dalla Home

Tecnica

pubblicato il 21 febbraio 2013

L’auto ibrida ad aria di PSA Peugeot-Citroen ha tecnologia Bosch

Con il sistema Hybrid Air la Peugeot 208 e la Citroen C3 faranno più di 34 km con un litro di benzina

Galleria fotografica - Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot CitroenGalleria fotografica - Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen
  • Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen - anteprima 1
  • Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen - anteprima 2
  • Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen - anteprima 3
  • Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen - anteprima 4
  • Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen - anteprima 5
  • Sistema Hybrid Air di PSA Peugeot Citroen - anteprima 6

Nel mondo delle auto con due motori una nuova tecnologia sta per nascere: l’aiuto ai propulsori a benzina e diesel non sarà più solo dato dall’elettricità, ma anche dall’aria. Il sistema Hybrid Air del gruppo PSA Peugeot-Citroen utilizza infatti l’aria compressa per alimentare una motopompa pneumatica che affianca il motore a benzina. La tecnologia debutta al Salone di Ginevra (7-17 marzo) su prototipi basati sulla Peugeot 208 e sulla Citroen C3 ed è stata sviluppata insieme a Bosch, grazie al know-how nel campo dei sistemi idraulici industriali. E’ costituita da due unità idrauliche (con relativi accumulatori di pressione) che mettono in atto una propulsione definita “power split” per raggiungere entro il 2020 l’obiettivo di consumare 2 litri di benzina ogni 100 km, ovvero di percorrere 50 km con un litro.

Il primo step si vedrà nel 2016, data prevista per la commercializzazione delle versioni di serie della 208 e della C3, accreditate di un consumo medio di 2,9 l/100 km. Il sistema Hybrid Air prevede 3 modalità di funzionamento: benzina, idraulica o abbinando entrambe le propulsioni. Durante le decelerazioni o in frenata, l’energia cinetica accumulata in marcia viene recuperata nel trascinamento della motopompa, che alimenta la bombola d’aria compressa. La trasmissione automatica è realizzata con un scatola di ingranaggi a rotismi epicicloidali. In fase iniziale l’applicazione di questa tecnologia è prevista solo sulle utilitarie, ma grazie alla semplicità concettuale e alla ridotta manutenzione è in teoria compatibile con altre tipologie di vetture dotate di motore a combustione interna. Non resta che attendere di vedere su strada questa promettente tecnologia, per capire se gli insuccessi dell’ingegner Guy Negre con la sua auto ad aria compressa sono solo un brutto ricordo.

Autore:

Tag: Tecnica , auto ibride


Top