dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 22 marzo 2013

Beppe Grillo, troppe infrazioni al Codice della strada in poche ore

Il comportamento in auto del "comico" fa discutere. Se fosse stato multato avrebbe dovuto pagare 607 euro

Beppe Grillo, troppe infrazioni al Codice della strada in poche ore

Beppe Grillo e il Codice della strada: il connubio fa discutere perché ieri il "comico" è uscito dal Quirinale in auto ed è scappato dai giornalisti infrangendo più volte le regole che ad un "normale" automobilista sarebbero costate centinaia di euro. Precisato che al volante non c'era Grillo ma il suo autista facciamo i conti: nel giro di pochissimo tempo è passato con il rosso due o tre volte, ha fatto inversione ad U dove non era consentito ed ha transitato nella corsia preferenziale riservata ai taxi, agli autobus, alle auto blu...

Certo può far piacere che invece di una costosa auto di lusso o di una auto blu (che comunque non gli spetterebbe perché non ricopre alcun incarico ufficiale) Beppe Grippo abbia girato per la città con una modesta Kia Carnival, ma rimane il fatto che le regole devono essere rispettate da tutti. Se fosse stato multato, Grillo avrebbe dovuto pagare: 162 euro per ogni passaggio con il rosso (tre passaggi "costano" 486 euro); 80 euro per aver transitato in corsia preferenziale e 41 euro per l'inversione a U dove non consentito. In totale il conto ammonta a 607 euro, senza considerare i punti patente. Solo nel caso di passaggio con il semaforo rosso ne vengono decurtati 6. Facciamo così: noi i punti non li tocchiamo, ma che almeno l'automobilista del Movimento che si pone dalla parte dei cittadini paghi quanto deve alla società. Siete d'accordo?

Autore:

Tag: Curiosità , codice della strada


Top