dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 7 novembre 2012

Dossier Viaggiare d’inverno, speciale pneumatici invernali

Pneumatici invernali o catene da neve? Ecco la legge

Che cosa dicono le norme e come evitare multe

Pneumatici invernali o catene da neve? Ecco la legge

La rivoluzione in materia di circolazione d’inverno è arrivata con la legge 120 del luglio 2010, perché è stato modificato il Codice della strada. Infatti, ora l'ente proprietario della strada può, tramite ordinanza, prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio. Per un periodo prestabilito, l’ente proprietario della strada ha quindi la possibilità di imporre un obbligo preciso: l’auto deve viaggiare con pneumatici invernali montati oppure, in alternativa, con catene a bordo.

IN CONCRETO
Succede allora che l’automobilista, prima di mettersi in viaggio, debba controllare l’esistenza di eventuali ordinanze degli enti proprietari delle strade: può farlo tramite i siti www.pneumaticisottocontrollo.it oppure www.interno.it o www.poliziadistato.it. In caso di inosservanza delle regole, non esiste una norma specifica che stabilisce una multa: ogni ente è libero di fissare una multa, che generalmente è di 80 euro. E le Forze dell’ordine possono impedire la prosecuzione della marcia finché il guidatore non si sia messo in regola, montando pneumatici invernali o avendo catene da neve a bordo. Ovviamente, esistono specifici cartelli rettangolari che obbligano l’automobilista a rispettare l’obbligo di viaggiare con pneumatici invernali montati oppure, in alternativa, con catene a bordo.

TRE PROBLEMI
Il fatto è che ogni ente proprietario della strada può regolarsi come crede. Sulle strade provinciali di una certa città può esserci l’obbligo, su altre arterie no, dopodiché l’obbligo ritorna su altre strade di una terza provincia. E così via, a macchia di leopardo. Un secondo problema è dato dalla confusione attorno alle multe. Qualche ente tuttora stabilisce che, “per le violazioni, trovano applicazione le sanzioni, comprese tra 74 e 296 euro, previste dall’articolo 6 comma 14 del Codice della strada”. Anzitutto, l’articolo 6 comma 14 del Codice della strada dice: “Chiunque vìola gli altri obblighi, divieti e limitazioni previsti nel presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 80 a 318 euro”. Quindi 80 euro, non 74. E comunque, al di là di questo, la sanzione di 80 euro vale solo per mancata osservanza del divieto di circolare con pneumatici invernali montati o catene da neve montate. Che è cosa ben diversa dall’obbligo di pneumatici invernali montati o catene da neve a bordo, dato dal cartello 1 e con una multa di volta in volta stabilita dall’ente proprietario della strada. Il terzo guaio, forse quello più serio, è che una norma concepita per migliorare la sicurezza stradale può essere aggirata da qualche furbetto: per fingere di essere in regola con l’obbligo di circolare con pneumatici invernali montati o catene da neve a bordo, potrebbe semplicemente piazzare nel baule vecchie catene da neve, anche non adatte al veicolo: in caso di controllo delle Forze dell’ordine, basterà mostrare le catene per evitare la multa. È altamente improbabile che gli agenti facciano montare le catene sul posto, per verificare che siano idonee al mezzo...

QUALI GOMME INVERNALI
Per essere considerati pneumatici invernali, le gomme devono necessariamente essere contraddistinte dalla marcatura M&S, MS, M-S, M+S. Solo pneumatici invernali M+S possono essere considerati equivalenti alle catene da neve omologate e quindi in grado di rispettare gli obblighi di legge. È vero: gli pneumatici invernali presentano anche un simbolo rappresentante un fiocco di neve racchiuso nel profilo di una montagna, simbolo denominato snowflake. Questo simbolo indica che la gomma è uno pneumatico Winter e segue la normativa richiesta dal mercato Usa. In Italia lo snowflake, non è obbligatoria: l’unica indicazione valida è M+S. Per fortuna, i maggiori costruttori di pneumatici adottano lo snowflake come “norma di buona tecnica” accanto alla scritta M+S, a tutela dell’automobilista. Tuttavia, spesso le gomme all season sono montate come primo equipaggiamento su Sus e crossover ma, pur offrendo prestazioni migliori sui fondi viscidi rispetto a un treno di pneumatici estivi, non garantiscono lo stesso livello di aderenza degli invernali quando fa freddo. Pertanto, ai fini della sicurezza, pneumatici winter e all season non sono affatto la stessa cosa, per non parlare del confronto con le gomme estive: a una velocità di 90 km/h, gli spazi di frenata si riducono in media del 20% se l'asfalto è freddo e asciutto, del 30% quando è bagnato, e fino al 50% quando è ricoperto di neve. Insomma, non fidatevi di chi cerca di spacciarvi per invernali pneumatici che non abbiano sia il simbolo M+S sia lo snowflake.

