dalla Home

Test

pubblicato il 22 settembre 2012

Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica

Originale a tutti i costi e attraente già da ferma, la francese conferma su strada belle doti di viaggiatrice

Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica
Galleria fotografica - Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TESTGalleria fotografica - Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST
  • Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST - anteprima 1
  • Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST - anteprima 2
  • Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST - anteprima 3
  • Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST - anteprima 4
  • Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST - anteprima 5
  • Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic automatica - TEST - anteprima 6

Un’auto così unica e originale coma la Citroen DS5 non la si vedeva da tempo e forse l’ultima volta che era successo si trattava proprio di una vettura del “Double Chevron”. Il particolare approccio della Casa francese al segmento delle berline medio-grandi di livello premium ha partorito questa volta una crossover che fa dell’originalità e dell’unicità due elementi imprescindibili, visto che la Citroen DS5 non può essere paragonata direttamente ad alcun’altra berlina di segmento D. Le sue forme da “crossover” uniscono lo stile della station wagon a quella della coupé, lasciando però intatta la configurazione da monovolume di lusso, basso e filante, ma sempre monovolume. Per saggiare su strada le doti di questa stravagante “berlina”, che sfida vetture più tradizionali come BMW Serie 3, Audi A4 e Mercedes Classe C, abbiamo provato la Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP in allestimento Sport Chic e con cambio automatico, che ha un prezzo di listino di 39.100 euro.

ORIGINALE IN TUTTO, E ANCHE CHIC
L’aspetto esterno della Citroen DS5 è il punto di forza della francese, così moderno, futuribile e “aeronautico” da impressionare al primo sguardo. Si tratta di un’auto che solletica il lato edonistico di ogni automobilista, quello che gratifica inconsciamente e spinge all’acquisto “di pancia”. La versione Sport Chic che abbiamo a disposizione colpisce da subito l’osservatore con la sua grande quantità di cromature, la linea sfuggente del tetto e i dettagli di design che danno più valore alla forma dei fari anteriori e posteriori. Viene quasi voglia di accarezzarne la superficie per cercare intuire il processo creativo dei designer e facendolo ci si accorge di dettagli unici come il gruppo ottico posteriore di forma concava. I cerchi da 18” montati di serie sulla nostra DS5 si intonano perfettamente con la vernice Grigio Madreperla metallizzato e non fanno rimpiangere la possibilità di montare le pur belle ruote opzionali Cairns da 19” (da 555 euro).

AMBIENTE AERONAUTICO
Non meno intrigante dell’esterno è l’abitacolo della nostra Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic, che accoglie gli occupanti con tutti gli agi che si addicono ad una segmento D premium. Quello che sorprende piacevolmente è però il modo in cui la ricchezza degli interni si concretizza, con una serie di particolari che pongono la DS5 ad un altro livello di percezione. Non ci sono legni pregiati, ma una gran quantità di dotazioni uniche: ci sono i tre tettucci panoramici con copertura apribile separatamente, la console nella parte centrale del cielo che fa tanto aereo, i poggiatesta di forma ripiegata con base in acciaio, la selleria opzionale Club (1.750 euro) che richiama il disegno di un cinturino di orologio e il piccolo lunotto di coda diviso in due parti. Questo e i numerosi dettagli metallici contribuiscono a fare dell’abitacolo della DS5 un qualcosa di unico, che si abbina al design esterno e seduce gli amanti del design. Gli unici appunti che ci sentiamo di muovere riguardano la disposizione un po’ “sparsa” dei numerosi pulsanti, primi fra tutti gli alzacristalli posizionati in maniera poco ergonomica sulla console centrale e i comandi dei tre tetti panoramici sul cielo.

VOLO IN PRIMA CLASSE
Salire a bordo della Citroen DS5 è un po’ come entrare nel cockpit di un aereo o di un elicottero, sia per la presenza del tetto trasparente diviso in tre parti, sia per la conformazione dell’abitacolo e dei comandi. Il guidatore è “racchiuso” in una postazione comoda e ideale per visibilità, ma alcuni potrebbero sentirsi limitati nei movimenti, soprattutto a livello dell’alto tunnel centrale. Il design futuribile della DS5 ha imposto un tetto filante e sfuggente verso il posteriore, cosa che riduce in parte la visibilità posteriore, mentre la visuale sulla strada è sempre buona. I sedili sono massicci, ben imbottiti e importanti, ma la realizzazione in pelle nera senza funzione aspirante ha reso “bollente” il nostro test durante il mese di agosto. Il massaggio attivabile negli schienali anteriori è invece poco piacevole, sembrando un’attivazione continua del supporto lombare elettrico.

