dalla Home

Tecnica

pubblicato il 1 dicembre 2006

Con City Safety l'auto frenerà da sola

Con City Safety l'auto frenerà da sola
Galleria fotografica - Volvo City SafetyGalleria fotografica - Volvo City Safety
  • Volvo City Safety - anteprima 1
  • Volvo City Safety - anteprima 2

State guidando nel traffico della vostra città durante l'ora di punta. Ovvero la marcia è inevitabilmente a singhiozzo: inserite la prima, percorrete pochi metri a meno di 10 km/h e vi fermate; reinserite la prima, avanzate di poco e vi rifermate...

Una condizione di guida che può durare svariate decine di minuti, fin'anche delle ore, se vivete in una città particolarmente congestionata dal traffico. Ed è proprio in momenti come questi che avvengono la maggior parte degli incidenti stradali, addirittura il 75% secondo le statistiche europee. Una distrazione improvvisa e un po' di stanchezza sono sufficienti per "baciare" col vostro paraurti (probabilmente in tinta) chi vi sta davanti. "Microtamponamenti" che non comportano danni per le persone, ma esborsi elevati di denaro ed estenuanti perdite di tempo.

Ebbene Volvo sta per inaugurare un sistema che sarebbe in grado di aiutare gli automobilisti a evitare questo tipo di collisioni a bassa velocità. Come fa? Semplicemente fa frenare l'auto da sola.

Il dispositivo, battezzato "City Safety", è tanto geniale nella logica di funzionamento quanto semplice da "realizzare" con le tecnologie attualmente disponibili. Se il veicolo che precede frena improvvisamente e City Safety rileva che è possibile una collisione, prepara i freni per assistere il conducente nel momento in cui dovrà evitare l'incidente, frenando o lasciandolo sterzare. Inoltre se il sistema rileva che l'urto è imminente, l'auto frenerà automaticamente attivando la pompa idraulica.
Il sistema mantiene un occhio vigile sul traffico davanti all'auto con l'aiuto di un radar ottico integrato nella parte superiore del parabrezza, all'altezza dello specchietto retrovisore. Può controllare i veicoli che precedono l'auto fino a 6 metri di distanza.

Naturalmente City Safety funziona alle basse andature, fino ad una velocità di 30 Km/h ed è programmato per reagire se il veicolo che precede è fermo o si muove nella stessa direzione dell'auto sulla quale è installato.

A seconda della distanza dell'oggetto che si trova di fronte all'auto e della stessa velocità di quest'ultima, il sistema effettua 50 calcoli al secondo per determinare quale velocità di frenata è necessaria per evitare lo scontro. Se la forza di frenata calcolata supera un determinato livello senza che il conducente dia segni di reazione, il pericolo di una collisione viene considerato imminente.

Naturalmente ci sono alcune limitazioni tecniche. City Safety, come tutti i sistemi radar convenzionali, può essere limitato in caso di nebbia, foschia, neve o pioggia intensa. E' quindi fondamentale mantenere il parabrezza sgombro da polvere, ghiaccio e neve. Se il sensore è bloccato, il conducente viene avvertito tramite il display informativo dell'auto, che gli consiglia di pulire il vetro.

Secondo Volvo il City Safety potrebbe essere impiegato sulle auto di serie già entro due anni. E sarebbe davvero una bella conquista nella ricerca per migliorare la sicurezza dell'automobile.

Autore: Alessandro Lago

Tag: Tecnica , Volvo


Top