dalla Home

Curiosità

pubblicato il 31 ottobre 2012

La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna

Esposte fino al 31 maggio le supercar del Toro: è un’anticipazione del 50. Anniversario del 2013

La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna
Galleria fotografica - La storia Lamborghini all’aeroporto di BolognaGalleria fotografica - La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna
  • La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna - anteprima 1
  • La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna - anteprima 2
  • La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna - anteprima 3
  • La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna - anteprima 4
  • La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna - anteprima 5
  • La storia Lamborghini all’aeroporto di Bologna - anteprima 6

Lamborghini inizia le celebrazioni del 50esimo Anniversario che ricorrerà nel 2013 con un’esposizione di vetture supersportive all’Aeroporto Internazionale Guglielmo Marconi di Bologna. La rassegna che è stata presentata oggi da Stephan Winkelmann, Presidente e Amministratore Delegato della casa di Sant’Agata Bolognese e da Bruno Filetti, Presidente della Camera di Commercio di Bologna, proseguirà fino al 31 maggio 2013.

L’AEROPORTO PALCOSCENICO IDEALE
Potenza, velocità, design e innovazione sono alcuni degli aspetti che caratterizzano le Lamborghini e che s’ispirano con successo al mondo aeronautico: l’aeroporto di Bologna, quindi, è il palcoscenico ideale per mostrare l’eccellenza del made in Italy: i 20 mila passeggeri al giorno che transitano dallo scalo emiliano potranno ammirare le vetture che saranno presentate a rotazione, una al mese. Si comincia dai modelli del passato che hanno iniziato a creare il mito, per arrivare alle supercar più recenti.

DALLA 350 GT ALLA MURCIELAGO
Ognuna delle auto esposte contiene evidenti collegamenti e richiami al mondo aeronautico: la 350 GT, che è stata scoperta nella cerimonia di oggi, ha la forma dell’abitacolo che ricorda il cupolino di un aereo. La mitica Miura mostrerà i fanali retrattili e i cerchi in lega di magnesio (materiale tipico del mondo aeronautico), mentre l’Espada e la vettura che ha introdotto nell’automobilismo i condotti NACA (le prese d’aria utili al raffreddamento del motore ma senza penalizzare l’aerodinamica). La Countach, invece, si caratterizza per l’apertura delle portiere verso l’alto e la Diablo ha l’alettone posteriore che sembra una parte di un velivolo, per non dire della Murciélago che è dotata di aperture mobili dei radiatori posteriori, come sui caccia.

LEGAME CON IL TERRITORIO
“50 anni fa Ferruccio Lamborghini aveva lanciato questo marchio come una sfida da vincere: quelle caratteristiche originarie sono ben presenti anche nella Lamborghini di oggi – spiega Stephan Winkelmann - È anche per questo che siamo orgogliosi di esporre all’Aeroporto Marconi le vetture che ripercorrono la storia di Automobili Lamborghini, un’azienda che ha sempre messo in primo piano il forte legame con la sua gente, anche integrandosi e creando collaborazioni virtuose con le altre realtà del nostro territorio. Le nostre supercar esprimono perfettamente il motto che abbiamo scelto per l’Anniversario: 100 anni di innovazione, in 50 anno di storia”.

GRANDE GIRO LAMBORGHINI
L’aeroporto di Bologna sarà uno degli sponsor che sosterranno le iniziative legate al Cinquantenario e metterà in campo una serie di servizi per i partecipanti al Grande Giro Lamborghini che richiamerà dal 7 all’11 maggio centinaia di vetture del Toro, storiche e moderne, in quello che sarà l’evento culmine delle celebrazioni. È stato programmato un percorso di 1200 km che toccherà il territorio italiano da Milano a Forte dei Marmi, dalla Toscana a Roma, per poi risalire a Bologna prima di arrivare a Sant’Agata Bolognese, toccando angoli incantevoli del nostro Paese. Il dieci per cento dei proventi del Giro saranno devoluti in beneficenza ai terremotati dell’Emilia.

IN VOLO CON LA FANTASIA
“Si vola – aggiunge Bruno Filetti, Presidente della Camera di Commercio di Bologna – sulle strade con capolavori della tecnologia e della bellezza. Sono sogni che Lamborghini rende attuabili in un abbinamento di passione, emozioni ed eleganza. Sono elementi che uniscono Lamborghini all’Aeroporto di Bologna. I passeggeri incontreranno storia e capacità nel contesto di velocità e futuro nel quale opera sin dalla sua costituzione questa azienda che è un vanto di Bologna nel mondo. Per Bologna è un distintivo e un orgoglio”.

Autore: Franco Nugnes

Tag: Curiosità , Lamborghini , auto italiane , mostre


Top