dalla Home

Curiosità

pubblicato il 24 ottobre 2012

iPad mini: le dimensioni giuste per l’integrazione in auto

Con lo schermo da 7,9” e uno spessore di 7,2 mm il nuovo tablet potrebbe conquistare i cruscotti del futuro

iPad mini: le dimensioni giuste per l’integrazione in auto
Galleria fotografica - Apple iPad miniGalleria fotografica - Apple iPad mini
  • Apple iPad mini - anteprima 1
  • Apple iPad mini - anteprima 2
  • Apple iPad mini - anteprima 3
  • Apple iPad mini - anteprima 4
  • Apple iPad mini - anteprima 5
  • Apple iPad mini - anteprima 6

La presentazione dell’Apple iPad mini, oltre a rappresentare la risposta del colosso di Cupertino alle offerte di Samsung e Amazon, potrebbe segnare l’inizio di un’integrazione sempre più spinta fra tablet e automobile. Grazie al suo schermo da 7,9 pollici ed allo spessore di soli 7,2 mm è infatti facile immaginare un posizionamento dell’iPad mini proprio al centro della plancia, un completo e compatto computer di bordo collegato alla rete informatica della vettura. I costruttori potranno così dare sfogo a differenti soluzioni di infotainment integrato e portatile, come già fatto con l’iPhone, per avere a portata di mano navigatore, stazione multimediale per musica, foto e video e accesso ad internet con hot spot per le connessioni wi-fi in auto.

UN TABLET AL POSTO DEL DISPLAY
Se fino ad oggi la tecnologia ha permesso di duplicare le informazioni del proprio smartphone sullo schermo del sistema infotainment di bordo, come ad esempio il Drive Kit della Mercedes Classe A, l’evoluzione dei sistemi e la fantasia dei progettisti potrà fare sì che il tablet diventi parte integrante del mezzo, per di più trasferibile da un veicolo all’altro. Le soluzioni più semplici potrebbero prevedere un comune supporto nella console centrale dell’auto per avere ben visibile il display e ricaricare le batterie dell’iPad mini, mentre quelle integrate dovranno avere un collegamento più completo che supporti sia il sistema operativo iOS che l’Android utilizzato da molti altri tablet.

LE APP A PORTATA DI MANO
I costruttori potranno poi sfruttare le numerosissime app già esistenti e crearne di nuove per unire una tecnologia “matura” come quella dell’auto con le nuove frontiere della comunicazione. A titolo di esempio può bastare il successo che ha riscosso Siri, il software di riconoscimento vocale dell’iPhone 4S al cui sviluppo aderiscono Chrysler, Mercedes, Audi, BMW, Jaguar Land Rover, Honda, GM e Toyota. Ricordiamo che il nuovo iPad mini pesa 310 grammi, ha un display con risoluzione 1.024x768 pixel, è dotato di connettività Wi-Fi, Lte, 3G, porta Lightning ed ha un prezzo base di 329 euro (16 GB) che sale a 429 euro per la versione da 32 GB e 529 euro per quella da 64 GB. Le vendite in Italia partiranno il prossimo 2 novembre.

Autore:

Tag: Curiosità , ipad


Top