dalla Home

Test

pubblicato il 26 ottobre 2012

Audi R8, le cugine insegnano

Né Lamborghini né Porsche, ma il meglio dei due mondi nella rinnovata 2 posti di Ingoltadt

Audi R8, le cugine insegnano
Galleria fotografica - Audi R8 Spyder restyling - TESTGalleria fotografica - Audi R8 Spyder restyling - TEST
  • Audi R8 Spyder restyling - TEST - anteprima 1
  • Audi R8 Spyder restyling - TEST - anteprima 2
  • Audi R8 Spyder restyling - TEST - anteprima 3
  • Audi R8 Spyder restyling - TEST - anteprima 4
  • Audi R8 Spyder restyling - TEST - anteprima 5
  • Audi R8 Spyder restyling - TEST - anteprima 6

E' una sportiva 2 posti, tutta in alluminio che raggiunge 319 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi. Ed è del gruppo Volkswagen. Sbagliato, non è una Lamborghini, ma ci siete andati vicino: è la Audi R8 rinnovata da poco che da sempre condivide la base telaistica e meccanica con la Gallardo e ora ha al vertice la versione V10 Plus con il 5,2 litri da 550 cv, una potenza che eguaglia quella minima della cugina di Sant'Agata Bolognese, ma con prestazioni superiori.

DOPPIA FRIZIONE, DOPPIO PIACERE
La R8 coglie l'occasione per differenziarsi un po' di più e adotta un nuovo cambio a doppia frizione a 7 rapporti S Tronic al posto dell'R Tronic robotizzato. Calma: niente a che vedere con il PDK della Porsche, fornito da ZF perché questo è costruito dalla italiana Graziano e ha la particolarità di avere il volano a doppia massa, una soluzione rivolta al comfort che aumenta il peso complessivo della trasmissione a ben 140 kg, ovvero 25 kg in più del manuale a 6 marce con frizione bidisco che rimane disponibile per tutte le motorizzazioni, tutte a iniezione diretta e con lubrificazione a carter secco: V8 4.2 da 430 cv, V10 5.2 da 525 cv e la già citata versione Plus da 550 cv che non è però disponibile per la Spyder. Perché invece non utilizzare il sequenziale a due alberi della Aventador che dichiara 79 kg? In Audi confessano di averci pensato e di averne discusso, ma di aver optato alla fine per un doppia frizione, più in linea con l'immagine del marchio e il tipo di clientela la quale in passato si è lamentata di qualche "tira e molla" e rumorino di troppo. Strutturalmente ha tre alberi e frizioni multidisco in bagno d'olio che utilizzano lo stesso lubrificante per gli ingranaggi e l'attuazione e una pompa meccanica. Più avanti è prevista un'evoluzione con serbatoio ad accumulo o con pompa elettrica separata che ne consentirà l'adozione anche con lo stop& start e magari anche con l'ibrido. Di sicuro è pronto per altri utilizzi ancora più spinti perché è progettato per sopportare 800 Nm, molto di più dei 540 Nm della R8 più prestante che, solo per la sua presenza, vede i consumi crollare di 0,9 l/100 km, le emissioni di CO2 da 246 a 201 g/km e il tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h da 3,8 a 3,5 secondi. L'unico prezzo da pagare, oltre ai 6mila euro necessari, è vedere scendere la velocità massima scendere da 319 a 318 km/h. Siamo sicuri che ve ne potete fare una ragione.

QUEL CHE RIMANE E QUEL CHE CAMBIA
Invariato nella sostanza il resto, a cominciare dalla ripartizione delle masse sui due assali (43% anteriore e 57% posteriore) e dal sistema di trazione integrale composto da un giunto centrale viscoso che trasmette dal 15% al 35% della coppia al retrotreno, un differenziale anteriore aperto "consigliato" dall'ESP attraverso i freni e uno posteriore a lamelle autobloccante fino a circa il 50% e solo in accelerazione. Modificate le tarature delle sospensioni a doppio braccio oscillante che sulla Plus hanno di serie gli ammortizzatori magnetoreologici a controllo elettronico. Lo sterzo rimane a rapporto variabile con assistenza idraulica. Cambia invece qualcosa nell'estetica con una calandra ridisegnata e i fari più sottili interamente a Led di serie. Dietro i gruppi ottici presentano la novità degli indicatori di direzione dinamici che si illuminano progressivamente verso l'esterno invece di lampeggiare. Diversi anche i paraurti e la forma dell'estrattore mentre la Plus ha di serie i cerchi da 19 pollici, i freni carboceramici al posto di quelli in ghisa a margherita delle altre versioni e un pacchetto di parti in fibra di carbonio - struttura sedili, coperchio motore, gusci retrovisori, scivolo posteriore e altro ancora - che complessivamente taglia 50 kg portando l'ago della bilancia a 1.570 kg, solo 10 kg in più rispetto alla V8. Volendo, si può fare la stessa cosa pezzo per pezzo sulle altre versioni attingendo dal catalogo Audi Exclusive nel quale ci sono anche oltre 100 tinte esclusive oltre le 10 a listino. Nessuna variazione neppure per la capote della variante Spyder che è disponibile in tre colori (rosso, marrone e nero) ed è a comando elettroidraulico che ne consente l'apertura fino a 50 km/h in 19 secondi.

