dalla Home

Mercato

pubblicato il 7 dicembre 2012

Aston Martin: nella proprietà entra Investindustrial

Il fondo del manager italiano Andrea Bonomi rileva il 37,5%: "Ripeteremo il successo di Ducati"

Aston Martin: nella proprietà entra Investindustrial
Galleria fotografica - Nuova Aston Martin VanquishGalleria fotografica - Nuova Aston Martin Vanquish
  • Nuova Aston Martin Vanquish - anteprima 1
  • Nuova Aston Martin Vanquish - anteprima 2
  • Nuova Aston Martin Vanquish - anteprima 3
  • Nuova Aston Martin Vanquish - anteprima 4
  • Nuova Aston Martin Vanquish - anteprima 5
  • Nuova Aston Martin Vanquish - anteprima 6

Le indiscrezioni dei giorni scorsi hanno appena trovato conferma con l'ufficializzazione da parte di Investindustrial, l'ex proprietaria della Ducati poi passata a Audi AG, dell'acquisizione di Aston Martin. Vinta la concorrenza di Mahindra & Mahindra, il fondo di private equity guidato dal manager italiano Andrea Bonomi per la Casa di Gaydon si aspetta un futuro "in forte sviluppo soprattutto grazie alla crescita dei mercati emergenti e possa quindi sovraperformare in maniera significativa rispetto all’andamento complessivo di tutto il mercato automobilistico", si legge in una nota.

I PROGRAMMI
Investindustrial acquisirà per circa 190 milioni di euro il 37,5% del capitale di Aston Martin Holdings (UK) Limited (valutata 940 milioni) attraverso un aumento di capitale. L'operazione avrà luce verde una volta acquisito l'ok dell'authority antitrust previsto nel primo trimestre del 2013. Successivamente Investindustrial ed Investment Dar, il fondo arabo che detiene la parte restante investiranno oltre 625 milioni di euro in nuovi prodotti e in programmi per lo sviluppo tecnologico. Il primo passo verso il rinnovamento della gamma è stato avviato con il lancio della nuova Vanquish che sarà lanciata nei primi mesi del 2013 e che segna un salto tecnologico per il costruttore britannico con l'uso esteso di fibra di carbonio nella struttura. La produzione rimarrà comunque nello stabilimento di Gaydon, che oggi impiega circa 1.600 addetti.

BONOMI: "RIPETEREMO IL SUCCESSO DI DUCATI"
Andrea Bonomi, Senior Principal di Investindustrial, ha commentato l'operazione: "Siamo davvero orgogliosi di iniziare questa avventura e investire in una icona globale, oltre che in uno dei marchi simbolo del “British style”. Non vediamo l'ora di lavorare con il management e con Investment Dar per realizzare anche con Aston Martin quel processo di trasformazione e ammodernamento che abbiamo ottenuto con successo in Ducati, grazie all’ampliamento della gamma di modelli e al rafforzamento della rete distributiva in tutto il mondo". Il Presidente di Aston Martin, David Richards, ha dichiarato: "Siamo lieti che Investindustrial abbia deciso di diventare l’azionista di riferimento di Aston Martin. Con il supporto di Investment Dar, nel corso degli ultimi cinque anni abbiamo posto le basi per affermarci come uno dei leader a livello mondiale nel settore delle automobili sportive di lusso. L’investimento effettuato da Investindustrial valorizza il posizionamento unico raggiunto da Aston Martin nel proprio segmento di mercato. Con questa partnership e il rinnovato impegno di Investment Dar, non vediamo l'ora di lavorare con i nostri azionisti, condividere la nostra visione e realizzare i nostri progetti futuri".

Autore:

Tag: Mercato , Aston Martin , auto inglesi


Top