dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 14 settembre 2012

BMW Concept Active Tourer

A Parigi debutta la compatta ibrida plug-in, per la prima volta con motore 1.5 tre cilindri all’avantreno. Dietro c’è un elettrico che la trasforma in 4x4 o in RWD

BMW Concept Active Tourer
Galleria fotografica - BMW Concept Active TourerGalleria fotografica - BMW Concept Active Tourer
  • BMW Concept Active Tourer - anteprima 1
  • BMW Concept Active Tourer - anteprima 2
  • BMW Concept Active Tourer - anteprima 3
  • BMW Concept Active Tourer - anteprima 4
  • BMW Concept Active Tourer - anteprima 5
  • BMW Concept Active Tourer - anteprima 6

Eccola la nuova compatta premium tedesca a trazione integrale:è la BMW Concept Active Tourer, prototipo che la Casa di Monaco presenterà al Salone di Parigi (29 settembre - 14 ottobre 2012). La BMW Concept Active Tourer, oltre a prefigurare le forme e le dimensioni del futuro modello compatto di BMW, propone per la prima volta la tecnologia eDrive che caratterizzerà i prossimi sistemi di propulsione elettrica e ibrida plug-in. La peculiarità di questo prototipo è proprio sotto la carrozzeria a 5 porte, dove c’è un motore a benzina di 1,5 litri, un motore elettrico sviluppato internamente e batterie agli ioni di litio inclusi in un sistema ibrido plug-in da 190 CV complessivi. A parte la MINI Countryman, cui è strettamente imparentata, la BMW Concept Active Tourer non sembra avere importanti rivali sul mercato, dato che l’Audi A1 Sportback ha misure inferiori.

SEMBRA GIA’ DI SERIE
La BMW Concept Active Tourer è infatti una hatchback due volumi a 5 porte che ad un passo di 2.670 mm fa corrispondere una lunghezza di 4.350 mm, una larghezza di 1.834 mm e un’altezza complessiva di 1.560 mm. La posizione di guida è rialzata e l’abitabilità interna promessa è di livello “generoso”, mentre il vano bagagli risulta capiente per via del modulo batteria sistemato sotto il vano di carico. Le forme della BMW Concept Active Tourer, già perfettamente coerenti con una produzione di serie, sono quelle di una compatta crossover che segue gli ultimi dettami stilistici della Casa dell’elica (vedi BMW Serie 3), con fanaleria a LED di grande dimensioni e volumi “scolpiti” che mostrano una certa sportività nella linea a cuneo della fiancata e nel trattamento delle superfici della carrozzeria. Gli sbalzi anteriori e posteriori sono ridotti e il portellone offre un’ampia apertura in coda.

TETTO ELETTROCROMATICO
Trattandosi di una concept l’interno della BMW Concept Active Tourer si concede dei piccoli voli di fantasia come il grande tetto panoramico "Cool Shade" con vetro elettrocromatico. Particolarmente futuribile è anche la console centrale “volante” e la linearità della plancia con inserti in legno stratificato, elementi che potrebbero comunque trovare una loro strada verso la produzione di serie. Al posto della classica strumentazione c’è un display Black Panel da 10,25 pollici che a seconda delle modalità di guida Comfort, Eco Pro e Sport assume colori e visualizzazioni diverse. Non manca neppure l’head-up display e il grande schermo informativo centrale che fuoriesce dalla plancia. I sedili anteriori offrono una visuale rialzata sull’ambiente esterno, mentre quelli posteriori hanno schienali abbattibili 40/20/40 che permettono di ottenere un piano di carico perfettamente liscio. I passeggeri posteriori dispongono poi di un innovativo supporto scorrevole per tablet che funge anche da tavolino.

E’ ARRIVATO IL 3 CILINDRI
Il cuore della BMW Concept Active Tourer è il sistema ibrido plug-in (PHEV = Plug-in Hybrid Electric Vehicle) che in modalità puramente elettrica offre un'autonomia superiore ai 30 chilometri. Per la prima volta su una BMW il motore a benzina, un nuovissimo tre cilindri di 1,5 litri TwinPower Turbo (metà del noto 6 in linea), è collegato alle ruote motrici anteriori, con l’elettrico asincrono che agisce sul retrotreno per realizzare una trazione integrale o posteriore (in modalità elettrica). La combinazione dei due propulsori realizza una potenza complessiva di 190 CV e una coppia di 200 Nm che permette alla BMW Concept Active Tourer di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 8 secondi e raggiunge una velocità massima di circa 200 km/h. Il consumo medio dichiarato è di soli 2,5 l/100 km (60 g/km di CO2). Ad alimentare l‘elettromotore c’è una batteria agli ioni di litio che viene ricaricata in tre modi: attraverso il recupero di energia in frenata al retrotreno, un generatore accoppiato al motore termico anteriore e la ricarica da una presa di corrente domestica da 220 Volt. Il funzionamento dell’unità ibrida viene ottimizzato dal navigatore che calcola in anticipo le condizioni di guida più adatte ai due motori. La modalità Eco Pro fornisce poi al guidatore una serie di suggerimenti per la guida efficiente, oltre ad attivare le funzioni di “veleggiamento” fino a 125 km/h.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Bmw , parigi , auto ibride


Top