dalla Home

Test

pubblicato il 15 ottobre 2012

Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport, 4 anime in un SUV

Comoda in città e in autostrada, divertente nel “misto”, solida in off road: la piccola G è una "tuttofare-tuttoterreno"

Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport, 4 anime in un SUV
Galleria fotografica - Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TESTGalleria fotografica - Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST
  • Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST - anteprima 1
  • Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST - anteprima 2
  • Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST - anteprima 3
  • Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST - anteprima 4
  • Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST - anteprima 5
  • Mercedes GLK 220 CDI 4 Matic Sport - TEST - anteprima 6

Dal caotico traffico di Firenze alle spettacolari cave di marmo di Carrara. Con intermezzo il trasferimento autostradale e quello sulle tortuose strade delle Alpi Apuane. Quattro percorsi differenti in appena 150 km, perfetti per testare la presunta versatilità della Mercedes GLK restyling, dotata del motore e dell'allestimento più "centrati". La piccola off road di Mercedes rinnovata in primavera e che abbiamo già avuto modo di provare sulle Alpi Francesi. Rispetto ad allora a cambiare, oltre alla località, è la protagonista del viaggio, la 220 CDI 4Matic BlueEffiency Sport equipaggiata con il cambio automatico a sette velocità 7G-Tronic. Una versione intermedia destinata a essere una delle più richieste della gamma per l'ottimale compromesso tra prezzo, costi di gestione e prestazioni.

FUORISTRADA ATTENTA AL LOOK
Facciamo conoscenza con la “fuoristrada di lusso di classe compatta” nel centro storico della città natale di Dante. Un’ambientazione di fascino nella quale la linea classica della GLK non sfigura, con il suo design moderno miscelato con sapienza con richiami al passato, quale il profilo dei parafanghi posteriori che ricordano la Ponton del 1953. Salendo a bordo l’impressione è ottima. Gli spazi sono abbondanti, i materiali impiegati di egregia qualità e le finiture impeccabili. Piace pure la plancia, raffinata, pratica e tecnologica. Aspetto, quest’ultimo, che richiede un minimo di pratica prima di partire per scoprire i numerosi dispositivi elettronici presenti e avere una perfetta dimestichezza con i tutti i comandi. Viceversa è facile da trovare la corretta posizione di guida, merito dell'ampia possibilità di regolare sedile e volante. A deludere un po’ è il bagagliaio, che ha una capacità (da 450 a 1.550 litri) non eccelsa per un modello lungo 454 cm, largo 184 e alto 167 e una capienza vincolata dai passanti che rubano spazio in larghezza e da un’altezza ridotta. In compenso, l’assenza della ruota di scorta, sostituita da un kit di gonfiaggio, consente di ricavare un ampio vano sotto il piano di carico.

FA SEDERE E VEDERE BENE
Presa confidenza con la vettura ci avviamo per le strette strade fiorentine dove la GLK appare abbastanza agile. A confortarci è la seduta alta che consente un buona visibilità in tutte le direzioni (qualche problema si ha soltanto in fase di parcheggio dove, però, ci sono i sensori) e la grafica del quadro strumenti, completa nelle informazioni e facile da leggere con ogni condizione di luce. A rendere piacevole la guida sono pure lo sterzo leggero e la presenza del cambio automatico, piuttosto rapido nelle cambiate e, soprattutto, molto dolce nell'inserimento dei rapporti a tutto vantaggio della fluidità di marcia. Da segnalare l'insolita posizione del selettore che, in principio, può indurre a qualche errore: sul piantone dello sterzo al posto dove di solito c’è l’indicatore di direzione e/o il comando dei tergicristalli. Apprezzabile sono anche la climatizzazione automatica con possibilità di regolazione separata e l’insonirizzazione, che tiene fuori dall'abitacolo il classico ticchettio del diesel e i rumori del traffico. Elemento, quest'ultimo, dove si rivela utile la funzione Eco Start/Stop che permette inoltre di contenere il dato del consumo di omologazione a 6,1 l/100 km.

