dalla Home

Attualità

pubblicato il 26 ottobre 2012

Milano Area C, 42.218 ingressi in meno al giorno rispetto al 2011

Da gennaio a settembre l'83% delle auto è entrata meno di 10 volte

Milano Area C, 42.218 ingressi in meno al giorno rispetto al 2011

A Milano l'Area C ha notevolmente ridotto il traffico. Da gennaio a settembre, escludendo i giorni in cui il provvedimento è stato sospeso (36 tra la sentenza del Consiglio di Stato, agosto e 6 giorni di sciopero nazionale dei mezzi pubblici), circa l'83% delle auto è entrata per non più di 10 giorni, mentre il 44% è entrato un solo giorno. Gli ingressi con l'auto in centro sono quindi diventati occasionali. Appena il 2,8% delle vetture è entrato nella Cerchia dei Bastioni per almeno il 50% dei giorni di applicazione di Area C. Rispetto all'anno scorso il traffico in ingresso ad Area C è calato del 32,8%: -42.218 ingressi al giorno. Il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, si dice molto soddisfatto e promette che "il Comune proseguirà nella direzione di favorire ogni forma di mobilità sostenibile". Palazzo Marino va infatti molto fiero dei dati sulle emissioni di PM10 allo scarico, che si sono ridotte del 58% rispetto a quelle dell’analogo periodo del 2008 (con Ecopass attivo) e dell’11% rispetto agli stessi mesi del 2011.

"Il contributo emissivo delle auto nei giorni feriali con Area C attiva è il più basso rispetto a tutte le altre tipologie di giorno (inclusi i festivi), a eccezione solamente delle ‘domenicAspasso’, durante le quali le emissioni medie giornaliere sono inferiori del 21% rispetto a quelle di un normale giorno festivo", si legge nella nota. Anche sul fronte del PM10 totale (particolato atmosferico generato dalle auto sia allo scarico sia per usura pneumatici e sistema frenante e per abrasione manto stradale), le emissioni medie giornaliere - dice il Comune - decrescono: nel 2012 sono diminuite del 20% rispetto al 2011 e del 39% rispetto al 2008. Particolarmente evidente l’effetto di Area C in questo secondo caso, perché negli anni precedenti non si verificavano variazioni significative. Proseguendo nell’analisi delle emissioni inquinanti, nel 2012 si sono ridotte del 44% rispetto al 2011 (del 71% rispetto al 2008) quelle di ammoniaca, del 20% quelle di ossidi totali di azoto (NOx), del 26% quelle di biossidi di azoto (NO2), tra il 36 e il 38% quelle di anidride carbonica (CO2). Si stanno riducendo, nonostante siano principalmente dovute alle moto, anche le emissioni di COVNM (composti organici volatili non metanici), che nel 2012 sono state del -15% rispetto al 2011 e del -36% rispetto al 2008.

Autore:

Tag: Attualità , area c


Top