dalla Home

Eventi

pubblicato il 29 novembre 2006

China Auto Show 2006: le large size (seconda parte)

China Auto Show 2006: le large size (seconda parte)
Galleria fotografica - China Auto Show (seconda parte)Galleria fotografica - China Auto Show (seconda parte)
  • China Auto Show (seconda parte) - anteprima 1
  • China Auto Show (seconda parte) - anteprima 2
  • China Auto Show (seconda parte) - anteprima 3
  • China Auto Show (seconda parte) - anteprima 4
  • China Auto Show (seconda parte) - anteprima 5
  • China Auto Show (seconda parte) - anteprima 6

GREAT WALL: presenta al mercato la HOVER CUV, SUV dalle dimensioni importanti e con meccanica Mitsubishi (motore benzina 2,3 lt); l'auto dovrebbe essere importata in Italia.

HUMMEL: lo si sentiva nell'aria che sarebbe stata solo questione di tempo ed ora è sotto gli occhi di tutti: anche l'HUMMER è passato sotto la Grande Fotocopiatrice cinese. Va detto che la copia non fa impazzire, ma ci piace, non e' raffinato (perché l'originale?), si vede che e' cinese, ma forse e' bello per questo motivo (se scomodiamo un paragone cinematografico potremmo dire che l'Hummer sta al Mitsubishi o al Land Rover come Jack Palance sta ad Alain Delon... eppure piacevano tutti e due).
Allo stand non si parlava e scriveva se non in cinese quindi abbiamo ribattezzato l'auto semplicemente HUMMEL (come da "plonuncia" locale); per la medesima ragione al momento non si conoscono né prezzo ne dati tecnici che cercheremo di procurarci in futuro.
Se osserviamo la foto ci rendiamo conto delle dimensioni, in particolare se consideriamo che il "modello" è oltre il metro e 80; il frontale oltre a ricordare l'Hummer, scomoda una somiglianza con la vecchia Lamborghini LM fuoristrada, in particolare nell'andamento dei parafanghi anteriori verso la calandra.

YOUNG-SHE ovvero il MAXI-HUMMER cinese: in un altro stand, a 50 metri di distanza, scopriamo con grande sorpresa un MAXIHUMMEL, una "bestia" altissima e larghissima che è, in questo caso, una copia assolutamente fedele del vero Hummer made in USA e d'altronde chi potrebbe negarlo, guardando, ad esempio, le due foto?
Credevo che il nome YOUNG SHE o qualcosa di similmente assonnante, si potesse tradurre in Giovane Poderoso, Potente, ma una giornalista bruttina ed "inglesofila" ha precisato che significa VERY BRAVE MAN, e la conferma ce la dà Schwarzenegger che guida quest'auto (pardon, quella made in USA) anche da Governatore della California!
Le dimensioni? Larghezza 2,2 mt, altezza 2,30 e lunghezza oltre 5 metri; in pratica una cosina da parcheggiare in terza fila. La versione alta e' un po' sgraziata: sembra veramente un autoblindo alto come un Daily dell"IVECO, ma con un tetto normale e montabile (non è escluso che in futuro ne vedremo una versione aperta!). Insomma una gran bella bestia ideale per calmare i bollenti spiriti di tanti automobilisti cinesi, in particolare quelli dei tassisti pechinesi. Ecologica, forse! Una garanzia al riguardo potrebbe venire dal fatto che dietro l'auto (?!?) troneggiava una bella scritta Mercedes, ed i motori, se siamo riusciti a ben interpretare le 7 parole cinesi captate dall'imbonitore, dovrebbero essere AMG V8 (per cui Mercedes) da 300 cv. Il tutto, ovviamente, a patto di assenza di rimaneggiamenti o adattamenti effettuati in loco. Comunque chi oserebbe ricordare ad un paese inquina da solo il 25% del mondo, che questo SUV e' antiecologico?

FUR-GON-CIN (ovvero EXECUTIVAN): in assenza di altre indicazioni è un nome ovviamente di fantasia attribuito ad un furgoncino simile a quelli tanto amati in Giappone ed Hong Kong: interni da Maybach con due poltrone da prima classe, bar con vini, frigo, proiettore LCD e schermo discendente (prototipo cinese con astina di legno, perdonabile a questo stadio... Un trionfo di pelle tibetana ed uno Stereo del Xinjiang con musica da danza del ventre completavano l'opera: insomma una lussuria!

[segue...]

Autore: Leonardo Dini e Giovanni Notaro

Tag: Eventi


Top