dalla Home

Live

pubblicato il 8 marzo 2013

LaFerrari sì, L’Italia no. Perché?

Una riflessione "fuori tema" al rientro dal Salone di Ginevra

LaFerrari sì, L’Italia no. Perché?
Galleria fotografica - Ferrari al Salone di Ginevra 2013Galleria fotografica - Ferrari al Salone di Ginevra 2013
  • Ferrari al Salone di Ginevra 2013 - anteprima 1
  • Ferrari al Salone di Ginevra 2013 - anteprima 2
  • Ferrari al Salone di Ginevra 2013 - anteprima 3
  • Ferrari al Salone di Ginevra 2013 - anteprima 4
  • Ferrari al Salone di Ginevra 2013 - anteprima 5
  • Ferrari al Salone di Ginevra 2013 - anteprima 6

“Ma come fa un Paese che riesce a creare auto del genere ad essere in crisi?”. Questa domanda me l’ha posta un ingegnere tedesco mentre contemplava insieme a me LaFerrari. Nei suoi occhi si leggeva tutto lo stupore e l’ammirazione per questo nuovo capolavoro della tecnica made in Italy. Il collega non si capacitava di come a Maranello sono riusciti a disegnarla così bella, a curarne ogni piccolo particolare, a creare un’architettura tecnica così teoricamente perfetta... Ma è la sua domanda che continua a ronzarmi in testa inducendomi in una riflessione fuori tema automobilistico che, da italiano, voglio condividere.

In Italia abbiamo aziende come la Ferrari che riescono con i loro prodotti a fermare il mondo dell’auto in un istante, a mettere tutti in fila dietro una paratia di plexiglass per vedere una macchina ferma su uno stand. Ecco perché le nostre competenze, i cosiddetti cervelli, sono osannati, invidiati, “richiesti” da mezzo mondo. Nel nostro campo - quello automobilistico – lo vediamo tutti i giorni perché i Costruttori di maggior successo mondiale contano nel loro top management un numero altissimo di ingegneri e designer italiani. Eppure Noi italiani nel Nostro Paese ci stiamo avvitando in una crisi economica e politica senza precedenti. Lo leggiamo tutti i giorni sui giornali, come leggiamo di aziende che chiudono o si trasferiscono all’estero; che il tasso di iscrizioni nelle università è ai minimi storici; che il nostro patrimonio culturale e naturalistico non viene sfruttato mai abbastanza e… chi più ne ha più ne metta.

Ecco, tornato dal Salone di Ginevra mi pongo la stessa domanda dell’ingegnere tedesco. Ma come facciamo a sperperare così il genio italico? Com’è possibile? Il conflitto LaFerrari-Italia è la cosa che più mi ha colpito di questo Salone di Ginevra. Anche perché nel volo aereo di ritorno ho ricominciato a leggere i giornali...

Autore:

Tag: Live , Ferrari , ginevra , auto italiane


Top