dalla Home

Motorsport

pubblicato il 4 ottobre 2012

Michael Schumacher si ritirerà a fine stagione

A poche ore da GP del Giappone il Kaiser annuncia la fine della sua "seconda" carriera in Formula 1

Michael Schumacher si ritirerà a fine stagione

La "seconda vita" di Michael Schumacher in Formula 1 terminerà a fine stagione. Lo ha annunciato oggi lo stesso kaiser a Suzuka, dove il 7 volte campione iridato a poche ore dal GP del Giappone ha ufficializzato la sua intenzione di ritirarsi definitivamente dalla massima serie per la seconda volta in carriera, a 43 anni suonati. L'ingaggio di Hamilton in Mercedes (sostituito alla McLaren da Perez) aveva fatto intuire che le intenzioni del tedesco sarebbero state ufficializzate a breve.

Questo quanto ha riferito Michael Schumacher in conferenza stampa: "Ho deciso di ritirarmi dalla Formula 1 alla fine della stagione, sebbene sia ancora capace di competere contro i migliori piloti del mondo. Questo è qualcosa che mi rende orgoglioso e fa parte delle ragioni per le quali non ho mai avuto rimpianti sul mio ritorno. Posso essere felice delle mie prestazioni e del fatto che ho continuamente migliorato negli ultimi tre anni. Ma ad un certo punto è arrivato il momento di dire arrivederci.

Già durante le scorse settimane e mesi non mi ero sicuro di avere le motivazioni e le energie necessarie per continuare; e non è il mio stile fare qualcosa di cui non sono al 100% convinto. Con la decisione di oggi mi sento sollevato da questi dubbi. Tutto sommato, non è mia ambizione girare intorno a una pista, ma lottare per la vittoria; e il piacere di pilotare è nutrito dalla competizione.

Ho detto alla fine del 2009 che volevo essere giudicato sulla base dei miei successi, ed è questo il perché ho ricevuto molte critiche negli ultimi tre anni che erano in parte giustificate. Non c'è dubbio che in questi anni non abbiamo centrato l'obiettivo di costruire una vettura in grado di lottare per il titolo mondiale. E senza dubbio io non potevo assicurare una prospettiva di lungo termine. Ma mi è anche chiaro che posso comunque essere complessivamente contento dei miei risultati in Formula 1.

Negli ultimi sei anni ho imparato tanto, anche su di me, e voglio essere riconoscente a tutti per questo; per esempio, che ti puoi aprire senza perdere la concetrazione. Che perdere può essere insieme più difficile e istruttivo che vincere, ed è qualcosa che avevo perso di vista nei primi anni della mia carriera. Che devi apprezzare di poter fare quello che ami. Che devi mettere in pratica le tue convinzioni. Ho ampliati i miei orizzonti e ora sono a mio agio con me stesso.

Volgio ringraziare Daimler, mercedes-Benz e il team per la loro fiducia. Ma voglio anche ringraziare tutti i miei amici, partner e compagni che mi hanno supportato per tanti begli anni nel motorsport. Ma più di tutti voglio ringraziare la mia famiglia per essere stata sempre al mio fianco, dandomi la libertà di vivere i miei impegni e condividere la mia gioia
".

Autore:

Tag: Motorsport , Mercedes-Benz , formula 1


Top