Mercato

pubblicato il 14 dicembre 2012

Mercato auto Europa: a novembre la stagnazione si allarga

La frenata della Germania e il crollo di Francia, Italia e Spagna oscurano il buon risultato del Regno Unito. Jaguar Land Rover, Hyundai e BMW resistono

Mercato auto Europa: a novembre la stagnazione si allarga

Nel mese di novembre 2012 sono state immatricolate in Europa 965.918 automobili, ovvero il 10,1% in meno rispetto al novembre 2011. I dati di vendita ACEA riferiti al mercato EU27+EFTA portano così il totale del venduto nel periodo gennaio-novembre 2012 a quota 11.690.109 vetture, con un calo del 7,2% sullo scorso anno. A provocare il secondo calo percentuale a due cifre dell’anno sono stati alcuni fattori concomitanti: da una parte la stagnazione della Germania che fa segnare un -3,5% e dall’altra i pesanti tonfi dei mercati più importanti, con l’Italia al -20,1%, la Spagna al -20,3% e la Francia al -19,2%. Il momento di crisi generalizzata fa passare in secondo piano l’ennesima bella performance del Regno Unito, che con un totale mensile di 149.191 auto (+11,3%) balza al secondo posto nella classifica continentale. Il Gruppo Volkswagen mantiene la leadership europea con 248.690 vetture vendute che rappresentano il -2,5%, mentre il Gruppo Fiat scende del 12,8% per piazzarsi al settimo posto.

POCHE ECCEZIONI IN UN MERCATO IN DECLINO
Le uniche altre nazioni europee in controtendenza rispetto alla continua contrazione del mercato automobilistico sono la Danimarca (+8,5%), l’Ungheria (+2,8%) e il Lussemburgo (+2,0%), accompagnate su numeri molto più ridotti da Irlanda (+13,5%) e Islanda (+32,6%). Gli altri mercati a soffrire particolarmente la stretta della crisi sono invece Paesi Bassi (-26,4%), Portogallo (25,4%), Austria (-19,7%), Repubblica Ceca (-10,8%), Belgio (-11,4%), con la Grecia (-47,2%) e la Romania (-44,6%) che registrano i tonfi più pesanti.

JAGUAR LAND ROVER, BMW E HYUNDAI NON SI ARRENDONO
Il Gruppo Fiat ha chiuso il mese di novembre 2012 immatricolando in Europa 59.152 vetture, ovvero 8.649 in meno rispetto allo stesso mese del 2011 (-12,8%). Fra i marchi del Lingotto l’unico a salvarsi è Jeep (+15,5%), mentre il resto dei brand propone il -7,8% di Fiat, il -26% di Lancia e il -34% di Alfa Romeo. Il -2,5% del Gruppo Volkswagen è invece frutto di un calo leggero, ma generalizzato, all’interno dei marchi: si va dal -4,5% di Volkswagen, al -2,3% di Audi, passando per il -3,8% di Seat e il -4% di Skoda. Più sensibile è la flessione di Renault Group (-27,4%), PSA (-16%) e General Motors (-13,1%), con Ford che non fa meglio di un -10,2%. L’elenco dei gruppi in affanno continua con Nissan (-13,3%), Toyota (-9,7%), Suzuki (-24,1%), Volvo (-12,2%), Honda (-14,7%) e Mitsubishi (-38,3%). A contenere le perdite sono invece Kia (-3,6%) e Daimler (-0,7%) che compensa la brutta performance di smart (-18,1%) con un +1,5% di Mercedes. A sorridere ancora è Jaguar Land Rover che incassa un bel +16,3%, frutto del +18,4% di Jaguar e il +7,4% di Jaguar. A ruota fra quelli che festeggiano un novembre positivo ci sono Hyundai (+7,1%), Mazda (+5,5%) e BMW (+0,4%). Per il gruppo bavarese a mantenere un sostanziale equilibrio ci pensa il marchio BMW (+3,8%), dato che MINI segna il passo con un -12,1%.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Vai allo speciale
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 16
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 17
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 15
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 26
Vai al Salone Salone di Francoforte 2017
 
Top