dalla Home

Home » Argomenti » Patente

pubblicato il 2 febbraio 2013

Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV

Alla prova dei fatti la tre cilindri a benzina per neopatentati viaggia e consuma quasi come una Diesel. Da record i suoi 4,9 l/100 km

Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV
Galleria fotografica - Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TESTGalleria fotografica - Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST
  • Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST - anteprima 1
  • Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST - anteprima 2
  • Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST - anteprima 3
  • Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST - anteprima 4
  • Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST - anteprima 5
  • Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV - TEST - anteprima 6

La Peugeot 208 1.2 12v VTi da 82 CV è la compatta francese dedicata ai neopatentati, ma da quello che abbiamo potuto rilevare durante la nostra prova di 1.000 km non ha nulla da invidiare alle altre versioni della segmento B della Casa del Leone. Sia per prestazioni che per dotazioni la nostra Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV si è dimostrata infatti una vettura di grande soddisfazione per tutti i guidatori e non solo per chi ha preso da poco la patente e deve limitarsi ad un rapporto potenza/peso ridotto (55 kW/t). Il merito è da ascrivere al ricco allestimento Allure e al motore benzina a tre cilindri rivelatosi parco nei consumi quasi come un Diesel, due grandi pregi che in parte giustificano il prezzo base, non proprio popolare, di 16.100 euro.

5 PORTE COMPATTE ED ELEGANTI
Le forme moderne e ricercate della Peugeot 208, già descritte ed apprezzate nella nostra prova della Allure 1.6 e-HDi 115 CV, assumono un aspetto ancor più familiare in questa versione a 5 porte che toglie forse un pizzico di sportività al look generale. Il vantaggio di avere due porte in più si ripaga con la comodità di accesso dei passeggeri posteriori, che salgono e scendono facilmente e con la praticità di carico bagagli “fuori misura” a schienali posteriori abbattuti. Il colore metallizzato opzionale Spirit Grey e i cerchi in lega Helium Grigio Hephais da 16" contribuiscono a dare alla nostra 208 un’immagine elegante e sofisticata, così come i rivestimenti interni in tessuto EKMET 3D nero con accenti blu e le finiture metalliche su plancia, volante e leva del cambio. L’ambiente interno conferma la sua ricercatezza “alla francese”, soprattutto sul nostro esemplare che sfoggia l’apprezzabile touch screen da 7” con navigatore satellitare. Nonostante le dimensioni esterne contenute l’abitabilità è ampia e i passeggeri di ogni statura trovano spazio adeguato per la testa, mentre la buona visibilità è un po’ ridotta dalla larghezza del montante centrale. Curiosa è l’assenza delle maniglie pieghevoli sul cielo dell’abitacolo, evidentemente sostituite dai maniglioni delle portiere. La capacità di carico del bagagliaio è apprezzabile e in linea con quanto offre la concorrenza.

ORIGINALE ANCHE NELL’ERGONOMIA DEL POSTO GUIDA
Quello che invece lascia da subito perplessi è l’ergonomia del posto guida, studiata in maniera così originale da dover imporre al pilota un breve periodo di assuefazione. Parliamo in particolare della posizione del volante, piccolo e lontano dal cruscotto, che nonostante la regolazione in altezza e assiale necessita di alcuni tentativi di settaggio per non andare a nascondere la bella e completa strumentazione. In generale occorre tenerlo regolato nelle posizioni più basse, senza che la corona vada a intralciare il movimento delle gambe. Un po’ di abitudine all’utilizzo la richiede anche la leva del cambio, il cui grosso pomello risulta a volte scomodo e più adatto ad un cambio automatico/robotizzato. Anche l’elegante finitura lucida nera che collega il cruscotto al touch screen con particolari condizioni di luce “spara” dei riflessi poco piacevoli negli occhi del guidatore. Tutto il resto è realizzato e assemblato con cura, a partire dalle plastiche di plancia, console e portiere per arrivare alla sagomatura quasi ideale dei sedili sportivi. L’utilizzo del sistema di infotainment e navigatore necessita di un minimo di allenamento e risulta presto di rapida manovrabilità, sia nell’inserimento delle destinazioni che nella scelta della musica MP3 o nella connessione vivavoce Bluetooth. Lo stesso si può dire del climatizzatore automatico bizona, che durante le giornate invernali del nostro test si è dimostrato veloce nel raggiungere e mantenere la temperatura impostata.

