dalla Home

Curiosità

pubblicato il 27 dicembre 2012

Gomma da riciclo nel bitume per asfalti nelle strade del futuro?

Uno studio del Politecnico di Torino evidenzia i pregi di questa tecnologia dalle elevate potenzialità

Gomma da riciclo nel bitume per asfalti nelle strade del futuro?

Nel contesto della necessità di un'adeguata manutenzione delle strade e in un momento di crisi economica, si colloca la possibilità di utilizzare gomma da riciclo come additivo nei conglomerati bituminosi, per realizzare "asfalti modificati" dalle prestazioni elevate. Uno specifico dossier sull'argomento è stato presentato a Padova alla Fiera Asphaltica, a cura del Politecnico di Torino e di Ecopneus, una delle organizzazioni che si occupa dal 2011 della gestione dei Pneumatici Fuori Uso (PFU) in Italia. I test condotti dal Politecnico hanno dimostrato come questo tipo di asfalto consenta di diminuire il rumore da rotolamento, e una maggiore durata nel tempo, con costi inferiori se si sommano le fasi di realizzazione con gli interventi di manutenzione a medio e lungo termine.

I principali limiti all'impiego di questa tecnologia è che si tratta di un procedimento ancora in fase di sviluppo: in questo senso, Ecopneus sta collaborando con istituti di ricerca, come lo stesso Politecnico di Torino, al fine di definire degli standard efficaci. Al momento, la procedura consiste nel ridurre le gomme usate in forma granulare, con opportuni processi di trattamento, includendoli nei conglomerati bituminosi per realizzare la superficie del manto stradale. Si tratta comunque di uno dei casi di recupero sul quale si stanno concentrando gli interessi sia degli operatori del settore stradale che dei gestori di rifiuti.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , autostrade


Top