dalla Home

Attualità

pubblicato il 23 settembre 2012

Marchionne: "La Fiat tornerà ad investire in Italia"

La condizione è che il mercato dell'auto esca dalla crisi. Questa la promessa dell'ad al governo

Marchionne: "La Fiat tornerà ad investire in Italia"

Il Gruppo Fiat non lascia l'Italia e neanche rinuncia ad investirvi. Dopo cinque ore di confronto a Palazzo Chigi con il premier Mario Monti l'amministratore delegato del Gruppo Fiat, Sergio Marchionne, ha garantito all'esecutivo che l'azienda torinese non guarderà troppo all'estero. La promessa è sempre la stessa dei giorni scorsi: i 20 miliardi di euro promessi all'Italia con Fabbrica Italia restano congelati in attesa che il mercato dell'auto torni a crescere. Nel frattempo il Gruppo Fiat continuerà a sviluppare un modello di export che avrà come perno la produzione di auto nel nostro Paese. Per questo verrà creato un gruppo di lavoro al dicastero dello Sviluppo Economico.

Marchionne, che ha incontrato anche i ministri del Lavoro, Elsa Fornero, e dello Sviluppo, Corrado Passera, ha quindi chiesto "un sostegno per la produttività e una maggiore competitività", riconoscendo che il governo Monti "ha giovato alla credibilità dell'Italia". Un comunicato stampa ufficiale ha sigillato l'incontro: "La Fiat ha manifestato piena disponibilità a valorizzare le competenze e le professionalità peculiari delle proprie strutture italiane, quali ad esempio l’attività di ricerca e innovazione".

Autore:

Tag: Attualità , torino


Top