dalla Home

Attualità

pubblicato il 14 febbraio 2013

BMW Italia consegna le borse di studio a Bologna

La Casa bavarese supporta per cinque anni otto orfani, figli delle vittime del terremoto dell’Emilia

BMW Italia consegna le borse di studio a Bologna

Otto giovani, figli delle vittime del terremoto dell’Emilia Romagna, hanno ricevuto da BMW Italia la prima tranche delle borse di studio frutto della donazione di 100 mila euro, stanziata dalla Casa bavarese nel 2012. La cerimonia è avvenuta a Bologna nella sede della Croce Rossa dell’Emilia-Romagna, alla presenza del presidente regionale CRI, Antonio Scavuzzo, e dell’Ispettrice Nazionale, Mila Brachetti Peretti, con la conduzione della Segretaria Generale del Corpo Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, Sorella Monica Dialuce Gambino e di Gianni Oliosi, Direttore Relazioni Istituzionali e Comunicazione di BMW Italia. "Il male dilaga dove il bene si ritira - ha detto un commosso Gianni Oliosi nell’illustrare l’iniziativa - il BMW Group è da sempre impegnato in iniziative per l'educazione e lo scambio interculturale in funzione della sostenibilità. L'istruzione è essenziale, un pilastro nello sviluppo personale di un individuo e per il buon funzionamento della società. Siamo orgogliosi del progetto sviluppato con il corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana per offrire agli orfani delle vittime un aiuto concreto per proseguire la loro crescita scolastica".

I ragazzi potranno contare sul supporto economico di BMW Italia per cinque anni, dando continuità nel tempo a un’azione che è stata integrata dal contributo di circa 9 mila euro raccolti dai collaboratori delle cinque società di BMW Group Italia: la donazione è stata destinata ai sei Istituti scolastici di appartenenza dei ragazzi che hanno ricevuto la borsa di studio per l’acquisto di materiale didattico e informatico. "Siamo state al fianco delle popolazioni fin dalle prime ore dell’emergenza- ha detto Monica Dialuce Gambino - e adesso siamo felici di collaborare con BMW per questo progetto: non è un’operazione di marketing, ma un’iniziativa che è dedicata al futuro dei giovani orfani, a cui forniremo supporto monitorando nei prossimi anni la regolare frequenza scolastica che sarà verificata dal Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa mediante i suoi rappresentanti territoriali. Successivamente il Direttore Regionale CRI dell’Emilia-Romagna, sulla base della documentazione presentata, provvederà all’erogazione della tranche annuale".

Autore:

Tag: Attualità , Bmw , beneficenza


Top