dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 5 giugno 2013

Equitalia: proroga della riscossione multe

Per altri sei mesi, Equitalia riscuoterà i vecchi verbali non pagati per conto dei Comuni

Equitalia: proroga della riscossione multe

La morale è che i Comuni vincono sempre. Equitalia, per altri sei mesi, riscuoterà le vecchie multe non pagate per conto delle amministrazioni locali. Un bel colpo per i gli Enti locali: l'agente nazionale della riscossione che raccoglie le entrate anche per i Comuni aveva scritto a 6.000 degli 8.000 sindaci italiani per chiedere di non inviare più ruoli, e così le vecchie multe non pagate dagli automobilisti non sarebbero state più riscosse da Equitalia. Un "dramma economico" per i Comuni, visto che balla un miliardo di euro l’anno di verbali (con le sanzioni sempre più care), soldi che vanno a coprire i colossali buchi fatti da sciagurate politiche a livello locale. Anche perché fare ricorso è sempre più costoso e difficile. Così, come una benedizione arrivata dall’altro, ecco la proroga di sei mesi, con Equitalia “al servizio” dei Comuni. Giovedì 30 maggio, una modifica al decreto legge sui debiti della pubblica amministrazione proroga di sei mesi la riscossione coattiva di tutti i tributi da parte di Equitalia per conto dei Comuni che hanno affidato il servizio alla società: la quarta proroga. C'è l'ok della commissione Bilancio al Senato: questo significa che ormai è fatta.

UNA FACCENDA TUTTA ITALIANA
In realtà, i Comuni sapevano tutto con largo anticipo e avrebbero potuto, se solo avessero voluto, organizzarsi per tempo. Era il giugno 2011 quando il decreto Sviluppo del Governo Berlusconi fece uscire Equitalia dalla collaborazione con i sindaci; poi di proroga in proroga i Comuni si sono sempre levati dagli impicci. Il che depone a loro sfavore pesantemente: è in questo modo che gestiscono le multe? È così che tutelano gli automobilisti e i cittadini in generale? Forse, la soluzione ideale sarebbe stata quella di lasciare, per una volta almeno, i Comuni al loro destino, e invece anche il Governo Letta, esattamente come i precedenti, ha lanciato un enorme salvagente agli Enti locali inefficienti.

COME PER GLI AUTOVELOX
D’altronde, una vicenda analoga riguarda gli autovelox. C’è da anni una norma che “gira” metà degli incassi ai proprietari delle strade (legge 120 del 2010), ma manca un decreto di attuazione della regola: i soldi restano ai Comuni, che in materia di multe vincono sempre e comunque. Strano: i vari Governi sono velocissimi nel dare le proroghe che riguardano Equitalia, però "dormono" se si tratta di incassi degli autovelox da sottrarre ai Comuni...

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada


Top