dalla Home

Novità

pubblicato il 13 dicembre 2006

Saturn Vue Green Line: l'ibrido bimodale di GM

Saturn Vue Green Line: l'ibrido bimodale di GM
Galleria fotografica - Saturn Vue Green LineGalleria fotografica - Saturn Vue Green Line
  • Saturn Vue Green Line - anteprima 1
  • Saturn Vue Green Line - anteprima 2
  • Saturn Vue Green Line - anteprima 3

Negli USA si fa sempre più importante l'interesse per una mobilità sostenibile e, in occasione del Salone dell'Automobile di Los Angeles, il gruppo General Motors ha annunciato l'intenzione di produrre una versione ibrida del veicolo Saturn Vue Green Line che abbia un'efficienza di gestione del carburante doppia rispetto a quella di qualsiasi SUV attualmente in circolazione.

Per ottenere un progresso così rilevante nello sfruttamento del carburante, questo SUV ibrido utilizzererà una versione modificata del sistema ibrido bimodale GM e la tecnologia "ad innesto", un gruppo di batterie litio ione, un'elettronica estremamente efficiente e potenti motori elettrici. Nello specifico, un veicolo ad innesto ibrido-elettrico si distingue da quelli non-ad-innesto perchè utilizza maggiormente la sola elettricità, ha batterie più potenti e può essere ricaricato da una presa di corrente esterna.

La versione ad innesto ibrido di Saturn Vue Green Line dovrebbe essere in grado di percorrere più di 10 miglia con la sola propulsione elettrica. A velocità superiori od in particolari condizioni di impiego (come, ad esempio, se si vuole accelerare rapidamente), il veicolo utilizzerà una combinazione del motore a combustione interna e di quello elettrico oppure il solo motore a combustione interna.

Oltre all'innesto ed al sistema ibrido bimodale, il gruppo motopropulsore di Saturn Vue Green Line disporrà di batterie litio ione, di due motorini interni a magnete permanente e di un 6 cilindri GM di 3.600 cc ad iniezione diretta benzina. La carica di energia litio ione potrà essere riportata ad un determinato livello utilizzando i motori elettrici del sistema ibrido bimodale e recuperando energia dall'impianto frenante. A veicolo fermo, la batteria potrà essere ricaricata utilizzando una normale presa di corrente esterna a 110 Volt.

Il sistema ibrido bimodale sarà modificato per utilizzare la tecnologia ad innesto. Saranno mantenute le due modalità operative - una per la guida urbana ed una per quella autostradale - ed i quattro ingranaggi meccanici fissi per massimizzare l'efficienza senza limitare le prestazioni. Speciali accorgimenti saranno inoltre utilizzati per permettere velocità superiori quando il veicolo funziona con la sola energia elettrica e per poter utilizzare questa soluzione per maggiori periodi di tempo.

La prima applicazione del sistema ibrido bimodale su un veicolo a trazione anteriore (senza tecnologia ad innesto) sarà la versione 2008 di Vue Green Line.

Autore:

Tag: Novità


Top