotta il sistema di portabiciclette FlexFixGalleria fotografica - Opel Adam adotta il sistema di portabiciclette FlexFix
  • Opel Adam adotta il sistema di portabiciclette FlexFix - anteprima 1
  • Opel Adam adotta il sistema di portabiciclette FlexFix - anteprima 2
  • Opel Adam adotta il sistema di portabiciclette FlexFix - anteprima 3

Autore:

Tag: Curiosità , Opel , mobilità sostenibile , auto europee


Top