dalla Home

Attualità

pubblicato il 1 febbraio 2013

Elezioni 2013, cosa propone Rivoluzione civile per noi automobilisti

Ingroia porta ad esempio la crescita della Germania grazie agli investimenti di Volkswagen, ma nel programma di partito l'auto è assente

Elezioni 2013, cosa propone Rivoluzione civile per noi automobilisti

Elezioni politiche del 24-25 febbraio 2013: l’auto esiste nei programmi dei partiti politici? Siamo andati a caccia di qualche “segno di vita”: dopo il Partito democratico, ecco Rivoluzione civile di Antonio Ingroia. L'obiettivo è, appunto, realizzare una "rivoluzione civile" per attuare i princìpi di uguaglianza, libertà e democrazia della Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza; un “nuovo corso” delle politiche economiche e sociali, a partire dal Mezzogiorno, alternativo tanto all’iniquità e alla corruzione del ventennio berlusconiano, quanto alla distruzione dei diritti sociali, del lavoro e dell’ambiente che ha caratterizzato il Governo Monti.

DIRITTI
Nel programma di Ingroia, si parla di Europa autonoma dai poteri finanziari e di riforma democratica delle sue istituzioni. Rivoluzione civile è contraria al Fiscal Compact che “taglia di 47 miliardi l’anno per i prossimi 20 anni la spesa, pesando sui lavoratori e sulle fasce deboli, distruggendo ogni diritto sociale, con la conseguenza di accentuare la crisi economica. Il debito pubblico italiano deve essere affrontato con scelte economiche eque e radicali, finalizzate allo sviluppo, partendo dall’abbattimento dell’alto tasso degli interessi pagati. Accanto al Pil deve nascere un indicatore che misuri il benessere sociale e ambientale”. Ma di riferimenti all’auto, fin qui, nessuno.

INVESTIMENTI
Mancano riferimenti espliciti al settore automotive. Ecco il programma di Rivoluzione civile “Siamo per il contratto collettivo nazionale, per il ripristino dell’art. 18 e per una legge sulla rappresentanza e la democrazia nei luoghi di lavoro. Vogliamo creare occupazione attraverso investimenti in ricerca e sviluppo, politiche industriali che innovino l’apparato produttivo e la riconversione ecologica dell’economia. Vogliamo introdurre un reddito minimo per le disoccupate e i disoccupati. Vogliamo che le retribuzioni italiane aumentino a partire dal recupero del fiscal drag e dalla detassazione delle tredicesime. Vogliamo difendere la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro”. Ma di auto, Fiat e filiera automobilistica, neppure l’ombra. Si dice che deve partire un grande processo di rinascita del Paese, liberando le Imprese dal vincolo malavitoso, dalla burocrazia soffocante. Vanno premiate fiscalmente le Imprese che investono in ricerca, innovazione e creano occupazione a tempo indeterminato. Vanno valorizzate le eccellenze italiane dall’agricoltura, alla moda, al turismo, alla cultura, alla green economy. Come riferimento specifico all’auto, abbiamo solo individuato queste parole di Ingroia: "Pochi mesi fa l'Audi ha deciso che investirà 13 miliardi di euro per lo sviluppo di nuovi modelli e ricerca tecnologica, e la Volkswagen investirà 50 miliardi di euro, malgrado la crisi. Il risultato è che la Germania cresce, mentre l'Italia è in recessione”.

AMBIENTE
Però c’è un riferimento alle possibili Grandi opere: “Va fermato il consumo del territorio, tutelando il paesaggio, archiviando progetti come la TAV in Val di Susa e il Ponte sullo Stretto di Messina”. Quindi, Rivoluzione civile di Ingroia si schiera apertamente contro il Ponte, che da anni resta “in sospeso”, senza che nessun Governo riesca davvero a dare la svolta decisiva a favore (c’è stato qualche passo avanti con Berlusconi). Però Ingroia fa riferimento al risparmio energetico, allo sviluppo delle rinnovabili, la messa in sicurezza del territorio, e alla "mobilità sostenibile che liberi l’aria delle città dallo smog": ecco, un riferimento un po’ generico, ma almeno si capisce che nel contesto rientra anche l’auto. Però non si entra nel dettaglio.

