dalla Home

Motorsport

pubblicato il 26 novembre 2012

Vettel: "Ho pianto dopo il traguardo, però la radio non funzionava..."

E Alonso la prende con sportività: "Cosa chiedo alla squadra per il 2013? Una macchina più veloce..."

Vettel: "Ho pianto dopo il traguardo, però la radio non funzionava..."

Sebastian Vettel che con il terzo titolo iridato entra nell'olimpo dei grandi nello stesso Gran Premio in cui il pilota più vincente di tutti i tempi si ritira, un meteo che si diverte a far impazzire gli strateghi del muretto, colpi di scena a non finire e la Ferrari che perde il titolo piloti per 3 punti. Per questo e per molto altro di quanto visto ieri in pista, c'è da star sicuri che il Gran Premio del Brasile che ha chiuso la stagione 2012 verrà ricordato per molti anni a venire. Il più contento è naturalmente il tedesco della Red Bull, che ha rivelato nel dopo gara "Vincere il terzo titolo, specialmente qui dove è nato il mio idolo Ayrton Senna, è difficile da descrivere. Ho pianto n macchina, ma la radio non funzionava... meglio così!".

Brillano per lucidità le parole di Fernando Alonso: "E’ stata una stagione da 10! Se dovessi ripetere queste venti gare non cambierei nulla di quello che abbiamo fatto la squadra ed il sottoscritto: nessun errore, nessun problema meccanico, zero problemi al pit-stop, zero sbagli di strategia. Il titolo non lo abbiamo certamente perso oggi ma a Spa o a Suzuka" è l'analisi dell'asturiano che ha chiesto alla Scuderia un aiuto per il prossimo anno: "Cosa chiedo alla squadra per il 2013? E’ facile rispondere una macchina più veloce ma soprattutto vorrei rivedere quell’impegno e quella professionalità che ho visto quando la squadra ha reagito alle difficoltà iniziali. Anche se magari non siamo riusciti a raggiungere il livello di prestazione dei migliori, tutti hanno dimostrato una dedizione assoluta". 

Autore:

Tag: Motorsport , formula 1


Top