IL 3 CILINDRI A BENZINA VA QUASI COME UN DIESEL
A sorprendere in positivo è il motore della nostra Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV, un tre cilindri che gira silenzioso e “sornione” senza trasmettere le classiche vibrazioni di altri propulsori di questo tipo. Inconsueto è anche il rendimento del 1.2, più simile a un Diesel che a un piccolo benzina, rapido a salire di giri, elastico e con coppia abbondante già ai bassi regimi che spinge il conducente ad adottare uno stile di guida rilassato e “liscio”. Merito anche del cambio manuale 5 marce che, nonostante una leva dalla corsa eccessivamente lunga, ha innesti precisi e una rapportatura adeguata all’erogazione di coppia del motore. Nulla che ricordi la guida sportiva, sia chiaro, ma di certo risulta facile guidare con stile pulito e consumare poca benzina, come abbiamo sperimentato nel nostro test. Quello che ormai usiamo come nostro “circuito” standard di prova è un tragitto di quasi 1.000 km suddiviso in 30% autostrada, 50% extraurbano, 20% urbano, percorso con uno stile di guida accorto e attento ai consumi. Fatta questa premessa occorre dire che la nostra Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV ha dimostrato un’efficienza davvero eccellente, avendo ottenuto un consumo medio di 4,9 l/100 km che si avvicina molto ai 4,7 l/100 km ottenuti da Peugeot in fase di omologazione. Il dato rilevato, record di OmniAuto.it per un’auto a benzina, è frutto di una guida rilassata ed “economica” che ha visto oscillare i consumi da un minimo di 4,1 l/100 km (extraurbano) ad un massimo di 5,8 l/100 km (autostrada), passando per i 5,2 l/100 km in città. E se ci fosse lo start/stop si potrebbe fare ancora di meglio. Il tutto è condito da un comfort di viaggio privo di rumori e vibrazioni che quando necessario può contare sugli 82 CV per facilitare i sorpassi.

AGILE DI CARATTERE
Il resto della meccanica Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV segue l’impostazione turistica dell’utilitaria del Leone, dove la rigidezza delle sospensioni non va a influire sul comfort di marcia. L’assetto è stabile e sicuro, con una tenuta di strada eccellente che lascia spazio all’agilità intrinseca della 208. Il controllo di stabilità interviene con discrezione solo nei casi più complessi, quando l’aderenza e l’assetto della vettura sono minacciati da manovre pericolose o dal fondo stradale sconnesso e scivoloso. A darle un comportamento ancora più agile ci pensa lo sterzo preciso e veloce nella risposta, migliorabile nel riallineamento, ma piacevole da manovrare attraverso il volante di piccolo diametro. Un bel senso di sicurezza lo trasmette anche l’impianto frenante, dove il pedale fornisce una risposta vigorosa.

PREZZO BASE DI 16.100 EURO
Alla voce prezzi la Peugeot 208 5 porte Allure 1.2 12v VTi 82 CV riporta un listino base di 16.100 euro, una cifra giustificata dalla presenza nella dotazione di serie di climatizzatore automatico bi-zona, fari diurni a LED, fendinebbia, sedili anteriori sportivi regolabili in altezza, volante in pelle e Pack Visibilità che include sensori luci/pioggia e specchietto retrovisore interno elettrocromatico. A questo la vettura da noi provata aggiunge tre dotazioni opzionali: vernice metallizzata (535 euro), navigatore (490 euro) e Pack Comfort Allure (250 euro) che comprende specchietti ripiegabili elettricamente, quattro vetri elettrici, bracciolo anteriore e cromature sulla console centrale. Il totale sale così a 17.375 euro, cifra a cui, volendo completare al meglio l’auto, si potrebbero anche aggiungere i sensori di parcheggio anteriori e posteriori (Park Assist da 660 euro), la ruota di scorta in acciaio (105 euro) e il tetto panoramico Ciel inserito nel Pack Stile Allure (500 euro).

[Foto: Federico Oddone]

Scheda Versione

Peugeot 208 5 porte
Nome
208 5 porte
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Peugeot , auto europee , neopatentati


Listino Peugeot 208

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.0 PureTech 68cv Access anteriore benzina 68 1.0 5 € 12.800

LISTINO

1.2 PureTech 82cv Access anteriore benzina 82 1.2 5 € 13.450

LISTINO

1.0 PureTech 68cv Active anteriore benzina 68 1.0 5 € 14.200

LISTINO

1.2 PureTech 82cv Active anteriore benzina 82 1.2 5 € 14.850

LISTINO

1.4 HDi 68cv FAP Access anteriore diesel 68 1.4 5 € 14.900

LISTINO

1.4 VTi 95CV GPL Access anteriore GPL 92 1.4 5 € 14.900

LISTINO

1.4 HDi 68cv FAP Active anteriore diesel 68 1.4 5 € 16.300

LISTINO

1.4 VTi 95cv GPL Active anteriore GPL 92 1.4 5 € 16.300

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top