dalla Home

Test

pubblicato il 1 maggio 2013

Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style

Su strada la SUV da 150 CV con trazione integrale mostra i vantaggi di un’abitabilità migliorata, di un comfort superiore e di consumi ridotti (5,8 l/100 km)

Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style
Galleria fotografica - Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TESTGalleria fotografica - Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST
  • Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST - anteprima 1
  • Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST - anteprima 2
  • Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST - anteprima 3
  • Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST - anteprima 4
  • Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST - anteprima 5
  • Nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style - TEST - anteprima 6

In quattro diverse generazioni la Toyota RAV4 ha raggiunto una tale livello di maturità e di polivalenza da risultare addirittura irriconoscibile rispetto all’esordio di quasi vent’anni fa. Dopo averne saggiato in anteprima le doti stradali abbiamo così deciso di sottoporre la nuova Toyota RAV4 ad una più esaustiva prova stradale di quasi 1.000 km, sul nostro percorso standard composto da pochi tratti cittadini, un po’ di autostrada e molto extraurbano. Per questo test più approfondito volto alla verifica di pregi difetti abbiamo utilizzato una nuova Toyota RAV4 2.2 D-4D Style con cambio manuale, versione già molto accessoriata e con trazione integrale che nasconde sotto il cofano anteriore il 4 cilindri turbodiesel common rail di 2.231 cc e 150 CV. Si tratta di una SUV lunga 4,57 metri che segna un significativo incremento dimensionale e di dotazioni rispetto alla serie precedente e che di conseguenza propone un livello di prezzi adeguato, come dimostrano i 32.400 euro di listino.

UNA SUV TUTTA DA VIVERE
L’estetica della nuova Toyota RAV4 è cambiata molto e si vede. Non c’è più la ruota di scorta esterna sul portellone, il frontale è affilato e simile a quello della nuova Auris e le luci posteriori hanno uno sviluppo orizzontale che crea una sorta di scalino sulla coda. Proprio quest’ultimo elemento è forse il più difficile da apprezzare al primo colpo d’occhio, mentre l’insieme delle altre rette linee inedite e “muscolose” crea un bell’insieme, dinamico e moderno. Merito anche del disegno dei cerchi da 18” con 5 doppie razze, di serie sull’allestimento Style e del sobrio colore Dark Grey metallizzato del nostro esemplare. Questa impostazione stilistica “razionalmente austera” degli esterni viene ripetuta anche nell’abitacolo della nostra Toyota RAV4 2.2 D-4D Style, che offre tanta concretezza e pochi voli di fantasia. Il design lineare e un po’ spigoloso della plancia è infatti accompagnato da una notevole cura nella scelta dei materiali, dalle plastiche più dure a quelle soft, fino agli inserti metallici bruniti che fanno tanto Lexus. Il rivestimento in morbida pelle della plancia e dei pannelli porta accresce poi il senso di qualità degli interni, che in questa versione Style propongono sedili rivestiti in robusta stoffa nera. La solidità costruttiva è testimoniata dal senso di solidità che offrono le portiere alla loro chiusura; merito anche delle doppie guarnizioni che tengono lontano rumori e vibrazioni. L’accesso e la discesa dalla nuova Toyota RAV è sempre agevole, grazie anche all’altezza del padiglione che permette di muoversi senza problemi. Altezza e larghezza abbondanti sono poi i caratteri salienti di questo abitacolo che offre spazio a 5 occupanti e relativi bagagli; lo spazio per la testa e per le gambe è sempre generoso e solo il passeggero centrale posteriore può lamentare un posto un po’ sacrificato. La grande novità di questa RAV4 è poi il bagagliaio posteriore, qui con comoda apertura e chiusura elettrica, ampio come mai prima (647-1.846 litri) e capace di contenere molte valigie anche senza abbattere gli schienali dei sedili. In più c’è anche un grande doppio fondo che è in grado di stivare con la sua profondità numerose borse flosce.

SULL’ESTETICA SI PUO’ DISCUTERE, MA LA QUALITA’ C’E’
Saliti con facilità a bordo, senza bisogno di contorsioni o “arrampicate”, ci si ritrova in un ambiente accogliente e in un posto guida che sembra costruito su misura. Il sedile grande e ben imbottito accoglie perfettamente anche le taglie forti, non è regolabile elettricamente ma consente di trovare la corretta posizione di guida. L’abitacolo è rilassante e fa sentire subito a proprio agio, mentre l’impianto di climatizzazione “frulla” in sottofondo per mantenere la corretta temperatura interna. Tutto è a portata di mano e soddisfa il tatto del guidatore, mentre l’ormai immancabile orologio digitale di vecchio stampo al centro plancia e le bocchette di aerazione circolari ai lati sporcano un po’ la pulizia stilistica degli interni. Anche il volante, di diametro corretto e robusto, potrebbe appagare meglio il gusto estetico. L’avviamento è di tipo classico con la chiave metallica, ma il resto delle dotazioni non lascia spazio a critiche: climatizzatore automatico bi-zona, cruise control, telecamera posteriore, sistema multimediale Toyota Touch & Go Plus con navigatore (opzionale), quattro vetri elettrici, specchietti esterni regolabili, riscaldabili e ripiegabili elettricamente, oltre ai sensori luci-pioggia. Il freno a mano è di tipo tradizionale, mentre la leva del cambio manuale 6 marce ha la giusta posizione ed escursione per una guida rilassante. Il giudizio qualitativo sulla nuova RAV4 resta quindi positivo, anche se alcuni piccoli problemi hanno colpito la nostra vettura: le alette parasole hanno un ritorno in posizione rumoroso e a scatto, la maniglia di sostegno del lato passeggero cigola in maniera evidente e il cassetto porta oggetti ha subito perso l’ammortizzatore che ne frena la discesa.