FISCO
"Vogliamo colpire l’evasione e alleggerire la pressione fiscale nei confronti dei redditi medio-bassi": chissà se nel calderone è ricompresa la tassazione violenta cui è soggetto chi ha un’auto, e chissà se questa potrebbe essere diminuita con Rivoluzione civile di Ingroia.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , elezioni 2013


Elezioni 2013
Comunali Roma: il futuro della mobilità si decide al ballottaggio
Comunali Roma: il futuro della mobilità si decide al ballottaggio
Il 9-10 giugno si torna alle urne per scegliere tra Ignazio Marino e Gianni Alemanno, anche in base alle promesse su auto, traffico e mezzi pubblici
Comunali Roma 2013: le promesse dei candidati sindaco per la mobilità dei romani
Comunali Roma 2013: le promesse dei candidati sindaco per la mobilità dei romani
La corsa per il Campidoglio è quasi finita. L'auto privata ed il trasporto pubblico sono tra i temi più caldi della battaglia elettorale
Comunali Roma 2013: cosa propone Alfio Marchini per la mobilità
Comunali Roma 2013: cosa propone Alfio Marchini per la mobilità
Il candidato sindaco indipendente vuole fluidificare il traffico, aumentare l’uso dei tram e dotare le periferie di minibus elettrici
Comunali Roma 2013: cosa propone Marcello De Vito per la mobilità
Comunali Roma 2013: cosa propone Marcello De Vito per la mobilità
Il programma del candidato sindaco per il MoVimento 5 Stelle di Beppe Grillo scoraggia l'uso dell'auto
Comunali Roma 2013: cosa propone Ignazio Marino per la mobilità
Comunali Roma 2013: cosa propone Ignazio Marino per la mobilità
Meno auto private, riorganizzazione delle strisce blu e magari un ticket. Anche il Pd fa della mobilità uno dei principali temi della campagna elettorale
Comunali Roma 2013: cosa propone Alemanno per la mobilità
Comunali Roma 2013: cosa propone Alemanno per la mobilità
Alemanno ha tra i principali obiettivi la riduzione del traffico cittadino, più piste ciclabili, car sharing e parcheggi di scambio
Elezioni 2013, un voto fondamentale anche per l'automobile
Elezioni 2013, un voto fondamentale anche per l'automobile
Il nuovo governo dovrà aprire gli occhi sul comparto o nel 2013 si perderanno altri migliaia di posti di lavoro e l'11% circa del PIL
Elezioni 2013, gli italiani chiedono incentivi auto e prezzi più bassi
Elezioni 2013, gli italiani chiedono incentivi auto e prezzi più bassi
La preoccupazione maggiore adesso è anche che consumi poco. Avere sconti e pagamenti dilazionati
Elezioni 2013, la sicurezza stradale è un problema da affrontare
Elezioni 2013, la sicurezza stradale è un problema da affrontare
Gli incidenti costano troppe vite e circa 28 miliardi di euro all'anno. Gli italiani chiedono al governo strade più sicure
Elezioni 2013, gli italiani chiedono tagli alla spesa dell'auto
Elezioni 2013, gli italiani chiedono tagli alla spesa dell'auto
Tra assicurazione, bollo e carburati è diventata un lusso. Per far ripartire l'auto però bisogna prima far ripartire il Paese
Elezioni 2013, cosa propone Beppe Grillo per noi automobilisti
Elezioni 2013, cosa propone Beppe Grillo per noi automobilisti
Il MoVimento 5 Stelle è contro l’utilizzo della macchina in città. Secondo Grillo "l'auto è morta"
Elezioni 2013, cosa propone Oscar Giannino per noi automobilisti
Elezioni 2013, cosa propone Oscar Giannino per noi automobilisti
Fare per Fermare il declino vuole privatizzare il trasporto pubblico locale ed incentivare la diffusione della scatola nera
Elezioni 2013, cosa propone Mario Monti per noi automobilisti
Elezioni 2013, cosa propone Mario Monti per noi automobilisti
Nel programma elettorale di Scelta Civica con Monti per l'Italia non c'è spazio per l'auto
Elezioni 2013, l'ACI presenta il Manifesto degli Automobilisti
Elezioni 2013, l'ACI presenta il Manifesto degli Automobilisti
10 proposte sono state inviate ai candidati premier e, senza costare nulla allo Stato, farebbero risparmiare 700 euro l'anno sulla gestione dell'auto
Elezioni 2013, cosa propone Silvio Berlusconi per noi automobilisti
Elezioni 2013, cosa propone Silvio Berlusconi per noi automobilisti
Un accenno ad accise e infrastrutture c'è nel programma del Popolo della libertà, ma non è abbastanza per il settore in crisi
Elezioni 2013, cosa propone il Pd per noi automobilisti
Elezioni 2013, cosa propone il Pd per noi automobilisti
Niente, nel programma elettorale non c'è la mobilità su quattro ruote. Solo promesse a voce del leader Bersani
Top