dalla Home

Novità

pubblicato il 13 dicembre 2012

BMW M6 Gran Coupé

La gamma sportiva bavarese si amplia con la carrozzeria coupé a 4 porte, sempre con un V8 biturbo da 560 CV che tocca i 305 km/h

BMW M6 Gran Coupé
Galleria fotografica - BMW M6 Gran Coupé: le prime fotoGalleria fotografica - BMW M6 Gran Coupé: le prime foto
  • BMW M6 Gran Coupé: le prime foto - anteprima 1
  • BMW M6 Gran Coupé: le prime foto - anteprima 2
  • BMW M6 Gran Coupé: le prime foto - anteprima 3
  • BMW M6 Gran Coupé: le prime foto - anteprima 4
  • BMW M6 Gran Coupé: le prime foto - anteprima 5
  • BMW M6 Gran Coupé: le prime foto - anteprima 6

E’ la terza variante di carrozzeria della della famiglia, la BMW M6 Gran Coupé. La coupé a quattro porte si affianca alle M6 Coupé e Cabrio, con cui condivide lo stesso motore V8 con sovralimentazione M TwinPower Turbo da 560 CV. Grazie all’abbinamento al cambio a doppia frizione M a sette rapporti Drivelogic e al differenziale attivo M, lo 0-100 km/h è coperto in 4,2 secondi e la velocità massima, limitata di serie a 250 km/h, può raggiungere i 305 km/h con l’M Driver’s Package, offerto come optional. Il tetto è in materiale composito rinforzato in fibra di carbonio CFRP (lo stesso utilizzato per il diffusore posteriore) e l’abitabilità posteriore è ottimale per due persone, con la possibilità di ospitare un terzo passeggero anche se solo per brevi spostamenti.

DISEGNATA DALLA TECNICA
La linea della BMW M6 Gran Coupé eredita la filosofia di tutte le versioni M del marchio bavarese: tramutare le esigenze funzionali legate al raggiungimento delle massime prestazioni in elementi di design. Sono dunque le necessità di raffreddamento della meccanica, la geometria dell’assetto, l’equilibrio dei pesi e la progettazione dell’aerodinamica a definire le forme della vettura. Il frontale presenta così grosse prese d’aria per il raffreddamento e proiettori adattivi a LED. La vista laterale, invece, mette in mostra il passo - allungato di 11,3 centimetri rispetto alla M6 Coupé - e il padiglione rastremato, che confluisce nel prolungamento della nervatura laterale dove sono ricavate le maniglie delle porte. La caratterizzazione, poi, continua nelle branchie laterali tipiche delle M, negli specchietti retrovisori esterni aerodinamicamente ottimizzati, nei cerchi in lega M da 20 pollici a raggi sdoppiati e nei doppi terminali di scarico M.

SPORTIVA E VARIABILE
L’abitacolobagagliaio ha una capacità che va da 460 a 1.265 litri. Il motore V8 ha due turbocompressori TwinScroll e una cilindrata di 4.395 cc, l’alimentazione è a iniezione diretta e la distribuzione Valvetronic, con alzata e valvole variabile, così come la fasatura doppio-Vanos in aspirazione e scarico. La coppia massima del propulsore di 680 Nm si sviluppa tra 1.500 e 5.750 g/min e il picco di potenza si raggiunge nell’arco di regime compreso tra 6.000 e 7.000 g/min, con limitatore a quota 7.200 g/min. Il consumo di carburante dichiarato per il ciclo combinato di prova UE è di 9,9 litri per 100 chilometri, con emissioni di CO2 pari a 232 g/km.

MULTIDISCIPLINARE
Al comparto trasmissione è la funzione Launch Control a massimizzare l’accelerazione, lasciando alla Low Speed Assistance il compito di incrementare il comfort e alla funzione Start/Stop automatico quello di garantire la massima efficienza. Nella guida al limite, ovvero in condizioni di bassa aderenza, il differenziale attivo M distribuisce la coppia motrice tra le ruote posteriori e ottimizza la trazione. Il bloccaggio delle lamelle a controllo elettronico è collegato in rete CAN con la regolazione della stabilità di guida DSC (Dynamic Stability Control), per adattare la ripartizione di potenza tra la ruota posteriore destra e quella sinistra con la massima precisione e velocità in base alle richieste dell’acceleratore. Lo sterzo non cede alle lusinghe della servoassistenza elettrica, come qualche recente supercar ha fatto, e rimane idraulico, con una scatola a pignone e cremagliera a demoltiplicazione variabile abbinata alla funzione M Servotronic. Di serie c’è poi il Dynamic Damper Control, sviluppato appositamente per le vetture M, mentre in alternativa all’impianto frenante ad alte prestazioni Compound, la BMW M6 Gran Coupé può essere dotata anche dei freni carboceramici M.

EQUIPAGGIAMENTI
L’equipaggiamento di serie della BMW M6 Gran Coupé include anche il riscaldamento dei sedili di guidatore e passeggero, gli specchietti retrovisori esterni ed interno autoanabbagliante, un impianto antifurto e la radio BMW Professional con un sistema di altoparlanti HiFi. In alternativa al climatizzatore automatico a due zone di serie è disponibile anche un climatizzatore automatico a quattro zone e la lista delle personalizzazioni continua con il programma di optional che include: sedili multifunzione M, riscaldamento dei sedili posteriori, Comfort Access, volante riscaldato, sistema automatico Soft Close delle porte, tendine avvolgibili parasole ad azionamento elettrico, sistema di navigazione Professional e il Bang & Olufsen High End Surround Sound System. L’offerta di BMW ConnectedDrive include inoltre il BMW Head-Up-Display, i sistemi Park Distance Control, telecamera di retromarcia, High Beam Assistant, Speed Limit Info, Lane Change Warning, Lane Departure Warning, Surround View e BMW Night Vision con riconoscimento delle persone. In più, è possibile integrare a bordo l’Apple iPhone e altri smartphone, così come utilizzare i servizi funzionanti sulla base di internet.

Autore:

Tag: Novità , Bmw


Top