dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 novembre 2012

Al via H2Roma 2012

13 auto esposte, una e-bike e 20 vetture in test drive compongono l'undicesima edizione della rassegna ecologica

Galleria fotografica - H2Roma 2012Galleria fotografica - H2Roma 2012
  • H2Roma 2012 - anteprima 1
  • H2Roma 2012 - anteprima 2
  • H2Roma 2012 - anteprima 3
  • H2Roma 2012 - anteprima 4
  • H2Roma 2012 - anteprima 5
  • H2Roma 2012 - anteprima 6

H2Roma apre al pubblico e fino a sabato 10 novembre mette in mostra la mobilità a basso impatto ambientale. Consegnati i premi "H2Roma Ricerca, Energia e Mobilità" ai migliori articoli scientifici pubblicati su riviste internazionali, quest'anno firmati da Gianni Appetecchi, Laura Andaloro e Livia Pino, la manifestazione ha preso il via con un workshop scientifico chiamato "Motori fuel neutral e fonti rinnovabili: energia e mobilità ad una svolta". Esposte ci sono 13 auto, una e-bike ed una microvettura, mentre nell'area esterna si possono provare su strada, grazie ai test drive curati da OmniAuto.it, le green car del momento. La manifestazione, promossa da CIRPS-Sapienza Università di Roma, ITAE-CNR ed ENEA con l'adesione del Presidente della Repubblica, è anche l'occasione per avvicinare gli studenti al mondo dell'auto. In visita ci sono migliaia di giovani delle medie e medie superiori, mentre H2Roma Università, come conferma Fabio Orecchini, Coordinatore Scientifico di H2Roma, è sensibilmente cresciuta rispetto alle scorse edizioni.

Il Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo, ha avuto per la manifestazione parole di riguardo espresse in una lettera: “Personalmente ho una convinzione che mi accompagna da sempre e che trova conferma nelle esperienze come H2Roma: l’Italia possiede eccellenze e capacità che l’hanno portata ad essere tra i primi otto Paesi più industrializzati del mondo e che oggi hanno bisogno di essere valorizzate e sostenute. Nonostante il momento difficile che il nostro Paese sta vivendo, quindi, l’unico modo per rilanciare la crescita culturale oltre che economica, è puntare sul nostro immenso capitale umano, sulla ricerca e sull’innovazione. Il futuro che vogliamo, come recita il titolo della manifestazione, è il futuro nel quale l’Italia sia in grado di maturare una propria visione strategica di medio periodo attraverso la quale realizzare un più virtuoso rapporto con le nuove politiche europee della strategia Horizon 2020, una grande opportunità per aiutare le nostre imprese, le nostre istituzioni, i nostri enti di ricerca a competere nel mercato internazionale della ricerca”.

Prenota un test drive.

[Foto: Alessandro Rabboni]

Autore:

Tag: Curiosità , h2roma


Top