dalla Home

Test

pubblicato il 8 dicembre 2012

Opel Adam 1.4 87 CV Slam, tanto divertimento e poco spazio

Guidare l'anti-500 tedesca mette il sorriso e, come sulla MINI, lo scotto lo pagano i bagagli e chi siede dietro. Il prezzo è giusto, però

Galleria fotografica - Opel AdamGalleria fotografica - Opel Adam
  • Opel Adam - anteprima 1
  • Opel Adam - anteprima 2
  • Opel Adam - anteprima 3
  • Opel Adam - anteprima 4
  • Opel Adam - anteprima 5
  • Opel Adam - anteprima 6

Da costruttore di auto pragmatiche e razionali, Opel è diventato da qualche tempo un marchio associato a vetture dallo stile dinamico, per abbinare - come spiega il designer Mark Adams in questa intervista - più emozione all’immagine “ingegneristica” della casa tedesca. Ma prima di cambiare ruolo (da responsabile dello stile Opel è passato a dirigere lo stile Cadillac e Buick), ha voluto fortemente la Adam, piccola citycar con un vestito alla moda che sfida la Fiat 500 e la MINI e vuole dare fastidio anche alle più grandi Audi A1 e Citroen DS3. Abbiamo provato la motorizzazione 1.4 a benzina da 87 CV in allestimento Slam, ovvero la versione baricentrica della gamma per motore, equipaggiamento e prezzi.

RICERCATA, BEN FATTA E PICCOLA
L’Opel Adam è un’auto pensata per piacere ai giovani, in particolare alle donne. A cominciare dal look, sportivo e moderno. I cerchi in lega infatti sono da 17”, ma a richiesta si possono avere addirittura i 18”. Davanti e dietro sono i fari a Led a far parlare di sé, perché ancora poco diffusi su vetture di questa categoria, ma ovviamente è il tetto “sospeso” l’elemento più caratterizzante della Adam. La linea di demarcazione cromata ha uno spessore variabile, delimitata davanti e dietro dalla modanatura in nero lucido sulla zona dello specchietto retrovisore e alla base del montante posteriore. L’aspetto generale è di quelli “forti”, che non ammette vie di mezzo tra il “piace” e il “non piace”. Molto riuscita è la plancia: morbida nella parte superiore, colorata nella fascia orizzontale, sul tunnel e sui pannelli porte e con comandi di elevata qualità realizzativa. La climatizzazione, anzitutto, ha una retroilluminazione “dinamica” (che cambia con le regolazioni), mentre l’impianto multimediale IntelliLink offre una bella sensibilità al tocco dello schermo touchscreen da 7”. I menu scorrono intuitivi e veloci e grazie alla compatibilità con gli smartphone Android e Apple si può accedere a foto, video e musica contenuti nel telefono, oltre che scaricare applicazioni e usare il navigatore satellitare. Migliorabile invece lo spazio per i passeggeri posteriori e i bagagli, compatibili solo con un utilizzo cittadino e per brevi tragitti fuori porta.

"GRANDE" DA GUIDARE
In movimento l’Opel Adam si comporta come un’auto di categoria superiore già a partire dal posto guida. Il sedile ha un’escursione delle regolazioni molto ampia e il volante presenta un’impugnatura spessa, che fa da portavoce alle doti stradali della vettura. In abbinamento ai cerchi da 17” (stessa cosa per i 18”), l’Adam offre un assetto sportivo ribassato di 1,5 cm e uno sterzo a servoassistenza variabile che, al pari delle altre versioni, dispone della funzione City per le manovre di parcheggio. In curva l’inserimento è rapido il volante restituisce un bel feeling sia in fase di percorrenza che in riallineamento, al contrario del cambio, che tende ad irrigidirsi negli innesti, restituendo qualche “scalino” di troppo. Il motore 1.4 ha un’erogazione in sintonia con il piglio sportiveggiante che la Adam suggerisce al conducente: fin dallo spunto la piccola tedesca “viene su” allegra, senza la pretesa di offrire accelerazioni da primato, ma con una spinta sempre sostanziosa. Dopo aver guidato sempre nel traffico cittadino con lo start&stop inserito il computer di bordo ha decretato un consumo medio di 8,2 l/100 km, pari a una percorrenza di 12,2 km/l.

