dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 aprile 2013

KODO chair, anche un oggetto d’arredo esprime movimento

Siamo stati a Milano, città eletta da Mazda "Capitale" del suo universo di design

KODO chair, anche un oggetto d’arredo esprime movimento
Galleria fotografica - Mazda KODO chairGalleria fotografica - Mazda KODO chair
  • Mazda KODO chair - anteprima 1
  • Mazda KODO chair - anteprima 2
  • Mazda KODO chair - anteprima 3
  • Mazda KODO chair - anteprima 4
  • Mazda KODO chair - anteprima 5
  • Mazda KODO chair - anteprima 6

Nell’atmosfera vitale e creativa della Milano Design Week il designer Ikuo Maeda, Global Head of Design di Mazda, Peter Birtwhistle, European Design Chief e Derek Jenkins, Responsabile Design per il Nord America, hanno presentato la KODO chair. "Tutte le strade portano a Milano!", avranno pensato i vertici del design globale del marchio giapponese, incontratisi al Mazda Con-Temporary Space (MACS) per svelare al pubblico la loro ultima creazione ispirata alla filosofia KODO - Soul of Motion, il principio informatore di tutti i modelli Mazda. Il capoluogo meneghino, crocevia di importanti vie mercantili fin dall’antichità, ha nei secoli assunto il ruolo di “multi-capitale”: capitale economica, capitale della moda, capitale morale, capitale intellettuale. E, naturalmente, capitale del Design. Milano è sempre stata un laboratorio, fucina dinamica alimentata da una grande e instancabile vitalità. L’artigianato che fin dal Rinascimento fece di Milano un grande polo commerciale, è stato assorbito dalla cultura industriale dell’Ottocento sviluppando una nuova progettualità aperta, fantasiosa, culla dell’affermarsi di una vera e propria “cultura del design”.

UNA PROVOCAZIONE CHE VA OLTRE L'AUTOMOBILE
La KODO Chair, un’affascinante provocazione sul tema del DNA Mazda della gamma attuale, è innanzitutto un omaggio al Salone del Mobile, una delle più importanti fiere mondiali di settore. E’ stata concepita da Ikuo Maeda e dal suo team a Hiroshima attorno alle tematiche del “movimento”, ispirata dalle movenze del mondo animale. Ma il Chief Designer di Mazda va oltre: “Tutta la natura esprime movimento. Il giardino giapponese, un luogo piccolo e ristretto, è un luogo perfetto per esprimere la dinamicità della natura – ha detto Ikuo Maeda. La sua bellezza appare inizialmente statica ma a una più attenta visione è facile notare quanta dinamicità giocando con le infinite possibilità che ci consente la sabbia e le tipiche pietre. In Giappone siamo, inoltre, soliti affermare che anche gli attrezzi hanno vita. E’ opinione comune ritenere che ogni attrezzo sia in grado di sviluppare una forte vicinanza con gli esseri umani. Infondere vita in un oggetto per l’uso quotidiano, come ad esempio le bacchette che i giapponesi utilizzano a tavola, o anche per un’automobile, è la più intima essenza della produzione degli oggetti che utilizziamo comunemente. C’è una fortissima dinamicità anche in una spada giapponese: è sufficiente osservare il suo andamento dolcemente curvilineo”.

COSI' UN'AUTO SI TRASFORMA IN... "SEDIA"
La KODO Chair ha rappresentato una sfida: portare la filosofia KODO di Mazda oltre l’automobile per entrare in un ambiente statico, chiuso, immobile. E introdurvi il DNA del pensiero stilistico della casa di Hiroshima, sintesi, appunto, di movimento, dinamicità. Ma la ricerca del design non si esaurisce in lei: essa stessa non è un punto d’arrivo ma, come ha dichiarato lo stesso Ikuo Maeda, un punto di partenza. “Pensiamo che l’approccio che abbiamo utilizzato con la KODO chair possa influenzare tutte le nostre scelte future in tema di car design. Il nostro atteggiamento è accettare tutte le sfide nella convinzione che abbiamo la possibilità di creare qualcosa di unico. Questo è lo spirito per creare un’automobile”. La KODO chair ha condiviso il suo ruolo di ambasciatrice della filosofia KODO con la nuova Mazda 6, il secondo modello dopo la CX-5 del 2012, la trend setter di famiglia. Derek Jenkins, numero uno della divisione design degli uffici in California, ha nuovamente tradotto lo stile KODO nelle forme più tipiche di un prodotto Mazda, l’automobile, raccontando come la recente vincitrice del red dot award: product design 2013 sia una perfetta interpretazione dello stile della concept Shinari del 2010, il “manifesto” del KODO Design: cofano allungato, abitacolo visivamente “spinto” verso la coda, sensazione da vettura sportiva con trazione posteriore che, applicata alle proporzioni, restituisce sensazioni di potenza e prestigio.

Galleria fotografica - Nuova Mazda6 berlinaGalleria fotografica - Nuova Mazda6 berlina
  • Nuova Mazda6 berlina - anteprima 1
  • Nuova Mazda6 berlina - anteprima 2
  • Nuova Mazda6 berlina - anteprima 3
  • Nuova Mazda6 berlina - anteprima 4
  • Nuova Mazda6 berlina - anteprima 5
  • Nuova Mazda6 berlina - anteprima 6

Autore: Alvise Marco Seno

Tag: Curiosità , Mazda


Top