dalla Home

Mercato

pubblicato il 5 febbraio 2013

Anche Subaru vuole conquistare la Cina

La società proprietaria del marchio ha stipulato una joint venture con il distributore di auto locale Pangda Automobile Trade Co

Anche Subaru vuole conquistare la Cina

Cina, Cina, Cina. Tutti gli occhi del business mondiale sono puntati su questo Stato e non fa eccezione l'auto. E' il primo mercato mondiale e nel 2013 produrrà più auto dell'Europa (in grave crisi economica). La competizione tra i costruttori è quindi sempre più agguerrita ed anche Subaru ha intensificato gli sforzi per espandere le vendite e rafforzare il proprio marchio in Cina. La Fuji Heavy Industries Ltd. (FHI), la compagnia giapponese detentrice del marchio Subaru, ha annunciato nei giorni scorsi di aver stipulato una joint venture con il distributore di auto in Cina Pangda Automobile Trade Co., Ltd. (Pangda).

Subaru of China, Ltd. (SOC), attualmente una società interamente controllata da FHI, diventerà una società di vendita in joint venture con Pangda e questo servirà a Subaru a raggiungere uno dei suoi obiettivi principali: raddoppiare le vendite annuali a 100.000 unità entro la fine dell’anno fiscale 2016 (marzo). Non poco, considerando che nel 2012 le unità vendute sono state 48.000 e che la concorrenza non sta certo a guardare. Daimler ha di recente acquisito il 12% della cinese BAIC Motor e Fiat-Chrysler ha stretto un nuovo accordo con la Guangzhou Automobile Group per produrre e vendere più auto nel primo mercato del mondo. La "guerra" è appena cominciata.

Autore:

Tag: Mercato , Subaru , cina


Top