dalla Home

Curiosità

pubblicato il 28 novembre 2006

La Ford Mustang secondo Giugiaro

La Ford Mustang secondo Giugiaro
Galleria fotografica - La Ford Mustang secondo GiugiaroGalleria fotografica - La Ford Mustang secondo Giugiaro
  • La Ford Mustang secondo Giugiaro - anteprima 1
  • La Ford Mustang secondo Giugiaro - anteprima 2
  • La Ford Mustang secondo Giugiaro - anteprima 3
  • La Ford Mustang secondo Giugiaro - anteprima 4
  • La Ford Mustang secondo Giugiaro - anteprima 5
  • La Ford Mustang secondo Giugiaro - anteprima 6

Il design automobilistico non conosce confini e quando a firmarlo è una matita del calibro di Giorgetto Giugiaro, accade anche che un auto simbolo di un paese si "conceda" per essere rivista e corretta fuori dai confini nazionali; nello specifico, in Italia.

La Ford Motor Company ha infatti accettato la proposta di Giugiaro di rivisitare l'attuale Mustang, il "cavallo automobilistico" più famoso d'America. Auto che tra l'altro, in questa sua ultima generazione, costituisce un remake stilistico della serie del 1964, ovvero di quella più affascinante e riuscita.

Una bella scommessa, che ha impegnato l'Italdesign per un anno e il risultato, la "Ford Mustang by Giugiaro Concept", sarà presentato in occasione del Salone di Los Angeles di prossima apertura.

La Mustang all'italiana appare civilizzata, forse meno cattiva, ma con una grinta implicita non indifferente. L'auto è visivamente più compatta, grazie all'allargamento del corpo vettura di circa 30 mm all'anteriore e di ben 80 mm al posteriore. Un'evoluzione che la rende esteticamente più assettata e attaccata all'asfalto grazie anche alla gommatura da 20 pollici extra large con taglie di pneumatico 275/40 all'avantreno e di 315/35 al retrotreno. Peculiarità stilistica di questo prototipo è anche il tetto in cristallo panoramico che prosegue idealmente sul lungo cofano motore. Il vetro impiegato è naturalmente di tipo speciale, in grado di filtrare fino al 100% dei raggi UVA. Altro elemento scenografico sono le portiere ad apertura ad ala di gabbiano che unitamente alla tinta arancione della carrozzeria, fanno molto supercar (leggi Lamborghini...).

La matita di Giugiaro è intervenuta pesantemente anche nell'abitacolo che se già nella versione di serie non brilla sobrietà, su questa concept risulta decisamente appariscente, per non un pò pacchiano. Aldilà del colore dei rivestimenti (rigorosamente in pelle arancione e nera), i sedili sono di pelle scamosciata (di cavallo? Speriamo di no!) e riproducono proprio un cavallo in corsa (il simbolo della Mustang) sui quattro poggiatesta. L'obiettivo - raggiunto! - è quello di manifestare lo spirito animale e selvaggio che caratterizza idealmente la Mustang.

In questo senso va detto che anche Ford ci ha messo del suo. Oltre al telaio, il costruttore americano ha fornito a fornito a Giugiaro un propulsore dotato di compressore volumetrico che lo rende capace di 500 cavalli...

Autore: Alessandro Lago

Tag: Curiosità , Ford


Top