dalla Home

Attualità

pubblicato il 8 maggio 2013

Tutor e autovelox, multe evitabili con le app

Sempre più applicazioni per smartphone individuano i controlli elettronici delle infrazioni stradali

Tutor e autovelox, multe evitabili con le app

La tecnologia elettronica consente oggi di utilizzare gli smartphone, sempre più diffusi come strumento di comunicazione e connettività individuale e quotidiana, anche per attività di controllo impensabili solo fino a qualche anno fa. In campo automobilistico, sono sempre più diffuse le app che permettono di verificare la presenza di telecamere, tutor e autovelox, ed evitare, in molti casi, le multe. Su App Store è disponibile, ad esempio, Fast & Tutor, app gratuita che verifica la velocità media nella tratta autostradale vigilata dal Tutor, mentre per Android e IOS la soluzione gratuita corrispondente è Tutor Autostrade; il loro unico limite è che funzionano soltanto nelle zone coperte dal Tutor; quindi, per il calcolo della velocità, occorrono altre applicazioni. Autovelox Italia CamSam, per Android e IOS, individua via internet gli autovelox mobili, ma con avvisi di criticità solo in presenza di copertura 3G.

TomTom Autovelox per iPhone, in demo gratis per un anno, utilizza le segnalazioni dei 1,6 milioni di iscritti alla community in 15 Paesi, sia pur impiegando un'interfaccia elementare. Un'altra applicazione piuttosto diffusa è iCoyote, in grado di segnalare autovelox e telecamere fisse (come quelle della ZTL) e anche autovelox mobili, attraverso un sistema "social" basato sugli utenti stessi, definiti come "esploratori", e una cartina a due dimensioni; presenti anche specifiche funzionalità nelle tratte Tutor, con un'interfaccia diversa, per il calcolo della velocità media, e varie informazioni su incidenti e traffico. In aggiunta, c'è anche un pulsante SOS per chiamare un numero di soccorso, e un'opzione parcheggio in grado di segnalare sulla carta il luogo dove è stata parcheggiata l'auto. Ovviamente le app costituiscono "strumenti" in grado di prevenire le multe, ma senza pretese di infallibilità, né di sostituirsi all'indispensabile prudenza da parte dell'automobilista.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Attualità , autovelox , autostrade


Top