dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 dicembre 2006

Un Commento ai Vostri Commenti: "Porsche Cayenne 2007"

Un Commento ai Vostri Commenti: "Porsche Cayenne 2007"

Scrivere dei commenti all'articolo sull'Alfa 8C è stato in definitiva facile. Partivamo tutti - lettori, commentanti e commentatore - da una base comune: la passione per il design, per la prestazione e quella (nei più) per il marchio.
Assai più difficile è in effetti scrivere - al di là dei luoghi comuni - della Cayenne come degli altri veicoli appartenenti al segmento dei SUV; soprattutto sei di lusso.

Tecnica
Difficile attribuirle aprioristicamente qualcosa di negativo visto il livello di sofisticazione e perfezione alla quale la Porche ci ha abituati.

Prestazioni
Ovviamente eccellenti su strada; e non sono da meno (grazie anche al pesantissimo ausilio dell'elettronica) in fuoristrada: chi vi scrive ha visto un paio di queste vetture trarsi d'impaccio da situazioni non proprio facili per SUV di una tale mole e per giunta con la gommatura M+S. Vista la potenza e la possibilità di modularne la trasmissione a terra, viene facile pensare che quest'auto potrebbe fare meraviglie se solo calzasse "scarpette" adatte. Ovviamente il suo vero limite sono le dimensioni che la rendono adatta agli sterrati o ad un fuoristrada africano o americano da grandi spazi e non ai passaggi tecnici che, nella maggior parte dei casi, caratterizzano i tracciati nostrani di un certo impegno; però, come sostengono giustamente in molti, pochi sarebbero i proprietari di Cayenne disposti a mettere le ruote su qualcosa che vada oltre lo sterrato!

Consumo
Non dovrebbe riguardarci; chi può permettersi questa vettura può sicuramente far fronte al suo mantenimento (tasse, superbolli, carburante accise comprese) e chi invece, dovesse fare un qualche sacrificio (e ce ne sono!!) più per poterla ostentare che non per effettivo piacere intrinseco è bene che soffra, perlomeno un po', nella tasca.

Pericolosità
"emo" fa intelligentemente notare due tipi di pericoli insiti nell'uso della Cayenne (ma potremmo dire di tutte le SUV e, più in generale, di tutti mezzi di volumetria simile, ivi compresi molti Vans, Monovolume ecc.): 1) l'incapacità di molti dei conducenti di questo tipo di veicoli di percepire con esattezza l'ingombro del mezzo in rapporto alla carreggiata ed agli altri utenti della strada; e purtroppo non possiamo farci proprio nulla se non consigliare a queste persone uno specifico corso di guida. 2) la collocazione dei fari ad altezza occhio altrui, e la loro pericolosità - specialmente se allo xeno: qui dovrebbe intervenire il codice della strada (speriamo in quello europeo) ed imporre il montaggio di questo tipo di fari in posizione inferiore rispetto a quelli normali (oltretutto è noto come i camionisti, che godono di una posizione di guida rialzata rispetto alla propria fonte di illuminazione, riescano in condizioni critiche a vedere meglio rispetto al conducente di un mezzo "normale" che ha l'asse dei propri occhi praticamente parallelo al fascio di luce dei fari del suo mezzo).

Uso improprio e maleducazione
Sempre e comunque da condannare, indipendentemente dal mezzo con il quale li si attuano. Certamente - a livello istintivo - si è più disposti a perdonare una utilitaria parcheggiata sul marciapiede raso parete che non un grosso SUV. Nella prima situazione il conducente è un maleducato, nel secondo caso è sempre un maleducato con l'aggravante di un comportamento che non può passare inosservato...

"Ruolo sociale, auto da sfoggiare, veramente inutile, un must..."
Questi i titoli di alcuni degli altri commenti la cui summa si traduce in una censura, variamente motivata, di un acquisto del genere con suggerimenti alternativi all'insegna dell'IO FAREI. A questo punto facciamo un attimo di pausa, cerchiamo di essere onesti con noi stessi e traduciamo l'io farei con "SE AVESSI LA POSSIBILITA' IO ACQUISTEREI"; cosa? ad esempio una Panda 100 CV, o un'Alfa 159 2,4 Turbodiesel o ancora, e con minor moneta, una vecchia Porsche 964 turbo o una serie infinita di berline, di monovolume, di utilitarie più o meno chic ed infine una Catheram motorizzata Cosworth che non piace da impazzire solo a "Prompt": soldi, famiglia e spazio permettendo, me la comprerei al volo con le sue stesse motivazioni.
Dove ci porta questo discorso?
1) a scomodare un concetto basilare come quello della libertà personale: per quanto certe scelte si possano condividere o meno, ringraziamo il cielo che ci venga data la possibilità di scegliere!
2) a ricordare che l'invidia è un sentimento che fa male prima di tutto a chi lo prova (un noto politico direbbe che la Cayenne (o XYZ)... logora chi non ce l'ha!
Altrimenti daremo ragione a "di" che avrebbe forse potuto semplicemente scrivere "l'invidia è una brutta cosa"; i soli puntini di sospensione avrebbero "detto" il resto!

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Curiosità , Porsche


Top