LISCIA COME UN OLIO, ALTAMENTE INFIAMMABILE...
L'Audi R8 resiste alla tentazione del pulsante e il V10 si avvia con la chiave e pochissime vibrazioni. La docilità della Plus da 550 cv è impressionante e anche in settima a 1.000 giri/min tutto fila come liscio come l'olio, con una prontezza e una capacità di ripresa che di certo non fanno pensare a un motore capace di girare oltre gli ottomila. E se si affonda, il cambio S Tronic scala in un attimo in seconda e allora si scatena il finimondo, ma sempre con un'educazione che sconvolge. Sarà infatti per il rombo che suona le note giuste senza rompere i timpani, sarà per l'atmosfera da Audi all'interno, sarà per come la trazione integrale sa scaricare tutti i cavalli senza lasciarne nessuno sull'asfalto, ma la sensazione è sempre quella di poter governare la macchina. Fino a quando si gioca a sentirsi schiacciati al sedile, è una cosa facile facile e, guidando con pulizia, la R8 consente ritmi elevatissimi sui percorsi ricchi di curve con il conforto di una trazione superba e una frenata che obbliga a sollevare gli occhi per tenerli ancora dritti verso la strada. Se invece se ne vogliono esplorare i veri limiti, per lei ci vuole la pista e anche lì, sul tracciato di Misano, si rimane impressionati dalla naturalezza delle reazioni, ma anche dalla sua velocità. A voler essere proprio pignoli, in queste situazioni si vorrebbe che l'S Tronic accettasse scalate più cattive per poter giocare di più con il retrotreno "scaricato" dai freni, ma non si può avere tutto dalla vita.

PIÙ CHE UNA VIA DI MEZZO, UNA VIA DIVERSA
Definirla una via di mezzo tra una Lambo e una Porsche è davvero ingeneroso. La R8 è invece una sintesi delle due prendendo dalla prima la rabbia e dalla seconda la fruibilità, ma aggiungendo una nota di equilibrio che la rende sfruttabile da chiunque e non la addomestica a tal punto da farla sembrare troppo facile per il "manico" di turno. Anche il prezzo la piazza in mezzo alle due illustri cugine, parte infatti da 116.900 euro per la V8 con cambio manuale e arriva fino ai 176.400 euro della V10 Plus Coupé S Tronic. La Spyder chiede, a parità di propulsore, 12.200 euro in più mentre per il cambio a doppia frizione, come già detto, bisogna preventivare un extra di 6 mila euro. Le prime consegne sono previste entro la fine del 2012.

Galleria fotografica - Audi R8 V10 plus restyling - TESTGalleria fotografica - Audi R8 V10 plus restyling - TEST
  • Audi R8 V10 plus restyling - TEST - anteprima 1
  • Audi R8 V10 plus restyling - TEST - anteprima 2
  • Audi R8 V10 plus restyling - TEST - anteprima 3
  • Audi R8 V10 plus restyling - TEST - anteprima 4
  • Audi R8 V10 plus restyling - TEST - anteprima 5
  • Audi R8 V10 plus restyling - TEST - anteprima 6
Galleria fotografica - Audi R8 restyling - TESTGalleria fotografica - Audi R8 restyling - TEST
  • Audi R8 restyling - TEST - anteprima 1
  • Audi R8 restyling - TEST - anteprima 2
  • Audi R8 restyling - TEST - anteprima 3
  • Audi R8 restyling - TEST - anteprima 4
  • Audi R8 restyling - TEST - anteprima 5
  • Audi R8 restyling - TEST - anteprima 6

Scheda Versione

Audi R8 V10 plus
Nome
R8 V10 plus
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Test , Audi , auto europee


Listino Audi R8

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
5.2 V10 FSI quattro Plus 4x4 benzina 550 5.2 2 € 184.400

LISTINO

5.2 V10 FSI quattro S tronic Plus 4x4 benzina 550 5.2 2 € 184.400

LISTINO

 

Top