VIAGGIATRICE NATA
Sulla Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic con cambio automatico si viaggia comodissimi, come su poche altre vetture. Dentro è silenziosa, ovattata e confortevole come si conviene ad una vettura di segmento D che vuole rappresentare un’alternativa alle migliori tedesche. L’autostrada e i lunghi trasferimenti sono il suo terreno ideale, dove si comporta da grande viaggiatrice e offre una silenziosità di alto livello. Anche viaggiando a 130 km/h si può chiacchierare sottovoce, senza il disturbo di fruscii aerodinamici o rumori di rotolamento. La “souplesse” di marcia è da autentica regina della strada, con un assetto tendenzialmente rigido che solo a volte mostra qualche accenno di rollio. Peccato che non ci sia un sistema di regolazione dell’assetto, dispositivo che avrebbe reso più completa una vettura di questa levatura. A parte i sedili in pelle nera che scaldano e alla lunga tendono a stancare, il climatizzatore automatico è potente e veloce nel mantenere la temperatura impostata. I sedili posteriori ospitano in comodità due persone, ma l’aggiunta di un terzo passeggero centrale va come al solito a scapito del comfort di tutti. Lo sterzo ha una curiosa tendenza a diventare troppo leggero a bassa velocità ed eccessivamente duro in velocità, cosa che impone poco rilassanti interventi sul volante. Il motore, il noto e potente 2.0 HDi FAP da 163 CV e 340 Nm, è esente da critiche. In ogni condizione di guida e anche a pieno carico questo propulsore permette alla DS5 di muoversi con agilità nonostante la tonnellata e mezzo di peso. Ottimo è anche l’abbinamento con il cambio automatico a 6 marce, un tradizionale convertitore di coppia che, seppur non velocissimo, si sposa bene con le caratteristiche di erogazione dell’HDi. Durante i quasi 1.000 km del nostro test, su percorsi prevalentemente extraurbani e autostradali, il consumo si è stabilizzato attorno ai 5,9 l/100 km, che è un risultato apprezzabile; solo in città il consumo sale di molto e arriva a 10 l/100 km. Il sistema multimediale è completo e dotato di schermo grande, con un navigatore semplice e di facile utilizzo. Sempre comodo è l’head-up display con schermo trasparente a scomparsa, così come il grande vano refrigerato nel tunnel centrale che può contenere due bottiglie da 1,5 litri o varie lattine in fresco. Altrettanto utili, ma migliorabili, sono il cruise control (non adattivo), lo specchietto retrovisore interno (non autoanabbagliante) e il monitoraggio dell’abbandono corsia (con vibrazione nel sedile), mentre manca del tutto il sistema di controllo dell’angolo cieco.

COSTA UN PO’, MA NON QUANTO LE TEDESCHE
La Citroen DS5 2.0 HDi 160 FAP Sport Chic con cambio automatico che abbiamo provato ha un prezzo base di listino di 39.100 euro, cifra cui vanno aggiunti alcuni optional dell’esemplare in prova. Oltre alla vernice metallizzata (710 euro) ci sono il Pack Safe Drive (510 euro) che include avviso superamento corsia e gli abbaglianti automatici e con la Pelle Club (1.750 euro) si arriva al totale di 42.070 euro. Si tratta di un cifra in assoluto piuttosto, però riteniamo sia commisurata al livello di dotazioni e alla qualità della vettura, che paragonata alle principali rivali tedesche parimenti equipaggiate costa comunque alcune migliaia di euro in meno.

[Foto: Federico Oddone]

Scheda Versione

Citroen DS5
Nome
DS5
Anno
2011 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Citroen , auto europee


Listino Citroen DS5

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 e-HDi 115 Fap Airdream ETG-6 Chic anteriore diesel 114 1.6 5 € 30.700

LISTINO

1.6 THP 155 c.a.6 Chic anteriore benzina 156 1.6 5 € 30.700

LISTINO

2.0 HDi 160 Fap Chic anteriore diesel 163 2.0 5 € 32.000

LISTINO

1.6 e-HDi 115 Fap Airdream ETG-6 So Chic anteriore diesel 114 1.6 5 € 33.200

LISTINO

1.6 THP 155 c.a.6 So Chic anteriore benzina 156 1.6 5 € 33.200

LISTINO

2.0 HDi 160 Fap c.a.6 Chic anteriore diesel 163 2.0 5 € 33.500

LISTINO

1.6 THP 200 So Chic anteriore benzina 200 1.6 5 € 34.400

LISTINO

1.6 e-HDi 115 Fap Airdream ETG-6 Business anteriore diesel 114 1.6 5 € 34.500

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top