TANTO COMFORT E POCO CONSUMO
In pochi chilometri di guida ci si accorge che questa Toyota RAV4 2.2 D-4D Style è SUV e berlina al tempo stesso, comoda e facile da guidare come una normale vettura, ma con doti off-road non indifferenti. L’assetto è piatto e neutro, poco segnato da un leggero rollio e preciso nelle curve, come si può apprezzare soprattutto nei veloci curvoni autostradali affrontati senza problemi anche a 130 km/h sulle fastidiose giunzioni del manto stradale dei viadotti. La RAV4 resta sempre incollata all’asfalto e fedele alla traiettoria infonde al guidatore un senso di sicurezza molto apprezzabile, dimostrandosi una viaggiatrice di prima categoria, una stradista instancabile che sa dosare morbidezza d’assetto e tenuta di strada. In modalità Sport, selezionabile tramite l’apposito pulsante sulla console centrale, la coppia di trazione può essere trasferita fino al 50% al retrotreno, cosa che aiuta ulteriormente a controllare la RAV4 in curva. La frenata, grazie ai dischi da 296 e 281 mm di diametro, risulta sempre pronta e potente per fermare una massa complessiva che a vuoto raggiunge i 1.660 kg. Lo sterzo ha una precisione discreta ed è leggero da manovrare, almeno in velocità; la cosa cambia quando si affrontano curve o rotatorie a bassa velocità, situazione in cui si nota una maggiore durezza di azionamento e un contrasto che può alla lunga stancare. Il motore da 150 CV dispone di potenza e coppia sufficienti a rendere piacevole qualsiasi viaggio, lasciando la possibilità di effettuare sorpassi senza troppi problemi. Il navigatore opzionale Toyota Touch & Go è intuitivo e facile da utilizzare, così come la gestione dei file musicali su supporto USB o la connessione di telefoni Bluetooth. Sul fronte dei consumi possiamo dirci altrettanto soddisfatti della nostra Toyota RAV4 2.2 D-4D Style cambio manuale, visto che nel corso della prova di quasi 1.000 km (con guida “eco”) abbiamo ottenuto un ottimo risultato medio di 5,8 l/100 km, valore che in autostrada sale a 6,8 l/100 km, esattamente come in città.

CON 33.600 EURO E’ COMPLETA
Il listino base della Toyota RAV4 2.2 D-4D Style con cambio automatico è pari a 32.400 euro, cifra cui occorre aggiungere i 550 euro della vernice metallizzata Dark Grey e i 650 euro del sistema multimediale e navigatore Toyota Touch & Go per arrivare al prezzo della vettura da noi provata. Il totale arriva così a 33.600 euro e configura una SUV completa e ben accessoriata, cui per esagerare si potrebbero aggiungere i cerchi Pit Lane da 18” color antracite (1.262 euro), i corrimano sul tetto con le barre porta tutto (745 euro assieme) e i fari Xeno (600 euro). Ammettiamo che la cifra totale non è bassa in assoluto, ma occorre ricordare che la concorrenza non offre molto di più allo stesso prezzo: solo Ford Kuga e la coppia coreana Kia Sportage eHyundai ix35 costano qualcosa in meno a parità di potenza e dotazioni, mentre una Mazda CX-5 o una Volkswagen Tiguan ugualmente accessoriate vanno oltre.

[Foto: Giovanni Pagani]

Scheda Versione

Toyota RAV4
Nome
RAV4
Anno
2013 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Toyota , auto giapponesi


Listino Toyota RAV4

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2WD 2.0 D-4D (124CV) MT anteriore diesel 124 2 5 € 24.950

LISTINO

2WD 2.0 D-4D (124CV) MT ACTIVE anteriore diesel 124 2 5 € 27.850

LISTINO

2WD 2.0 D-4D (124CV) MT STYLE anteriore diesel 124 2 5 € 30.050

LISTINO

2.0 D-4D (124CV) MT ACTIVE 4x4 diesel 124 2.0 5 € 30.650

LISTINO

2WD 2.0 D-4D (124CV) MT STYLE WHITE EDITION anteriore diesel 124 2 5 € 30.750

LISTINO

2.0 VVT-i Multidrive S ACTIVE 4x4 benzina 151 2 5 € 31.750

LISTINO

2.0 D-4D (124CV) MT STYLE 4x4 diesel 124 2.0 5 € 33.050

LISTINO

2.0 VVT-i Multidrive S STYLE 4x4 benzina 151 2 5 € 33.250

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top