dalla Home

Motorsport

pubblicato il 27 febbraio 2013

F1: nasce il nuovo motore Renault V6 turbo per il 2014

La nuova unità raccoglie l'eredità del vincente V8 RS27 tre volte Campione del Mondo con la Red Bull

F1: nasce il nuovo motore Renault V6 turbo per il 2014
Galleria fotografica - Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014Galleria fotografica - Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014
  • Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014 - anteprima 1
  • Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014 - anteprima 2
  • Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014 - anteprima 3
  • Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014 - anteprima 4
  • Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014 - anteprima 5
  • Lo sviluppo del motore Renault V6 turbo 2014 - anteprima 6

Obiettivo efficienza. Così la Formula 1 si prepara cambiare filosofia passando dai motori V8 aspirati 2.4 litri che hanno equipaggiato le monoposto per le ultime sette stagioni per passare ai nuovi propulsori V6 "ibridi". Il nuovo motore Renault V6 1.6 turbo 2014 che i team clienti di Renault Sport F1 adotteranno a partire dal 2014 ha già girato al banco nella sede di Viry-Chatillon, ma la versione definitiva verrà presentata a giugno. Per la Casa transalpina si tratta quasi di un ritorno ad un passato che l'ha vista protagonista: fu Renault nella stagione 1978 in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti a guadagnare i primi punti iridati di un motore turbo con la monoposto ufficiale affidata a Jean-Pierre Jabouille dando il via alla stagione dei potentissimi (oltre 1.000 CV in configurazione da qualifica) V6 1.5 turbo che caratterizzeranno la Formula 1 degli anni '80.

La progettazione delle nuove unità rappresenta una sfida per gli ingegneri, che devono muoversi entro limiti piuttosto stretti: l'obiettivo è quello di far consumare alle monoposto quasi il 40% di carburante in meno durante un Gran Premio (la quantità di carburante massima a bordo durante la corsa passa a 140 litri), cercando però di mantenere le prestazioni degli attuali V8 la cui potenza si attesta intorno ai 750 CV. La strada intrapresa dalla Fia di concerto con i costruttori è quella della cilindrata di 1.6 litri, la sovralimentazione tramite turbocompressore, il regime massimo limitato a 15.000 giri/min e l'adozione del doppio sistema di recupero dell'energia (ERS) che recupera contemporaneamente l'energia cinetica del veicolo (ERS-K) e l’energia termica emessa dai gas di scarico (ERS-H) grazie rispettivamente a due motogeneratori elettrici (MGU-H e MGU-K). Il tutto dovrà contenuto in un peso massimo di 100 kg, un ulteriore difficoltà dal momento che oggi non è previsto alcun limite di peso. Inoltre verranno concessi cinque motori per pilota che scenderanno a quattro a partire dal 2015 a fronte degli otto attuali, privilegiando dunque la robustezza alla prestazione pura, come hanno mostrato gli ingegneri di Renault Sport F1 ai colleghi di OmniCorse.it

Autore:

Tag: Motorsport , Renault , formula 1 , nuovi motori


Top