DALL'AUTOSTRADA ALLA CAVA
Lasciate code e semafori siamo in autostrada dove si apprezza soprattutto il notevole comfort di bordo conferito dall’elevata silenziosità, anche aerodinamica, e dell'efficace assorbimento delle asperità del terreno delle sospensioni. Un tratto dove emergono pure le doti del 4 cilindri a iniezione diretta di 2.143 cc. Un'unità che sviluppa una potenza di 170 CV, più che sufficienti per viaggiare a velocità da Codice con il motore a poco più di 2.000 giri/minuto (e, quindi, con consumi ridotti) e per assicurare un adeguato spunto in fase di sorpasso. Ineccepibile il comportamento stradale, in particolare nei curvoni veloci nel quale la GLK non appare mai in difficoltà, grazie anche a una buona dose di elettronica che controlla la stabilità e ai Pirelli Pzero da 235/50 R 19 davanti e da 255/45 R 19 dietro. A confortare il viaggio è pure il vigile controllo dall’Attention Assist, il sistema che rileva eventuali segni di stanchezza del guidatore e, nel caso, suggerisce di effettuare una sosta visualizzando un grande tazzina da caffè nel cruscotto ed emettendo un allarme acustico. Sul tracciato che si arrampica sulle Apuane, poi, il propulsore dimostra un’ottima elasticità, consentendo rapide riprese anche in salita. I potenti freni a disco autoventilanti sono all’altezza della situazione e l'assetto è efficace nel gestire i trasferimenti di carico, soprattutto se si sceglie di sfruttare l’opzione “S” (Sport) che irrigidisce le sospensioni e offre un'erogazione più rapida dei “cavalli”. A preoccuparci di più è il tratto finale della nostra prova: gli sterrati della cave di Carrara in prossimità di Colonnata, paesino noto nel mondo per il gustoso lardo. L’altezza da terra non è eccessiva (17,7 cm), la gommatura non proprio adeguata e siamo privi del pacchetto Offroad che, tra l’altro, prevede un programma di marcia specifico per i fondi scivolosi, la protezione del sottoscocca e il sistema DSR (Downhill Speed Regulation) che consente ai 1.880 kg della GLK di scendere a velocità di sicurezza (da 4 a 18 km/h impostabili manualmente) senza toccare il pedale del freno. L’apprensione iniziale comunque sparisce quando la trazione integrale permanente 4Matic, ripartendo la coppia del motore (400 Nm tra 1.400 e 2.800 giri/minuto) con un rapporto 45:55 tra avantreno e retrotreno, dimostra di poter affrontare le ripide salite (dove interviene l'Hill Holder) nonostante i solchi tracciati dai pesanti camion 6x6 che trasportano il marmo. Una bella prova di forza per le sospensioni McPherson anteriori e a bracci multipli dietro, con ammortizzatori oleopenaumatici e barre stabilizzatrici.

I CONTI SI FANNO ALLA FESTA DEL 4X4
Dall'escursione sugli sterrati montani alla 4x4 Fest, tradizionale appuntamento dedicato agli appassionati off road in scena alla Fiera di Carrara, il tragitto è breve. Una rassegna dove possiamo analizzare l'offerta commerciale di Mercedes. La versione provata, la 220 CDI 4 Matic BlueEffiency Sport, è in listino a 43.441 euro con una dotazione di serie encomiabile comprensiva, tra l’altro, di numerosi airbag (inclusi quelli per le ginocchia, per il bacino e i sidebags per passeggeri anteriori), del volante in pelle con tasti multifunzione e di un pregevole impianto audio con lettore CD e mp3, vivavoce e Bluetooth e prese Usb e Aux. Chi vuole spendere meno può orientarsi sulla 200 CDI da 143 CV con trazione posteriore (35.730 euro), mentre per i più esigenti ci sono le due “integrali” top di gamma, la 350 CDI con l'unità a gasolio da 2,2 litri nella variante da 265 CV (da 50.542 euro) e la 350 equipaggiata con un motore benzina da 3,5 litri con 306 CV che, nell'allestimento Premium, arriva a 58.550 euro. Prezzi destinati a salire aggiungendo il pacchetto Offroad (714 euro) o quello di assistenza alla guida (2.595 euro) che include i sistemi di regolazione automatica della distanza e frenata (Distronic Plus), di controllo dell'angolo morto di visuale degli specchietti (Active Blind Spot Assist) e di antisbandamento (Active Lane Keep Assist).

Scheda Versione

Mercedes-Benz Classe GLK
Nome
Classe GLK
Anno
2008 (restyling del 2012) - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Stefano Panzeri

Tag: Test , Mercedes-Benz , auto europee


Listino Mercedes-Benz Classe GLK

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
GLK 200 CDI Sport posteriore diesel 143 2.1 5 € 37.090

LISTINO

GLK 200 Sport 4x4 benzina 184 2.0 5 € 38.450

LISTINO

GLK 200 CDI Sport Full Edition posteriore diesel 143 2.1 5 € 38.840

LISTINO

GLK 200 CDI Sport Automatic posteriore diesel 143 2.1 5 € 39.830

LISTINO

GLK 200 Sport Full Edition 4x4 benzina 184 2.0 5 € 40.200

LISTINO

GLK 220 CDI Sport posteriore diesel 170 2.1 5 € 40.470

LISTINO

GLK 200 CDI Automatic Sport Full Edition posteriore diesel 143 2.1 5 € 41.580

LISTINO

GLK 220 CDI Sport Full Edition posteriore diesel 170 2.1 5 € 42.220

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top