dalla Home

Home » Argomenti » Patente

pubblicato il 2 gennaio 2013

Patente auto e moto: cosa cambia dal 19 gennaio 2013

Le modifiche riguardano soprattutto le informazioni legate al documento, ma per le moto arrivano norme più severe

Patente auto e moto: cosa cambia dal 19 gennaio 2013

Rivoluzione per le patenti di guida. Per orientarsi (la materia è vasta e complessa, e qui la sintetizzeremo), ci facciamo aiutare da Valerio Platia, esperto di Confarca (Confederazione autoscuole riunite e consulenti automobilistici). Anzitutto, il riferimento normativo è il Decreto legislativo 18 aprile 2011, numero 59, di attuazione delle Direttive 2006/126/CE e 2009/113/CE; e il tutto entra in vigore il 19 gennaio 2013. In particolare, arrivano regole più severe per guidare le moto potenti senza restrizioni: con la patente A bisognerà aver compiuto 21 anni, aver fatto pratica per almeno due anni con una patente di tipo A2 e aver superato un esame di pratica (se non si possiede la patente A2, la patente A si potrà conseguire a 24 anni). Per gli automobilisti invece i cambiamenti sono più lievi.

COSA CAMBIA DAL 19 GENNAIO 2013
Dal 19 gennaio 2013, le patenti vengono stampate a Roma, non più dalle singole Motorizzazioni locali. E poi trasmesse ogni giorno tramite corriere alle varie Motorizzazioni. Il timore è che il servizio funzioni male, in periodo di disagi alla circolazione (nevicate o traffico molto intenso). Inoltre non ci sarà più la residenza nella patente: se si cambia residenza, questo va comunicato al Comune. Se poi c’è un dato sbagliato nella patente, il candidato il giorno dell'esame non potrà fare la prova: deve attendere l’invio della patente corretta. Infine, la Prefettura ha 10 giorni per controllare se una persona ha i requisiti morali per avere a patente; quindi, l'autoscuola deve prenotare l’esame parecchi giorni prima. Sicché, gli esami di guida dal 19 al 29 gennaio 2013 sono bloccati: non si possono fare. Il motivo? Il 19 gennaio entrano le nuove regole: la Prefettura necessita di 10 giorni e si arriva al 29.

CATEGORIA AM
La patente AM sostituisce il Cigc, il patentino, che non viene più rilasciato. Se maggiorenni prima del 1° ottobre 2005, anche gli over 18 che vogliono prendere la patente AM devono sostenere gli esami di teoria e di guida. L’età minima è 14 anni e si guida senza passeggero. I veicoli consentiti sono i ciclomotori a due ruote, con velocità massima non superiore a 45 km/h, la cui cilindrata è inferiore o uguale a 50 cm³ se a combustione interna (oppure la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici). Ok i ciclomotori a tre ruote aventi una velocità massima non superiore a 45 km/h e caratterizzati da un motore la cui cilindrata è inferiore o uguale a 50 cm³ se ad accensione comandata (oppure la cui potenza massima netta è inferiore o uguale a 4 kW per gli altri motori a combustione interna, o la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici). Vanno bene anche i quadricicli leggeri la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 350 kg (esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici), la cui velocità massima è inferiore o uguale a 45 km/h e la cui cilindrata del motore è inferiore o pari a 50 cm³ per i motori ad accensione comandata (oppure la cui potenza massima netta è inferiore o uguale a 4 kW per gli altri motori a combustione interna, o la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici). Poiché in alcuni Stati dell'UE la patente AM si consegue a 16 anni, chi con la patente AM coseguita in Italia a 14 anni si reca in alcuni Stati dell'UE non può guidare se non ha ancora compito 16 anni.

CATEGORIA A
Poi ci sono diverse patenti di categoria A, che includono sostanzialmente le moto da 125 cm³ in su: età minima necessaria, dai 16 anni in su. Per guidare moto potenti, con la patente A, servono minimo 21 anni, aver fatto pratica per almeno due anni con una patente di tipo A2 e aver superato un esame pratico. Scatta anche la soppressione dei corsi di guida nei licei. La patente A2 consentirà di guidare moto fino a 35 kW (e non più 25 kW); la A3 si conseguirà a 24 anni e non più a 21.

Per saperne di più sulle nuove patenti moto vai su OmniMoto.it.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , patente a punti , neopatentati


Top