dalla Home

Test

pubblicato il 24 ottobre 2012

BMW Serie 7 restyling: l’ammiraglia sportiva, anche a gasolio

La prova della rinnovata 740d xDrive conferma le doti del sei cilindri TwinPower Turbo e della trazione integrale

BMW Serie 7 restyling: l’ammiraglia sportiva, anche a gasolio
Galleria fotografica - BMW Serie 7 restylingGalleria fotografica - BMW Serie 7 restyling
  • BMW Serie 7 restyling - anteprima 1
  • BMW Serie 7 restyling - anteprima 2
  • BMW Serie 7 restyling - anteprima 3
  • BMW Serie 7 restyling - anteprima 4
  • BMW Serie 7 restyling - anteprima 5
  • BMW Serie 7 restyling - anteprima 6

La Serie 7 restyling è già disponibile presso i concessionari BMW, aggiornata con alcune novità che interessano tutti gli aspetti di questa berlina di lusso. Nel mirino della Casa di Monaco ci sono il comfort, gli aiuti alla guida e l’efficienza: la sfida si gioca ad altissimo livello, con avversarie agguerrite e di grande prestigio come Mercedes Classe S, Audi A8, Lexus LS o Jaguar XJ.

IL DOPPIO RENE HA MENO ALETTE
La carrozzeria della quinta generazione di Serie 7 amalgama l’eleganza, irrinunciabile in questa fascia di vetture e la sportività, una dote distintiva della BMW, grazie a un invidiabile albo d’oro nelle competizioni, dalla Formula 1 alla 24 Ore di Le Mans, alle Turismo. L’edizione ristilizzata si riconosce esteriormente per il frontale con i gruppi ottici a LED, la calandra con una alettatura meno fitta che in passato e la zona sotto il paraurti ridisegnata e dotata di due piccole prese d’aria alle estremità, che hanno lo scopo di migliorare l’aerodinamica e i consumi. Inoltre i retrovisori incorporano gli indicatori di direzione e, in coda, un listello cromato unisce i due gruppi ottici.

PIU’ INSONORIZZATA
L’abitacolo, ampio e luminoso, offre sedili rivestiti in pelle di nuovo disegno, affinato nell’intento di assicurare una tenuta del corpo in curva e un comfort ancora più elevati. Il guidatore può godere di una nuova strumentazione, di configurazione e colore diversi in funzione della modalità di guida prescelta agendo su un pulsante fra Comfort, Sport ed Eco Pro. Le poltrone posteriori possono essere di tipo singolo e dotate delle stesse regolazioni dei sedili anteriori, inclusa l’inclinazione dello schienale, con comandi elettrici e memorizzazione di due posizioni (3.230 euro, di serie sulla 760i). Per i loro ospiti è proposto un sistema di infointrattenimento Professional dotato di monitor da 9,2 pollici (2.600 euro). È disponibile anche un impianto stereo Bang & Olufsen dalla potenza di 1200 Watt e dotato di ben 16 altoparlanti (5.050 euro). L’attenzione al comfort è sottolineata dagli interventi di potenziamento dell’insonorizzazione e dall’adozione di serie delle sospensioni posteriori pneumatiche. Come sempre la Serie 7 è disponibile anche con carrozzeria L, ovvero allungata di 14 centimetri a beneficio della seconda fila di sedili.

LUCI A LED E VISORE NOTTURNO
Per quanto riguarda l’incremento della sicurezza, la Serie 7 può essere equipaggiata, oltre che con tutti i più recenti dispositivi di assistenza, incluso l’Active Cruise Control, anche dell’innovativo sistema di visione notturna a infrarossi Night Vision+Dynamic Light Spot (2.350 euro) che mostra sul display eventuali persone sulla strada ancor prima che entrino nel campo di illuminazione dei fari e, se sono in posizione potenzialmente pericolosa, le avverte con un lampeggio. Disponibile anche il sistema di illuminazione adattiva a LED (2.550 euro).

