dalla Home

Mercato

pubblicato il 3 novembre 2012

Immatricolazioni ottobre 2012, il decimo mese in caduta libera

Da gennaio il calo si è attestato al 19,7% e le previsioni per il 2013 sono ancora negative

Immatricolazioni ottobre 2012, il decimo mese in caduta libera

Come era facile prevedere anche ottobre 2012 è stato negativo per il mercato dell'auto. Stavolta il calo è stato del 12,4% con 116.875 auto vendute ma se nel mese la diminuzione della domanda appare meno forte del passato è perché ha beneficiato di due giorni lavorativi in più rispetto ad ottobre 2011. Se operassimo un confronto a pari numero di giornate feriali, anche tenendo conto dell’effetto fine mese, la flessione reale, come spiega l'UNRAE, sarebbe del 20%. Nel complesso i primi 10 mesi dell’anno consuntivano così 1.207.860 immatricolazioni (-19,7%). "Undici mesi consecutivi in caduta libera a due cifre in cui il Governo non ha saputo, potuto o voluto intervenire - ha detto Jacques Bousquet, Presidente dell’UNRAE -. Non tocca a noi giudicare e con l’avvicinarsi dell’inevitabile vuoto legislativo che precede le elezioni, è difficile prevedere a breve un’inversione di tendenza". Il 2012 secondo le stime chiuderà attorno al -20% e il 2013 sarà ancora negativo. In questo scenario da gennaio il Gruppo Fiat ha perso il 19,73% delle immatricolazioni e quello Volkswagen il 17,95%, mentre le consegne del Gruppo Hyundai sono aumentate del 15,28% e quelle di Jaguar Land Rover del 35,73%.

GPL ALLA RIBALTA, FAMIGLIE IN DIFFICOLTA', ORDINI IN PICCHIATA
Con i prezzi di benzina e diesel alle stelle, le motorizzazioni protagoniste del mercato auto sono quelle a GPL e metano. Le prime dovrebbero chiudere l’anno a 9,3% di quota di mercato e 130.000 immatricolazioni e il metano attorno al 3,8% di quota. Sul fronte del mix per canale di vendita, le società hanno registrato nel mese la flessione maggiore (-14,7%), seguite dai privati (-13,2%) e dalle immatricolazioni alle società di noleggio (-5,8%). Gli ordini sono ancora in discesa (-11%): ottobre si è chiuso con circa 125.000 contratti e nel periodo gennaio-ottobre l’acquisito ordini ammonta a 1.160.000 unità (-21%).

ITALIANI E TEDESCHI ARRETRANO, COREANI E "INDIANI" AVANZANO
Il mese di ottobre ha consolidato tendenze di mercato ormai note. Il Gruppo Fiat, il primo per volumi in Italia, continua a perdere, stavolta del 10,37%, così come il Gruppo Volkswagen (secondo per volumi nel nostro Paese) che ad orrobre è arretrato del 12,32%. Anche i francesi sono in flessione: PSA ha contenuto il calo (-0,78%) grazie alla buona performance di Peugeot (+7,04%) e Renault ha ceduto il 19,4%, con Dacia sempre positiva (+5,8%). Non si può dire lo stesso di Chevrolet che stavolta - ad ottobre - ha perso il 18,7% (GM -28,26%). Pure Ford sta continuando a perdere (ad ottobre -26,79%), così come BMW (-16,81%), Daimler (-14,6%) e Nissan (-13,33%). Toyota resta a galla (+1,95%) e Jaguar-Land Rover - di proprietà Tata - continua la sua ascesa controcorrente grazie al "fenomeno" Evoque: il gruppo ha segnato ad ottobre un +19,61% grazie al +27,9 di Land Rover, perché Jaguar (come altri merchi di lusso) ha segnato un calo a due cifre (-47,22%). Positiva ancora una volta anche la performance dell'altro protagonista del mercato controcorrente: il Gruppo Hyundai (+24,06%). All'interno di questo dato però notiamo che stavolta da solo il marchio Hyundai ha perso lo 0,98% mentre Kia ha aumentato le immatricolazioni dell'80,96%.

DALL'USATO UN CENNO DI VITALITA'
A differenza dei mesi scorsi i trasferimenti di proprietà in ottobre sono tornati a crescere, segnando un +8,2% e 407.005 unità, un piccolo segnale di vitalità che porta i primi 10 mesi a 3.426.613 trasferimenti di proprietà, al lordo delle minivolture, in flessione del 9,7%. A settembre invece il mercato dell'usato aveva chiuso con 309.440 trasferimenti di proprietà (al lordo delle minivolture, -17,7%) facendo arrivare il consuntivo da gennaio a -11,6%.

IL 2012 SARA' L'ANNO CON MENO AUTO AI PRIVATI NELLA STORIA D'ITALIA
Su questi presupposti, il mercato tenderà a chiudere il 2012 appena sopra 1,4 milioni di vetture, in calo del 20% rispetto all’anno precedente. Dall’Osservatorio Previsioni & Mercato, realizzato trimestralmente dal Centro Studi dell’Associazione, emerge che gli acquisti delle famiglie si fermeranno al di sotto delle 900.000 unità vendute, meno del 64% di quota, confermando il record negativo di rappresentatività dei privati, mai registrato nella storia dell’automobile. Le società dovrebbero archiviare il 2012 a poco più di 250.000 auto immatricolate e una quota di mercato del 18%, in linea con i risultati dalle immatricolazioni a società di noleggio.

IL 2013 CI RIPORTERA' AI LIVELLI PRE-ANNI '80
Archiviato il 2012 neanche il 2013 sarà buono. Secondo le stesse fonti il nuovo anno tenderà ulteriormente al ribasso, fermandosi a circa 1.358.000 immatricolazioni per riportarci indietro ai livelli pre-anni ’80. "Tutto ciò in assenza di fattori politici in grado di determinare un’inversione di tendenza e tenendo già in considerazione anche la modesta aggiuntività che il sistema Incentivi 2013, destinato prevalentemente alle sole società, con un fondo da 50 milioni di euro, potrà portare", sottolinea l'UNRAE.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top