dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 25 dicembre 2012

C’è crisi? L’italiano cura la sua auto

Pulizia e rifornimento, si tende a fare da sé

C’è crisi? L’italiano cura la sua auto

La crisi, la mancanza di lavoro, le tasse che schiacciano: come reagiscono gli automobilisti italiani? Al di là del calo delle vendite, si concentrano sulla vettura, prendendosi cura della macchina. È quanto emerge da una recente ricerca effettuata dall'Osservatorio Linear, commissionata a Nextplora: chi ha un veicolo cura sempre di più in prima persona il mezzo, partendo dai piccoli lavori interni (63%), passando per il rifornimento al self service (67%) e alla pulizia (57%).

PER RISPARMIARE
D’altronde, gli ultimi dati Istat (rapporto annuale 2012) sono emblematici: la spesa per consumi finali è cresciuta del 2,9% (+2,7% nel 2010), e a seguito del contemporaneo aumento dei prezzi si è determinata una contrazione del potere d’acquisto delle famiglie (cioè il reddito disponibile delle famiglie in termini reali) dello 0,6%. In tempi di vacche magre, prendersi cura della vettura è un modo per risparmiare: oltre a rifornimento e piccola manutenzione, ecco il controllo dei livelli dei liquidi (56%). Il 63% del campione intervistato invece si preoccupa di “sporcarsi le mani” nei piccoli interventi di manutenzione come il controllo dei livelli dei liquidi o della sostituzione dei filtri. Il 57% degli italiani provvede in prima persona alla pulizia della propria automobile, sia al lavaggio automatico sia con la classica canna per innaffiare il giardino. Anche il gentil sesso, in fatto di auto, sembra “rimboccarsi le maniche” rispetto al passato: quasi 6 donne su 10 (56%) dichiarano di effettuare il rifornimento di benzina al self service mentre 4 su 10 (41%) affermano di alzare il famigerato cofano dell’auto per piccoli interventi di manutenzione.
Leggi: come si rabbocca l'acqua dei tergicristalli, come si misura la pressione delle gomme; come si misura la pressione delle gomme.

RC AUTO
Un capitolo a parte merita la polizza Rca: gli italiani sono storicamente pigri, poco propensi a cambiare Assicurazione per risparmiare. Tanto che l’abolizione del tacito rinnovo si pone proprio l’obiettivo di spingere l’assicurato a cercare un’altra Compagnia: questo sarebbe davvero un modo intelligente di prendersi cura del proprio portafogli, della propria macchina, spingendo le Imprese a farsi concorrenza.

Scopri tutto sulle assicurazioni.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , assicurazioni


Top