dalla Home

Eventi

pubblicato il 2 novembre 2012

SEMA Las Vegas 2012, arrivederci

Il salone americano dedicato al tuning è terminato con tante novità e voglia di esagerare

SEMA Las Vegas 2012, arrivederci
Galleria fotografica - SEMA Show 2012 GirlsGalleria fotografica - SEMA Show 2012 Girls
  • SEMA Show 2012 Girls - anteprima 1
  • SEMA Show 2012 Girls - anteprima 2
  • SEMA Show 2012 Girls - anteprima 3
  • SEMA Show 2012 Girls - anteprima 4
  • SEMA Show 2012 Girls - anteprima 5
  • SEMA Show 2012 Girls - anteprima 6

Il SEMA Show di Las Vegas, l'appuntamento annuale dedicato alle elaborazioni e ai prodotti after market particolarmente legato al mondo automobilistico statunitense, si chiude oggi. Tuttavia questa edizione ha confermato che la kermesse sta assumendo sempre più una dimensione internazionale, con la presenza di concept e vetture-laboratorio realizzate con la collaborazione più o meno diretta delle grandi case automobilistiche. Vale quindi la pena ricordare alcune delle partecipazioni più significative, a cominciare da quella italiana.

LA PRESENZA DI FIAT
Una delle novità dell'edizione 2012 del SEMA Show è stata proprio la presenza di elaborazioni con il marchio Fiat; in particolare, è stata la 500 ad essere oggetto di attenzioni, ad esempio con le versioni Cafe Racer e Beach Cruiser, quest'ultima realizzata con la collaborazione di Mopar, l'azienda di componentistica che fa sempre parte dell'alleanza Fiat-Chrysler. L'impressione è che la compatta di progettazione italiana stia diventando sempre di più un'auto-immagine e che sia già iniziato quel processo di trasformazione di "500" in una sorta di sub-brand internazionale da contrapporre idealmente a MINI, con la nascita di una famiglia di vetture e di numerose possibilità di personalizzazione, in questo caso di tipo "estremo".

IL REGNO DELLE MUSCLE CARS AMERICANE
Certamente, la parte del leone in questo genere di appuntamenti la fanno le tradizionali Muscle Cars, sia d'epoca - come l'omaggio a Carrol Shelby da parte di Ford, sia nelle versioni attualizzate, come la Mustang; tra queste ultime ha spiccato sicuramente la Chevrolet Camaro Hot Wheels Edition, realizzata in collaborazione tra GM e Mattel, che ha il record di essere la prima Hot Wheels prodotta in serie, sia pur limitatissima.

VOGLIA DI PERSONALIZZAZIONE
Non sono mancate le elaborazioni "ufficiali" del nuovo Maggiolino, con la VWvortex Super Beetle da ben 500 CV oppure l'elaborazione estrema di tranquilli van e multispazio da famiglia, come la Toyota Sequoia trasformata in un dragster da ben 659 CV. La Cosworth CGRS concept, elaborazione della Hyundai Genesis coupé, si è invece accontentata di un 3.8 V6 da 389 CV. L'elaborazione non riguarda soltanto la meccanica o la modifica radicale alla carrozzeria e all'assetto, ma anche la "pelle" esterna, come dimostra la serie di Fisker Karma "avvolte" da una speciale pellicola realizzate in collaborazione con 3M o i kit di elaborazione dedicati alla Ford Fusion - la nostra Mondeo. Il salone ha quindi confermato la sua dimensione "spettacolare", a dimostrazione che, nonostante il periodo generale di crisi, l'auto elaborata conserva una buona dose di appassionati.

Galleria fotografica - SEMA Show 2012Galleria fotografica - SEMA Show 2012
  • SEMA Show 2012 - anteprima 1
  • SEMA Show 2012 - anteprima 2
  • SEMA Show 2012 - anteprima 3
  • SEMA Show 2012 - anteprima 4
  • SEMA Show 2012 - anteprima 5
  • SEMA Show 2012 - anteprima 6

Autore: Sergio Chierici

Tag: Eventi , tuning


Top