DOVE
La legge consente di montare gli pneumatici invernali anche sulle sole ruote motrici. Il Codice della strada parla infatti di "omogeneità su ogni asse del veicolo", vale a dire che si possono avere i due pneumatici (uguali fra loro: stessa marca, modello, misure e marcatura) all'avantreno diversi dai due pneumatici montati al retrotreno (uguali fra loro: stessa marca, modello, misure e marcatura) e viceversa. Per la stabilità dell’auto in curva, invece, è fondamentale avere sempre le gomme invernali su tutt'e quattro le ruote e mai solo sulle ruote motrici. Il fatto è che la circolazione con gomme invernali montate davanti ed estive dietro è permessa: guidando a bassa velocità, alla prima curva l’auto rischia di sbandare nonostante le ruote tutte “sterzate”. Con le basse temperature, quindi, la differenza di grip tra una gomma invernale e una estiva è determinante per la sicurezza.

SEGNALI
Il cartello che tutti conoscono è quello della ruota catenata su fondo blu. Significa che, dal punto dov'è installato, è obbligatorio avere pneumatici invernali o, in alternativa, catene da neve montati. Per il Codice della strada, la prescrizione scatta appena c'è quel cartello: non parla di obbligo solo in caso di strada innevata. E se incontrate quel segnale in assenza di neve sulla strada? È un errore del cantoniere, che ha dimenticato di togliere il cartello una volta che l'asfalto è diventato pulito. Comunque, affidandosi al buon senso, le Forze dell'ordine multano solo in presenza di cartello e della neve sulla strada. L'obbligo di catene a bordo o gomme invernali montate, invece, è segnalato da un altro cartello, di più recente introduzione, raffigurante una gomma catenata a fianco di uno pneumatico invernale ed è accompagnato dalle scritta “obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo”, dal periodo di riferimento (in genere “dal 15 novembre al 15 aprile”) e dai tratti di strade interessati. Può essere a sfondo blu o verde, a seconda che sia installato su arterie della viabilità ordinaria o sulle autostrade.

MULTE
Circolare senza pneumatici da neve o catene da neve a bordo nelle strade in cui ciò è prescritto e per i periodi indicati, comporta la sanzione pecuniaria amministrativa da di 39 euro o da 80 euro (ex art. 72 CdS), rispettivamente per le infrazioni commesse dentro o fuori i centri abitati (artt. 7 e 6 CdS). Ai sensi dell'art. 192 comma 3 CdS, i funzionari, ufficiali ed agenti ai quali spetta l'espletamento dei servizi di polizia stradali, possono ordinare ai conducenti dei veicoli sprovvisti dei mezzi antisdrucciolevoli, qualora prescritti, di fermarsi o di proseguire la marcia con l'osservanza di specifiche cautele. Analoga violazione trova applicazione, in presenza della segnaletica di prescrizione, se la circolazione avviene in autostrada o su strada extraurbana principale o sulle altre strade individuate con decreto del ministero dei Lavori pubblici. In tali casi può concorrere, in presenza di effettivo pericolo per la circolazione, l'ulteriore sanzione pecuniaria amministratica da € 39,00 (ai sensi dell'art. 175 comma 16 CdS in relazione al comma 2 lettera h). In ogni caso gli organi di polizia possono imporre ai conducenti di abbandonare con i propri veicoli l'autostrada (art. 175 comma 17 CdS). Alla violazione di cui all'art. 175 come sopra citata, consegue, inoltre, la decurtazione di 2 punti sulla patente. In riferimento all’inosservanza dei cartelli stradali, inoltre, la nuova legge del 2010 (articolo 6 del Cds, comma 4, lettera e) ha consentito agli enti gestori della strada di imporre un obbligo preciso, ossia di circolare solo con pneumatici invernali o catene da neve a bordo. Il cartello che segnala questa prescrizione la indica con una scritta esplicita e di volta in volta è la provincia, la regione o il sindaco (per le strade comunali) ad imporre, tramite la stessa ordinanza che introduce quell'obbligo, una multa: di 39 euro nei centri urbani, 80 euro fuori città. Dopo il primo verbale, se l'automobilista si ostina a circolare "fuori legge", subisce una seconda multa: 80 euro più il taglio di tre punti della patente e l'obbligo, ovviamente, di non proseguire in quelle condizioni. Andando ancora oltre, le Forze dell’ordine possono impedire il proseguimento della marcia.

LINK UTILI
Pneumatici invernali
- Pneumatici invernali: dove, come, quando e perché utilizzarli
- Pneumatici invernali: dove sono obbligatori
- Pneumatici invernali: dove si usano in Europa
- Pneumatici invernali: non chiamateli gomme da neve
- Pneumatici invernali, qualche chiarimento

Catene da neve
- Tutte le notizie sulle catene da neve
- Catene da neve: quando si montano, come si usano, quanto costano
- Come guidare sulla neve
- Come guidare sulla neve in città
- Catene da neve, qualche informazione utile
- Catene da neve: occhio ai segnali di obbligo
- Catene a bordo: il mistero dei cartelli
- Con i pneumatici invernali ricicli le catene da neve
- Pneumatici invernali e catene: il bilancio 2011/2012

DOCUMENTI UTILI




Autore: Redazione

Tag: Attualità , pneumatici invernali , catene da neve


Top