dalla Home

Curiosità

pubblicato il 31 maggio 2013

SX4 S-Cross, inedito tetto a doppio cristallo e cura del comfort

Due vetri affiancati e scorrevoli indipendentemente garantiscono luminosità e "effetto cabrio"

SX4 S-Cross, inedito tetto a doppio cristallo e cura del comfort
Galleria fotografica - Suzuki S-CROSS-4Galleria fotografica - Suzuki S-CROSS-4
  • Suzuki S-CROSS-4 - anteprima 1
  • Suzuki S-CROSS-4 - anteprima 2
  • Suzuki S-CROSS-4 - anteprima 3
  • Suzuki S-CROSS-4 - anteprima 4
  • Suzuki S-CROSS-4 - anteprima 5
  • Suzuki S-CROSS-4 - anteprima 6

Suzuki ha recentemente rinnovato la SX4, in precedenza SUV compatto "gemello" della Fiat Sedici, con un modello totalmente autonomo, ora denominato Suzuki SX4 S-Cross. La casa giapponese distribuirà la nuova vettura, presentata all'ultimo Salone di Ginevra, nel prossimo autunno, ma anticipa già alcune delle caratteristiche dell'auto, che individua come proposta originale del segmento C, in grado di svolgere le funzioni di prima auto da famiglia. Tra le sue novità, il tetto panoramico con doppio pannello scorrevole in cristallo, realizzato con un design inedito che prevede l'accostamento di due pannelli in vetro, entrambi dotati di sistema di apertura a scorrimento. Quando è chiuso, i pannelli hanno una lunghezza combinata pari a 1 metro, mentre con i pannelli completamente aperti l'ampiezza è di 560 mm: l'esposizione alla luce solare è superiore alla media, e l'"effetto cabrio" è garantito.

Suzuki ha posto molta attenzione anche al comfort interno, a cominciare dalla distribuzione degli spazi nell'abitacolo: ad esempio, la distanza tra gli schienali dei sedili anteriori e posteriori è pari a 814 mm, con gli schienali anteriori sagomati per aumentare lo spazio per le ginocchia dei passeggeri posteriori. Inoltre, le porte anteriori e posteriori hanno un ampio angolo di apertura, e la distanza di 929 mm tra schienale e pedali permette a chi guida di sistemarsi comodamente in ogni circostanza. Studiato per aumentare il comfort anche l'isolamento acustico e e l’assorbimento delle vibrazioni e dei rumori, per affrontare con comodità anche lunghi viaggi.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Suzuki , auto giapponesi


Top