dalla Home

Mercato

pubblicato il 30 maggio 2013

Audi R8 e-tron: nessuna produzione in serie

La sportiva elettrica più performante dei quattro anelli abbandona la strada della vendita al pubblico causa tempi di ricarica e autonomia limitata

Audi R8 e-tron: nessuna produzione in serie
Galleria fotografica - Audi R8 e-tronGalleria fotografica - Audi R8 e-tron
  • Audi R8 e-tron - anteprima 1
  • Audi R8 e-tron - anteprima 2
  • Audi R8 e-tron - anteprima 3
  • Audi R8 e-tron - anteprima 4
  • Audi R8 e-tron - anteprima 5
  • Audi R8 e-tron - anteprima 6

Uno dei progetti più intriganti di Audi in merito alla motorizzazione elettrica è sicuramente la R8 e-tron: una coupé ad alte prestazioni e zero emissioni, con una carrozzeria e una struttura generale derivata dalla già performante versione a benzina, e resa ancora più efficiente grazie ad opportune modifiche. La R8 e-tron, già distribuita in appena 10 esemplari, ha raggiunto il vertice del proprio sviluppo: questo però non porterà alla realizzazione di una versione di serie.

PIU' LEGGERA GRAZIE ALLA FIBRA DI CARBONIO
La R8 e-tron, nella sua ultima configurazione, pesa 1.780 kg, di cui 199 kg per le sezioni laterali, vale a dire meno della R8 coupé; questo grazie all'applicazione delle ultime tecnologie sui materiali leggeri, con l'impiego estensivo di componenti in polimeri rinforzati con fibra di carbonio (CFRP), oltre al consueto alluminio. La carrozzeria esterna sembra quella della normale R8 a benzina, ma in realtà gli elementi in comune sono soltanto nove. Anche all'interno, è messa in evidenza la fibra di carbonio, insieme a materiali di lusso come morbida pelle e Alcantara. Altre caratteristiche sono l'impiego di polimeri rinforzati in fibra di vetro per le molle delle sospensioni, o il titanio per i mozzi delle ruote posteriori; le gomme, di misura 225/35 all'avantreno e 275/35 al retrotreno, permettono di avere una bassa resistenza al rotolamento, mentre i dischi anteriori sono carboceramici.

376 CV DI POTENZA
La potenza generata da due motori elettrici è di 376 CV che garantiscono un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi.; i motori sono collocati nell'asse posteriore e sono in grado di distribuire autonomamente la coppia massima di 820 Nm su ogni ruota. La velocità massima è autolimitata a 200 km/h, ma potrebbe essere di circa 250 km/h effettivi.

UNA RICARICA IN 12 ORE, PER 250 KM DI AUTONOMIA
La batteria agli ioni di litio, con capacità di 48,6 kWh, è a forma di T con lunghezza di 235 cm e larghezza di 135 cm, e contribuisce a raddoppiare la rigidità del telaio "Multimaterial Space Frame", integrandosi in esso piuttosto che costituire un'aggiunta; la distribuzione dei pesi è un poco sbilanciata verso il retrotreno (42:58). Le opzioni di ricarica sono due: il collegamento ad una normale presa domestica da 230 V, che richiede circa 12 ore, e una modalità diretta che taglia i tempi di ricarica di circa un'ora. Il problema rimane l'autonomia, che viene stimata intorno ai 215 km nelle prove al banco, impiegando anche i sistemi di recupero di energia in decelerazione.

UNO STUDIO PER LE ALTRE AUDI E-TRON
La Audi R8 e-tron, la cui prima concept risale al 2009, sembrava destinata ad un futuro produttivo, dopo il necessario primo periodo di assestamento. Tuttavia, le problematiche dovute soprattutto ai lunghi tempi di ricarica e all'autonomia relativamente limitata, hanno di fatto fermato questa possibilità. In ogni caso, Audi dichiara che, attraverso la R8 e-tron, è stata fatta un'importante esperienza dal punto di vista tecnico, i cui risultati troveranno applicazione nei prossimi modelli della Casa a zero emissioni.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Mercato , auto europee , auto elettrica


Top