dalla Home

Novità

pubblicato il 13 dicembre 2012

MINI Paceman John Cooper Works

Anche la SUV coupé britannica ha la sua variante "hot". Sul mercato arriverà la prossima primavera

MINI Paceman John Cooper Works
Galleria fotografica - MINI Paceman John Cooper WorksGalleria fotografica - MINI Paceman John Cooper Works
  • MINI Paceman John Cooper Works - anteprima 1
  • MINI Paceman John Cooper Works - anteprima 2
  • MINI Paceman John Cooper Works - anteprima 3
  • MINI Paceman John Cooper Works - anteprima 4
  • MINI Paceman John Cooper Works - anteprima 5
  • MINI Paceman John Cooper Works - anteprima 6

Non c'è Mini che non passi per il "trattamento" JCW ed ecco che anche l'ultima arrivata, la Paceman, guadagna la versione John Cooper Works che si posiziona come punta di diamante della gamma della Sports Activity Coupé, come viene definita la Mini Paceman dalla Casa di Oxford. Il debutto avverrà al Salone di Detroit (14-27 gennaio), mentre il lancio sul mercato è previsto per la primavera del 2013.

LOOK DA CORSA
Kit aerodinamico, cerchi in lega leggera da 18", doppio terminale di scarico cromato, minigonne specifiche, spoiler e tinte sgargianti per la carrozzeria sono le caratteristiche tipiche delle sette Mini JCW che si ritrovano anche nella Paceman, alla cui aggressività contribuiscono anche alcune caratteristiche funzionali, come l'assetto più basso di 1 cm rispetto alla Cooper S grazie a sospensioni spicifiche e l'impianto frenante maggiorato con le pinze freno bene in vista. All'interno la nuova MINI Paceman John Cooper Works si distingue per i rivestimenti in pelle dei sedili sportivi, il volante sportivo a tre razze, gli inserti in nero lucido, il cielo del tetto antracite. Nella zona posteriore della MINI John Cooper Works Paceman due passeggeri possono accomodarsi su sedili separati.

218 CV COL 4 CILINDRI JCW
Il motore della nuova MINI John Cooper Works Paceman è il 4 cilindri 1.6 turbo da 218 CV che le consente di accelerare da 0 a 100 km/h in solo 6,9 secondi. Questa versione è dotato di pistoni e albero motore rinforzati e sono state adottate alcune ottimizzazioni a livello di raffreddamento, collettore di scarico e ammissione. La coppia massima di 280 Newtonmetri è disponibile ad un regime tra i 1.900 e i 5.000 g/min e grazie all’overboost raggiunge temporaneamente i 300 Newtonmetri quando il guidatore richiede maggiore potenza. Il sitema di trazione è integrale ALL4 che trasferisce la coppia sull'asse posteriore fino al 50%. Il cambio è invece un manuale a 6 rapporti, m acome optional è dispinibile l'automatico con paddles al volante. Attivando lo Sport Button sulla consolle centrale, montato a bordo di serie, vengono influenzate la rapidità di risposta e la sonorità del motore, nonché la linea caratteristica del servosterzo.

Autore:

Tag: Novità , Mini , serie speciali


Top