dalla Home

Novità

pubblicato il 27 febbraio 2013

Nissan Leaf MY 2013

Pochi ritocchi fuori, tanti miglioramenti "dentro". E' più raffinata e raggiunge un'autonomia di 199 km con tempi di ricarica dimezzati

Nissan Leaf MY 2013
Galleria fotografica - Nissan Leaf MY 2013Galleria fotografica - Nissan Leaf MY 2013
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 1
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 2
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 3
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 4
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 5
  • Nissan Leaf MY 2013 - anteprima 6

Nissan ha rielaborato la Leaf dando ascolto agli automobilisti che l'hanno utilizzata e ne hanno discusso nei forum settoriali eleggendola a modello Nissan con il più alto indice di soddisfazione tra i clienti (93%). Dopo due anni di commercializzazione ed oltre 50.000 esemplari in circolazione, debutta al Salone di Ginevra la Nissan Leaf MY 2013 che presto verrà prodotta in Europa, Nord America e Giappone per continuare ad essere esportata in tutto il mondo. La nuova Nissan Leaf all'apparenza non si discosta molto dal modello precedente, ma in realtà ha tante modifiche che l'hanno migliorata. L'autonomia per esempio è salita da 175 km a 199 km ed i tempi di ricarica sono scesi da otto a quatto ore grazie a un nuovo caricatore da 6,6 kW integrato. Le versioni della nuova Leaf sono inoltre diventate tre: Visia, Acenta e Tekna. In Italia arriverà ad un prezzo ancora da comunicare.

DALL'ESPERIENZA PRATICA ALLE MODIFICHE CONCRETE
Oltre ad ascoltare i clienti, Nissan ha analizzato i dati elaborati in forma collettiva dal sistema telematico Carwings di Leaf che permette agli utenti di controllare a distanza il riscaldamento e la ricarica del veicolo e di acquisire informazioni su carica, abitudini d'uso e distanze percorse. Da queste constatazioni di fatto gli ingegneri hanno migliorato l'aerodinamica della Leaf, la propulsione per aumentare l'autonomia ed hanno corretto piccoli dettagli pratici. Ad esempio, è stata aggiunta una luce a LED nella presa di ricarica per facilitare l'inserimento della spina nelle ore notturne. Esteticamente infatti i ritocchi sono minimi. La griglia è stata ridisegnata per ottimizzare l'aerodinamica, le ruote sono state rielaborate e la carrozzeria ha nuovi colori.

PIU' RAFFINATA, CAPIENTE E TECNOLOGICA
La nuova Nissan Leaf ha sedili a sostegno rinforzato e nuovi tessuti ecocompatibili ricavati al 100% dalla canna da zucchero, sul modello precedente erano ricavati per il 39% dalla plastica di bottiglie riciclate. Inoltre sul MY 2013 sono disponibili i rivestimenti in pelle. Tra le novità a bordo c'è anche il nuovo sistema audio Bose realizzato in modo specifico per Leaf e una versione aggiornata del sistema di navigazione Nissan Carwings attraverso cui è possibile controllare a distanza la vettura utilizzando un PC o uno smartphone. Oltre a un ampio schermo a colori touchscreen, navigazione satellitare connettività Bluetooth per telefoni e lettori musicali, il nuovo sistema è dotato anche della nuova tecnologia Google Send to Car, che consente al proprietario di impostare i percorsi sul computer o sul tablet e inviarli poi alla vettura. E' possibile accedere attraverso Google anche alle informazioni sui punti di interesse, sul meteo, ecc. Immancabile è il Nissan Around View Monitor che, attraverso le telecamere poste in vari punti dell'auto, facilita le manovre e da non dimenticare è la nuova chiave i-Key che controlla anche lo sportello della presa di ricarica e l'aggancio del cavo. Infine, spostando il caricatore sotto il cofano (prima era in coda) è stato possibile aumentare il volume del bagagliaio di 40 litri portandolo a 370 litri. È aumentato anche lo spazio per le gambe dei passeggeri di coda, grazie a sedute rimodellate che permettono di allungare i piedi sotto i sedili davanti a sé.

SEMPRE SICURA, E' PIU' EFFICIENTE
Rispetto alla prima Leaf la dotazione di sicurezza non è cambiata e comprende ancora airbag frontali, laterali e a tendina, ABS, EBD con assistenza alla frenata ed ESP. La propulsione invece è cambiata: adesso per la prima volta caricatore, inverter e motore sono integrati. Il gruppo motopropulsore, assemblato come elemento unitario, utilizza ancora un motore sincrono in c.a. da 80 kW, altamente reattivo, alimentato da una batteria agli ioni di litio di produzione Nissan, formata da 48 moduli compatti e montata sotto l'abitacolo per ribassare il baricentro e ottimizzare la manovrabilità. Il caricatore prima era dietro i sedili posteriori, adesso non è più d'ostacolo in mezzo al pianale di carico quando si ripiegano i sedili. L'impianto di riscaldamento e ventilazione ha sostituito l'originario riscaldatore ceramico PTC con un nuovo sistema a pompa di calore, riducendo nettamente i consumi elettrici e migliorando l'autonomia che è salita a 199 km anche grazie al ritocco estetico alla griglia frontale (il coefficiente aerodinamico è sceso da 0,29 a 0,28). Anche il telaio è stato riprogettato ed è pure variato l'assetto degli ammortizzatori per ridurre l'effetto flottante. Ci sono delle novità, infine, per quanto riguarda la modalità di guida Eco, che ora prevede una nuova impostazione "B" per la trasmissione, che aumenta la frenata rigenerativa in decelerazione. Il pulsante "Eco" sul volante modifica la mappatura della farfalla, impedendo accelerazioni repentine, per aumentare l'autonomia della vettura. A differenza della prima Leaf ora i due sistemi funzionano in maniera indipendente.

GARANZIA BATTERIE
Per la nuova Leaf Nissan ha anche varato un nuovo piano di garanzia batterie. La copertura che si applica prevede un periodo di 5 anni o 100.000 km e copre adesso anche l'eventuale perdita graduale di capacità (la perdita di una percentuale della loro capacità nel tempo è un fenomeno naturale). Tuttavia se tale perdita risultasse più rapida rispetto agli standard, durante il periodo di garanzia il cliente potrà ottenerne il ripristino o la sostituzione.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Nissan , ginevra , auto elettrica


Top