dalla Home

Curiosità

pubblicato il 11 dicembre 2006

La 500 si svela sul WEB

La 500 si svela sul WEB
Galleria fotografica - La 500 si svela sul WEBGalleria fotografica - La 500 si svela sul WEB
  •  La 500 si svela sul WEB (foto da Supercars.net) - anteprima 1
  •  La 500 si svela sul WEB (foto da Supercars.net) - anteprima 2
  •  La 500 si svela sul WEB (foto da Supercars.net) - anteprima 3
  •  La 500 si svela sul WEB (foto da Supercars.net) - anteprima 4
  •  La 500 si svela sul WEB (foto da Supercars.net) - anteprima 5
  •  La 500 si svela sul WEB (foto da Supercars.net) - anteprima 6

L'anarchia comunicativa che sarebbe insita nella Rete ci regala continuamente la possibilità di accedere ad una miriade di informazioni che, se debitamente "filtrate", appaiono non solo interessanti, ma anche di grande valore informativo.
Così qualche "birbaccione" dopo esserne venuto in possesso, ha pubblicato pagina per pagina un documento interno del marketing Fiat e inerente il più atteso modello di Torino... A seguire, qualche appassionato ne ha reso noto il link su un newsgroup qualunque e così, grazie al contributo di decine - forse centinaia - di automobilisti internauti è successo l'irreparabile: con un anno di anticipo sappiamo se non tutto, molto di quanto ruoti attorno alla Nuova 500.

E' conclamato che questo modello sarà sviluppato su un nuovo pianale, su cui nascerà anche la prossima generazione di Ford Ka, e che sfrutterà tutta l'esperienza Fiat nel campo delle utilitarie. Verosimile aspettarsi, vista l'architettura tradizionale della meccanica, sospensioni anteriori McPherson abbinate ad una soluzione "razionale" per il posteriore, che non dovrà più sostenere il propulsore ma ospitare un bagagliaio "decente". Ipotizzabile, quindi, il ricorso ad semplice ponte interconnesso. Sui propulsori vi è ancora riserbo. Sicuramente in quel di Torino utilizzeranno i nuovi, modernissimi benzina attualmente in avanzato stadio di sviluppo: ci riferiamo essenzialmente al 1.4 aspirato, turbo e con sistema "multiair" che modifica l'alzata delle valvole, disponibile ovviamente in vari livelli di potenza. Auspicabile, perché si tratta di un autentico "forziere" si soluzioni tecniche, l'utilizzo del nuovo bicilindrico di 900-1000 cc di cui si parla da un po' e che promette, con un raffinatissimo sistema di alimentazione (che abbina "Multiair", iniezione diretta e sovralimentazione), potenze ben superiori ai 100 cv.

Ma oltre alla meccanica, c'è un intero universo che ruota intorno alla Nuova 500 e che è tutto da scoprire. Ci riferiamo al capitolo estetica-allestimenti, cui si riferiscono le immagini di cui si parla in apertura e che noi abbiamo scaricato dal sito Supercars.net.
L'esemplare raffigurato non è dissimile dai tanti modelli di stile virtuali che da mesi sono pubblicati dalle Testate di mezzo mondo: è una riuscita trasposizione in chiave moderna dei canoni stilistici che contraddistinguevano la quasi cinquantenne utilitaria torinese. Il vero valore aggiunto di queste foto "clandestine", però, sono i dettagli. Si riescono ad apprezzare particolari che fin'ora sono stati - giustamente - celati nei comunicati "ufficiali". Emerge, ad esempio, la disposizione delle finiture cromate, poche, ma efficaci nel richiamare immediatamente la 500 del '57. Bello nella sua semplicità il fregio che orna il cofano anteriore e decisamente interessante, almeno esteticamente, la barra tubolare anteriore in stile 500 L (sulla cui omologazione vi sono ragionevoli dubbi).

Ciò che più di tutti impressiona è l'interno, tenuto segreto da Fiat e svelato in veste definitiva (si spera) da queste immagini. La plancia, nella sua modernità, richiama in maniera quasi nostalgica la progenitrice. Il merito va sicuramente al "tema" dominante: una grande mostrina verniciata in tinta con la carrozzeria che coinvolge trasversalmente l'intero cruscotto. Approfondendo, il richiamo al passato è di una efficacia disarmante: due piccole nervature arcuate, tendenti verso il centro che custodiscono "l'essenza" della plancia della vecchia cara 500. Tra queste è incastonato un sistema che comprende autoradio e bocchette centrali del clima sotto il quale si trovano tre comandi di forma circolare. Anche il volante e il cupolino della strumentazione, seppur innegabilmente moderni, sembrano legati senza mezzi termini al passato. L'insieme è talmente ben riuscito che integra alla perfezione anche i comandi del clima automatico e la torretta del cambio, che paiono mutuati senza riserve dagli omologhi della Panda, benché opportunamente ridisegnati. Su tutto incombe l'incubo della qualità di materiali e finiture, riguardo ai quali, per una volta, non ci sarebbe da preoccuparsi troppo, vista l'importanza "mediatica" che questo modello ha per la Casa madre.

L'operazione che è alle spalle della presentazione della Nuova 500, infatti, non si limita alla sola "auto". Siamo di fronte ad un lavoro molto simile a quanto fatto a suo tempo da BMW per la Mini: una vettura che riprende non solo gli stilemi di un'auto del passato (in stile New Beetle, per intenderci), ma che è il fulcro di un complesso lavoro di marketing "comunicativo". Per la Nuova 500, la Fiat ha previsto una miriade di accessori impensabili per una vettura. Dai classici tappetini su misura, ai pannelli organizer per il bagagliaio, a kit appendiabiti, agli accessori d'abbigliamento, il tutto realizzato "in stile" e perfettamente integrabile con la vettura. Ma c'è dell'altro: la Nuova 500 prevede addirittura dei kit estetici che vanno ben oltre i soliti cerchi in lega... In collaborazione con la 3M, la Fiat ha messo a punto kit adesivi per personalizzare senza limiti la vettura. Via libera, quindi, ai tetti decorati con i motivi più impensabili, come la nota "scacchiera" dal piglio sportivo, che pare quasi banale se confrontata con gli interi kit "tribali" o i patriottici "tricolore", che prevedono oltre ad una bandierona sul tetto, piccoli richiami nazionalistici un po' ovunque.
Al riguardo c'è anche una vera chicca. Ci riferiamo al kit dedicato ad uno dei più famosi anime giapponesi, "Lupin III", i cui disegnatori hanno più volte dimostrato di avere un debole per la vetturetta torinese (come d'altronde, schiere di collezionisti nipponici). In Fiat, ora, hanno deciso di ricambiare, dedicando la Nuova 500 a Lupin...
Ma la vera "genialata" è un'altra: la "lavagna". Si tratta di una pellicola elettrostatica, con tanto di pennarello dedicato, da applicare alla plancia e su cui scrivere qualsiasi cosa: un numero di telefono ricevuto al volo, un appunto...

Insomma, la Nuova 500 non è ancora nata ed è già in sapore di tendenza. La speranza è che il tutto non si riduca al classico "fuoco di paglia", nato per vincere una guerra e inerme già alla prima battaglia. Ma prima di giungere a conclusioni affrettate - e senza sparare inutili sentenze - idealmente entriamo dentro questa Nuova 500 e sulla "lavagna" dedichiamole un sincero "continua così"!

Autore: Salvatore Loiacono

Tag: Curiosità , Fiat , fiat 500 , iniziative speciali


Top