IBRIDA DI SECONDA GENERAZIONE
I motori, nuovi o rivisitati, proposti in Italia sono i turbodiesel a 6 cilindri di 3.0 litri della 730d (258 CV), della 740d (313 CV) e della 750d (381 CV) e i turbo a benzina 6 cilindri di 3 litri della 740i (320 CV), V8 di 4.4 litri della 750i (450 CV) e V12 di 6 litri della 760i (544 CV). Debutta poi la seconda generazione della Serie 7 ibrida, la ActiveHybrid 7, ora con motore 6 cilindri a benzina 3 litri TwinPower Turbo da 320 CV associato a un motore elettrico da 55 CV. Tutti i propulsori sono accoppiati a un cambio automatico a 8 rapporti. La trazione integrale xDrive per la prima volta è presente sulla 750d, mentre si può avere anche sulle 750i, 730d e 740d.

740D XDRIVE
Per il nostro test abbiamo scelto la 740d xDrive, la versione che nelle vendite in Italia lo scorso anno è stata seconda soltanto alla 730d. L’attuale motore da 313 CV a 4300 giri/min dispone di 7 CV in più che nel passato, mentre la coppia di 630 Nm è disponibile già da 1500 giri/min. Il consumo di 5,7 litri ogni 100 km è inferiore di 1,2 litri/100 km rispetto alla precedente 740d. Il tutto grazie a una serie di interventi di ottimizzazione che hanno migliorato anche la prontezza di risposta del raffinato sei cilindri TwinPower Turbo. Che funziona silenzioso e senza trasmettere la minima vibrazione ad ogni regime. Se non bastassero la corposità e la linearità dell’erogazione, il suo vigore è assecondato da un cambio automatico dai passaggi di marcia avvertibili proprio soltanto tendendo l’orecchio. Abbiamo avuto modo, sulle strade umbre fra Torgiano e Todi, di saggiare qualche tratto di strada non asfaltata dove la trazione integrale xDrive si è fatta apprezzare anche nelle accelerazioni più vivaci evitando qualsiasi pattinamento e trasmettendo sempre un rassicurante senso di stabilità. BMW non rinuncia al proprio DNA sportivo nemmeno su un’ammiraglia a gasolio e basta premere l’acceleratore con decisione per rendersene conto. A dispetto di un peso a vuoto di 1.940 kg, la 740d xDrive schizza da 0 a 100 orari in 5,4 secondi. Valido anche lo sterzo, in questo caso il classico Servotronic con assistenza variabile in funzione della velocità: non troppo leggero nemmeno in manovra e sempre preciso, una dote ancor più importante su un’auto come la Serie 7 dalla larghezza di 1 metro e 90 centimetri.

DA 84.400 EURO
La 740d xDrive costa 94.200 euro, 3.400 euro più della versione a trazione posteriore. Di serie ha il sistema Start&Stop e tutti gli accorgimenti del BMW EfficientDynamics per risparmiare carburante senza rinunciare alle prestazioni. Standard anche, come su tutte le Serie 7, il nuovo sistema di navigazione Professional mentre è optional l’Head Up Display (proietta le principali informazioni di viaggio sul parabrezza di fronte al guidatore, 1.420 euro). La versione d’accesso invece è la 730d Eletta da 84.400 euro, mentre quella al top è la 760Li Eccelsa da 149.500 euro, che diventano 142.900 euro per la versione con carrozzeria non allungata.

Scheda Versione

Bmw Serie 7
Nome
Serie 7
Anno
2008 (restyling del 2012) - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
lusso
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Luigi Massari

Tag: Test , Bmw , auto europee


Listino Bmw Serie 7

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
730d Eletta automatica posteriore diesel 258 3.0 5 € 85.500

LISTINO

730d xDrive Eletta automatica 4x4 diesel 258 3.0 5 € 88.900

LISTINO

740i Eletta automatica posteriore benzina 320 3.0 5 € 90.000

LISTINO

740d Eletta automatica posteriore diesel 313 3.0 5 € 91.950

LISTINO

730Ld Eletta automatica posteriore diesel 258 3.0 5 € 92.850

LISTINO

730d Futura automatica posteriore diesel 258 3.0 5 € 93.600

LISTINO

730d xDrive Futura autom. 4x4 diesel 258 3.0 5 € 95.250

LISTINO

740d xDrive Eletta autom. 4x4 diesel 313 3.0 5 € 95.350

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top