PREZZI, ACCESSORI E PERSONALIZZAZIONI
L’Opel Adam del nostro test è una versione aggiunta all’ultimo momento nella gamma dedicata all’Italia. Il 1.4 da 87 si posiziona così a metà strada tra il 1.2 da 70 CV e il 1.4 da 100 CV, con un prezzo per l’allestimento Slam di 14.750 euro, che rendono la Adam molto competitiva nel confronto con le suddette rivali. La differenza con il listino della 1.2 è di 500 euro, per un equipaggiamento di serie che aggiunge alla dotazione di partenza (6 airbag, attacchi Isofix per i seggiolini dei bambini, ABS, ESP, sistema di assistenza alle partenze in salita, radio con CD, vetri elettrici e sedile posteriore frazionabile 50:50) i fari a Led, il vivavoce Bluetooth con presa Usb, il volante in pelle con comandi sulle razze, il regolatore di velocità e computer di bordo, il clima automatico, l’assetto ribassato, i sedili sportivi in tecno-pelle e l’impianto di infotainment IntelliLink. Ma la peculiarità dell’Opel Adam è soprattutto nella possibilità di personalizzazione, che la si voglia confezionare come un abito su misura, con tanti singoli accessori, o come un’auto prêt-à-porter, optando per i vari pacchetti di accessori. All’esterno sono disponibili 3 pack per le colorazioni esterne - White o Black, Twisted ed Extreme -, abbinabili a 4 combinazioni di tonalità per l’abitacolo (nero, marrone, prugna e ghiaccio), a 15 design diversi per sedili, 19 per gli inserti di plancia, tunnel e pannelli porta e a 8 inserti (tra cui 2 in bachelite semitrasparente retroilluminate). Nella lista degli optional “classici” ci sono poi 31 varianti di cerchi in lega, da 15 a 18 pollici (ognuno disponibile con fino a 6 varianti di finitura placche colorate applicabili alle razze), per una spesa compresa tra 100 e 500 euro. Inoltre, partendo dagli equipaggiamenti più comuni, come la vernice metallizzata (550 euro), si possono fare richieste più particolari come per i 3 toni a contrasto del tetto (250 euro): nero, bianco e marrone. Passando all’interno, per 100 euro si può rivestire il padiglione con diversi motivi e con 300 euro illuminarlo con 64 Led che danno l’effetto “cielo stellato”. Su tutte le Adam lo start&stop è a richiesta e per 350 euro si abbina a pneumatici a bassa resistenza di rotolamento. Per guidare fino al centro storico, infine, e continuare su due ruote la citycar tedesca offre a 700 euro un intelligente soluzione per la mobilità urbana: il porta-biciclette FlexFix è in grado di trasportare anche una bicicletta elettrica (fino a 30 kg di peso), con la possibilità di avere a pagamento una prolunga per una seconda bici, per ulteriori 20 kg.

Scheda Versione

Opel Adam
Nome
Adam
Anno
2013
Tipo
Premium
Segmento
citycar
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Opel


Listino Opel Adam

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 70cv MT5 anteriore benzina 70 1.2 4 € 11.700

LISTINO

1.2 JAM 70cv MT5 anteriore benzina 70 1.2 4 € 13.700

LISTINO

1.2 JAM 70cv MT5 Start&Stop anteriore benzina 70 1.2 4 € 14.000

LISTINO

1.2 UNLIMITED 70cv MT5 anteriore benzina 70 1.2 4 € 14.100

LISTINO

1.4 JAM 87cv MT5 anteriore benzina 87 1.4 4 € 14.200

LISTINO

1.2 UNLIMITED 70cv MT5 Start&Stop anteriore benzina 70 1.2 4 € 14.400

LISTINO

1.4 JAM 87cv MT5 Start&Stop anteriore benzina 87 1.4 4 € 14.500

LISTINO

1.4 UNLIMITED 87cv MT5 anteriore benzina 87 1.4 4 € 14.600

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top