dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 12 febbraio 2013

Il video dell'automobilista imbranato di Cardito è un falso: l'ha fatto l'ACI

Ma a fin di bene: si tratta di un video virale che promuove il progetto "Ready2Go"

In poche ore è diventato uno dei video più visti in Rete, ha spopolato sui social network, tanto da arrivare anche sulle prime pagine dei giornali non solo italiani ma anche esteri. Insomma, un successone. E' il video dell'automobilista imbranato di Cardito che a causa della sua imperizia aveva provocato un ingorgo al quale in pochi minuti si aggiugevano un gruppo di biker e una processione religiosa, fino all'arrivo della polizia municipale che risolveva una situazione che sembrava senza uscita. Quello che sembrava un riuscitissimo pezzo di comicità involontaria è però stato costruito ad arte. A realizzarlo è stato infatti l'Aci, che ha reclutato attori e comparse del posto per realizzare quello che si definisce un "video virale". A che scopo? Per promuovere il progetto Ready2Go, il progetto che l'Automobil Club promuove nelle autoscuole per imparare le tecniche necessarie ad affrontare i rischi della strada attraverso l'uso del simulatore.

“Cercavamo un modo simpatico e accattivante per sensibilizzare i giovani all’educazione stradale”, dichiara il team di progetto di “Ready2Go”, il metodo didattico messo a punto dall’ACI per formare una nuova generazione di automobilisti preparati e responsabili", spiega il responsabile di Ready2Go. "Bisognava scendere sul terreno più congeniale ai ragazzi, a cominciare da Internet e i social network, usando il loro stesso linguaggio e i risultati ci hanno dato ragione. Ora che il contatto è stabilito, grazie anche alla sensibilità e alla collaborazione del Comune di Cardito, non bisogna mollare la presa. La sicurezza sulle strade è un tema troppo importante, soprattutto per i giovani. Gli incidenti sono la prima causa di morte per i ragazzi tra i 14 e i 24 anni. Farsi ascoltare dai più giovani è fondamentale. Se, per far questo, occorre un “virale”, ben venga!".

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale , aci


Top